Cercate nuovi talenti IT? Potrebbero già essere presenti nel vostro team

I dipendenti IT probabilmente possiedono abilità e conoscenze che non sono utilizzate nei loro ruoli attuali e potrebbero facilitare loro l'apprendimento di nuove tecnologie. Insieme, queste competenze nascoste e trasferibili forniscono un tesoro di talenti IT non ancora sfruttato

talenti it

La guerra per i talenti in tecnologie IT chiave, come cloud, cybersecurity e machine learning, continua a crescere sia per intensità che a livello geografico. L’intensità cresce a causa del passaggio accelerato al cloud, delle violazioni della sicurezza in aumento sia in frequenza che in ampiezza, delle aziende che si affannano ad aggiungere funzionalità AI nei loro sistemi e una serie di altri megatrend IT correlati. La concorrenza geografica si è ampliata a causa del COVID-19, costringendo le aziende ad essere più aperte all’assunzione di personale da remoto e consentendo ai dipendenti di richiedere un’opzione permanente di lavoro da casa. Questa moneta a due facce ha permesso alle aziende di ampliare le dimensioni dei loro pool di assunzioni e ai dipendenti di cercare nuovi posti di lavoro anche lontani dalla loro residenza.

L’interazione di questi fattori ha reso più difficile assumere e trattenere talenti IT di alta qualità. Sfruttare la combinazione delle competenze e delle conoscenze nascoste e trasferibili del vostro team IT può ridurre drasticamente le difficoltà di assunzione e mantenimento in azienda.

Le abilità e le conoscenze nascoste non sono così “nascoste” come suggerisce il nome: semplicemente non vengono utilizzate nell’attuale ruolo lavorativo del dipendente. Per esempio, potreste avere un programmatore che lavora su sistemi di contabilità che ha una laurea in matematica applicata o un analista aziendale che era un insegnante di scienze alle scuole superiori. Nessuno di questi dipendenti nasconde il proprio background in matematica o nell’insegnamento, è solo che nessuno in ufficio conosce queste competenze perché non sono rilevanti per il loro attuale lavoro.

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

Le abilità trasferibili sono quelle che rendono più facile apprendere altre abilità. Per esempio, imparare Python sarebbe più facile per un programmatore Java che per qualcuno senza esperienza di programmazione. Questo perché il programmatore Java ha già una comprensione dei concetti di programmazione, delle strutture, dell’elaborazione algoritmica e dei test del software – tutte conoscenze trasferibili.

Prima di provare ad assumere qualcuno dall’esterno, cercate internamente i dipendenti che hanno l’esperienza, le conoscenze e/o le abilità necessarie, ma che attualmente non le utilizzano nel loro ruolo lavorativo. Per esempio, con un po’ di formazione, il programmatore Java con una laurea in matematica può facilmente diventare un data scientist. Questo approccio ha diversi vantaggi:

  • il rischio di assumere è ridotto perché la persona è già nota per essere un buon dipendente
  • è probabile che il costo della formazione di una risorsa interna per svolgere il nuovo ruolo sia inferiore al costo dell’assunzione di un nuovo dipendente
  • in un mercato del lavoro ristretto, il compenso di un dipendente promosso al ruolo di data scientist sarà molto probabilmente inferiore al pacchetto retributivo necessario per assumere qualcuno che sta già lavorando per un’altra azienda
  • il morale e la lealtà complessivi dell’azienda ottengono una spinta, perché i dipendenti vedono la volontà di aiutare le persone a crescere professionalmente.

Dalla teoria alla pratica

Correlare le conoscenze nascoste alle posizioni aperte può sembrare semplice, ma richiede la conoscenza completa delle competenze e del background professionale dei dipendenti. Il programmatore Java con una laurea in matematica molto probabilmente non si farà avanti per fare domanda per il ruolo di data scientist da. Questo perché probabilmente non sa che la posizione è aperta e, anche se lo sapesse, forse non si sentirebbe abbastanza qualificato. Se conoscete le abilità e le conoscenze nascoste dei dipendenti potete rivolgervi direttamente a loro, offrire la formazione necessaria e invogliarli a candidarsi.

Le abilità trasferibili sono ancora più complicate da correlare rispetto alle abilità nascoste, perché la connessione può essere molto meno ovvia. Per esempio, se eliminate gradualmente un vecchio sistema di produzione mainframe IBM che esegue JCL, CICS e COBOL e passate a Linux, potreste perdere le competenze trasferibili all’interno del team mainframe. Mentre la sintassi e il set di comandi sono certamente molto diversi, i concetti operativi, i processi e le procedure sono concettualmente gli stessi.

L’esempio delle competenze nel mainframe illustra bene i vantaggi dell’identificazione delle competenze trasferibili e delle persone che sono disposte ad apprendere la nuova tecnologia:

  • è più probabile che i dipendenti mainframe rimangano fino alla disattivazione del mainframe, risparmiandovi così una potenziale carenza di competenze prima della dismissione del sistema
  • avrete un team esperto in prima linea, con la consapevolezza, ovviamente, che i suoi membri devono acquisire esperienza su varie nuove tecnologie
  • dimostrate ai dipendenti IT che lavorano su altre tecnologie che potrebbero essere eliminate gradualmente che l’azienda è più interessata a riqualificarli, che a metterli da parte.

Il dipartimento IT non deve fare tutto da solo. I dipartimenti delle risorse umane, in genere, sono a conoscenza delle competenze dei dipendenti, e potrebbero avere a disposizione un database che raccoglie queste informazioni. La combinazione dei dati contenuti in un solido sistema di raccolta delle competenze e del pensiero creativo da parte dei manager IT può creare grandi risultati e opportunità di miglioramento della carriera per i membri del team IT.

*Eric Bloom è Executive Director dell’IT Management and Leadership Institute, l’organo direttivo delle certificazioni ITMLP (IT Management and Leadership Professional) e ITMLE (IT Management and Leadership Executive). E’ consulente in leadership IT, comunicazione interpersonale e formazione delle competenze business.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

AUTOREEric Bloom
FONTECIO
CIO
Con informazioni, approfondimenti ed eventi ad hoc, CIO Italia è una risorsa preziosa per tutti i leader delle strutture IT e i decisori delle strategie tecnologiche aziendali.