Tre best practice per sviluppare una solida strategia 5G

Tre punti chiave per compiere i primi passi verso il 5G e e sfruttarne le tantissime possibilità in ambito cloud ed edge computing.

strategia 5g

Il 5G ha un enorme potenziale di cambiamento in buona compagnia con IoT (Internet of Things) e AI (intelligenza artificiale), ma con ogni cambiamento tecnologico arriva la necessità di rivalutare priorità, strategie e investimenti. Quando si considera un futuro che include il 5G, i leader IT e di rete più lungimiranti devono sviluppare una strategia chiara per prepararsi a capitalizzare i vantaggi del 5G.

Le reti 5G globali forniscono nuove capacità tecniche avanzate che secondo 5G Americas servono oltre 429 milioni di connessioni e stanno portando le industrie moderne a esaminare come la connettività cellulare wireless 5G possa influire sulla loro attività.

Più specificamente, il 5G offre maggiore velocità e connettività migliorata attraverso un nuovo spettro, gestione delle risorse dedicate con suddivisione della rete, comunicazione altamente affidabile per latenze inferiori a 10 millisecondi, maggiore sicurezza, un core a pacchetto distribuito che diffonde le funzioni di rete principali all’edge della rete e implementazione di servizi con SBA (architettura basata sui servizi). Alcuni settori chiave che trarranno vantaggio dal 5G, sempre secondo 5G Americas, includono produzione, estrazione mineraria, servizi pubblici, assistenza sanitaria, istruzione e giochi, solo per citarne alcuni.

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

Considerate l’esempio di T-Mobile. Una ricerca di Open Signal mostra che tra marzo e ottobre, i clienti T-Mobile hanno registrato un aumento del 40% delle velocità di download su Ultra Capacity 5G e, allo stesso tempo, il numero di connessioni a Ultra Capacity 5G è più che triplicato. 

Verso una strategia 5G

Ora, consideriamo tre punti chiave per le migliori pratiche e i primi passi verso una solida strategia 5G, osservando più da vicino a come il 5G influisce sul cloud e sull’edge computing.

  • Cloud: il 5G consentirà agli operatori di rete di innovare servizi nuovi e migliorati, il tutto modernizzando le reti. Intel lo chiama cloudification, ovvero il processo di estensione di piattaforme cloud, tecnologie e capacità di virtualizzazione in una rete di comunicazione per renderla più agile, flessibile e scalabile. Per le aziende, il 5G consentirà feed e velocità più rapidi per un controllo quasi in tempo reale delle macchine. Le aziende trarranno vantaggio dalla maggiore velocità, affidabilità e bassa latenza e avranno maggiori opportunità per la creazione, l’archiviazione e il trasferimento di nuovi dati. Ne beneficeranno quasi tutti i settori, dalla produzione all’edilizia. Le aziende avranno anche nuove opportunità di innovazione e di attingere all’intelligenza artificiale.

5g

  • Edge: mentre il cloud fornisce elaborazione e archiviazione ad alto volume, l’edge fornisce una latenza inferiore ed elabora i dati più vicino alla fonte. La connettività 5G rende possibile la divisione delle risorse di elaborazione lungo il continuum cloud-network-edge e le sue capacità ultra affidabili a bassa latenza rendono ancora più efficiente la connessione più breve tra il dispositivo e l’edge. Per gli operatori di rete, le alte velocità e la latenza ultrabassa delle reti 5G e dell’elaborazione edge consentiranno alle aziende di agire sulla conoscenza dei dati quasi in tempo reale ed eliminare i ritardi delle applicazioni. Nel frattempo, le aziende saranno anche attrezzate per crescere e testare nuovi mercati espandendo il calcolo ovunque sia più sensato, offrendo così una scalabilità agile. Inoltre, sfruttando la maggiore larghezza di banda e affidabilità del 5G e dell’edge computing, le aziende saranno in grado di offrire esperienze più evolute ai clienti e sbloccare nuovi servizi per il loro settore. Ericsson suggerisce che entro il 2023 il 5G rappresenterà circa un quinto di tutto il traffico dati mobile, dove il 25% dei casi d’uso dipenderà dalle capacità di edge computing. Si prevede che la maggior parte del nuovo potenziale di entrate del 5G proverrà dai servizi aziendali e IoT, molti dei quali si baseranno sull’edge computing.

Come pianificare le nuove applicazioni 5G

Uno dei modi migliori per pianificare nuove applicazioni 5G è esaminare casi d’uso ed esempi reali nel vostro settore. Se ad esempio lavorate nella produzione, un’opportunità sarebbe quella di ridurre i tempi di fermo della produzione sfruttando la visione artificiale. Con il 5G, un piano della fabbrica potrebbe essere trasformato e i dati potranno essere forniti quasi in tempo reale.

Una volta riconosciuta l’opportunità, dobbiamo identificare cosa fare con tutti quei dati e creare una strategia per essi. Forse con dati macchina più accurati, un produttore potrebbe essere in grado di controllare e analizzare i processi industriali con alta precisione quasi istantaneamente. Pensate alle implicazioni che questo potrebbe avere sui processi di produzione se la forza lavoro potesse essere utilizzata meglio. Tutto insomma inizia con il riconoscimento di un’esigenza, sfruttando tale opportunità e quindi sfruttando i dati.

Da dove si inizia?

Iniziate da un cliente. Spesso infatti le maggiori opportunità con il 5G verranno dal considerare come potreste digitalizzare l’esperienza di un cliente. Esistono altre opportunità nei processi aziendali e nella produttività. Tenete presente che in attesa dell’infrastruttura 5G nella vostra zona non bisogna starsene con le mani in mano; c’è infatti ancora un grande divario di skill che deve essere colmato.

Dopo aver identificato le opportunità, dobbiamo quindi assicurarci che i nostri dipendenti siano pronti a creare prodotti e servizi abilitati per il 5G. Dobbiamo preparare la nostra forza lavoro. I vantaggi del 5G e le sue opportunità sono infiniti e forse il miglior consiglio che possiamo dare è quello di sfruttare il talento ora e prepararsi già oggi per il futuro della connettività.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!