Project manager: la guida principale per il successo del progetto

I project manager svolgono il ruolo principale nella pianificazione, esecuzione, monitoraggio, controllo e chiusura dei progetti. Ecco uno sguardo al ruolo, alle responsabilità, alle certificazioni pertinenti del project manager.

project manager

I project manager svolgono il ruolo principale nella pianificazione, esecuzione, monitoraggio, controllo e chiusura dei progetti. Sono responsabili dell’intero ambito del progetto, del team e delle risorse del progetto, del budget del progetto e del successo o fallimento del progetto.

Se state cercando una carriera nell’IT e vi state chiedendo se una posizione di project manager è giusta per voi, questo articolo potrebbe essere un buon punto di partenza. Inoltre, considerate se avete davvero le carte in regola per essere un ottimo project manager.

Responsabilità del project manager

Un project manager, con l’aiuto del suo team, è incaricato di molteplici responsabilità che abbracciano le cinque fasi del progetto di un ciclo di vita del progetto (avvio, pianificazione, esecuzione, monitoraggio e chiusura). Le fasi di gestione del progetto si intersecano con 10 aree di conoscenza, che includono integrazione, ambito, tempo, costo, qualità, risorse umane, comunicazione, acquisizione del rischio e gestione delle parti interessate.

  • Fase di avvio
    Gestione dell’integrazione: sviluppo di una carta di progetto
    Gestione degli stakeholder: identificazione degli stakeholder
  • Fase di pianificazione
    Gestione dell’integrazione: sviluppo di un piano di gestione del progetto
    Gestione dell’ambito: definizione e gestione dell’ambito, creazione di una struttura di suddivisione del lavoro (WBS) e raccolta dei requisiti
    Gestione del tempo: pianificazione, definizione e sviluppo di programmi, attività, stima delle risorse e durata delle attività
    Gestione dei costi: pianificazione e stima dei costi e determinazione dei budget
    Gestione della qualità: pianificazione e identificazione dei requisiti di qualità
    Gestione delle risorse umane: pianificazione e identificazione delle esigenze delle risorse umane
    Gestione delle comunicazioni: pianificazione delle comunicazioni
    Gestione del rischio: pianificazione e identificazione dei rischi potenziali, esecuzione di analisi del rischio qualitativa e quantitativa e pianificazione delle strategie di mitigazione del rischio
    Gestione degli appalti: pianificazione e identificazione degli appalti necessari
    Gestione degli stakeholder: pianificazione per le aspettative degli stakeholder
  • Fase di esecuzione
    Gestione dell’integrazione: dirigere e gestire tutto il lavoro per il progetto
    Gestione della qualità: eseguire tutti gli aspetti della gestione della qualità
    Gestione delle risorse umane: selezione, sviluppo e gestione del team di progetto
    Gestione delle comunicazioni: gestione di tutti gli aspetti delle comunicazioni
    Gestione degli appalti: intraprendere azioni per garantire gli appalti necessari
    Gestione degli stakeholder: gestire tutte le aspettative degli stakeholder
  • Monitoraggio e controllo
    Gestione dell’integrazione: monitoraggio e controllo del lavoro del progetto e gestione di eventuali modifiche necessarie
    Gestione dell’ambito: convalida e controllo dell’ambito del progetto
    Gestione del tempo: controllo dell’ambito del progetto
    Gestione dei costi: controllo dei costi del progetto
    Gestione della qualità: controllo della qualità dei risultati finali
    Gestione delle comunicazioni: controllo di tutte le comunicazioni del team e delle parti interessate
    Gestione degli appalti: controllo degli appalti
    Gestione degli stakeholder: controllo del coinvolgimento degli stakeholder
  • Chiusura
    Gestione dell’integrazione: chiusura di tutte le fasi del progetto
    Gestione degli appalti: chiusura di tutti gli appalti del progetto

Capacità di gestione del progetto

ADV
Webinar IVA spese di viaggio

Resilienza del business: le priorità digitali delle medie imprese italiane nel 2021

Come si stanno muovendo i tuoi concorrenti per affrontare le sfide poste dai nuovi modelli organizzativi del lavoro? Questo white paper di IDC indica le priorità di spesa delle PMI su tre filoni: remote working, sicurezza e protezione dei dati. SCARICA IL WHITE PAPER >>

I project manager efficaci hanno bisogno di qualcosa di più del know-how tecnico. Il ruolo richiede infatti anche una mentalità aziendale strategica, capacità di team building e risoluzione dei conflitti e competenze di gestione del cambiamento, tra le altre competenze chiave molto richieste. A livello di base, i project manager devono mostrare leadership, essere in grado di motivare i membri del team, stabilire le priorità e risolvere i problemi. L’adattabilità è un’altra delle competenze chiave non tecniche che i project manager devono avere per avere successo. Anche le competenze trasversali come le capacità di comunicazione possono aiutare i project manager a eccellere in questo ruolo molto ricercato.

Collaborazione, cloud e sicurezza

Ma per essere un project manager altamente efficace, dovete essere un partner commerciale strategico pienamente investito del successo organizzativo e dovete essere in grado di affrontare inevitabili battute d’arresto. In combinazione con le competenze tecniche necessarie, alcuni attributi vi renderanno più richiesti come project manager, fornendo una solida base che vi consentirà di adattarvi alle dinamiche in costante cambiamento di un progetto mettendo al primo posto le esigenze dei vostri stakeholder. I project manager altamente efficaci:

  • diventano un partner commerciale strategico
  • incoraggiano e riconoscono i preziosi contributi degli altri
  • rispettano e motivano gli stakeholder
  • sono pienamente coinvolti nel successo del progetto

Certificazioni del project manager

Diventare un project manager certificato può aprire le porte a opportunità di carriera e lavori più remunerativi. Esistono varie istituzioni educative che offrono certificazioni di gestione dei progetti con più specializzazioni. L’istituzione più ampiamente riconosciuta è il Project Management Institute (PMI), ma ce ne sono altre. Le principali certificazioni di project management includono Project Management Professional (PMP) e Certified Associate in Project Management (CAPM).

Se siete interessati a corsi di progetto open source, prendete in considerazione anche alcuni di questi corsi gratuiti di gestione dei progetti per aiutare a migliorare le conoscenze e le competenze relative al progetto. Molte aziende stanno adottando l’agile come metodologia di progetto preferita, creando la necessità per i dipendenti di sviluppare le proprie conoscenze in quest’area. I certificati Agile come l’Agile Certified Practitioner (PMI-ACP) possono darvi un vantaggio, così come i certificati basati su Scrum come il Certified ScrumMaster (CSM). 

Lavori del project manager

La parte migliore di una carriera nella gestione dei progetti è che praticamente ogni settore industriale a livello globale ha bisogno di project manager con varie specializzazioni. Le aziende nei settori della sanità, dell’aviazione, della tecnologia, dello sviluppo software, dell’ingegneria, delle costruzioni, del settore immobiliare, dell’editoria, della finanza, del marketing, della produzione, dell’istruzione, delle assicurazioni, del governo e molte altre hanno bisogno e cercano project manager capaci ed esperti.

Siti web per trovare lavoro nello spazio di gestione del progetto:

Suggerimenti per il curriculum del project manager

Trovare un lavoro come project manager significa prestare molta attenzione a ciò che il vostro curriculum dice sulle vostre capacità. Poiché il vostro curriculum è un’estensione della vostra natura professionale, create la migliore prima impressione possibile per assicurarvi che il vostro CV venga notato e porti a un colloquio. Un datore di lavoro deve valutare con interesse il vostro curriculum tanto da volervi rispondere al telefono. Ecco alcuni segreti per creare un curriculum raffinato che mostri la vostra esperienza.

Domande per il colloquio al project manager

Una volta che avete ottenuto un colloquio di lavoro, inizia la parte difficile. La maggior parte dei candidati sa come parlare dei propri punti di forza e delle proprie capacità, ma solo i migliori sono preparati a rispondere a domande del colloquio più impegnative, come “Quale pensi che sia il tuo ruolo di project manager in termini di raggiungimento degli obiettivi aziendali?” o “Come e quando hai utilizzato la tecnologia per migliorare o aumentare la tua efficacia come project manager?”

Un’altra strategia chiave prima del colloquio è condurre ricerche approfondite sull’organizzazione per la quale vorreste lavorare. I seguenti consigli vi aiuteranno a preparare risposte che si allineano meglio con il contesto aziendale specifico dell’organizzazione:

  • Ricercare il settore in cui opera l’azienda
  • Ricercare la natura dell’azienda, le sue attività, i prodotti/servizi, le parti interessate, ecc.
  • Rivedere la visione aziendale, la dichiarazione di intenti, gli obiettivi a breve e lungo termine
  • Cercare informazioni sul team di gestione e sulla cultura aziendale in generale
  • Determinare in che modo il vostro ruolo di project manager e leader può influire su quella particolare attività e, a sua volta, anche in che modo potrebbe essere influenzato da tale attività
  • Pensare a come potete utilizzare al meglio la vostra formazione ed esperienza per portare avanti con successo i progetti in questa specifica organizzazione

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!