I principali ostacoli del cloud ibrido… e come affrontarli

La combinazione di servizi cloud pubblici e cloud locali sta rapidamente diventando un'architettura preferita da molte aziende, ma gli ostacoli del cloud ibrido non sono da sottovalutare.

cloud ibrido

Molte aziende si stanno spostando in un mondo ibrido, che si tratti del modello di lavoro emergente o dell’ambiente cloud. Con quest’ultimo, un mix di servizi cloud privati e pubblici offre la flessibilità che le organizzazioni cercano in un ambiente aziendale che sembra essere in costante mutamento.

Un rapporto dell’agosto 2021 della società di ricerca Gartner rileva che gli ambienti ibridi, multicloud ed edge “stanno crescendo e preparando il terreno per nuovi modelli di cloud distribuito”. L’azienda prevede che la spesa degli utenti finali per i servizi cloud pubblici raggiungerà i 396 miliardi di dollari nel 2021 e crescerà del 22% per raggiungere i 482 miliardi di dollari nel 2022. Entro il 2026, si prevede inoltre che la spesa per il cloud pubblico supererà il 45% di tutta la spesa IT aziendale, da meno del 17% nel 2021.

Nel frattempo, anche l’adozione di cloud privati è in aumento. La società di ricerca Global Industry Analysts prevede che il mercato globale dei servizi cloud privati aumenterà da 4,9 miliardi di dollari nel 2020 a 13,2 miliardi di dollari entro il 2026, espandendosi a un tasso di crescita annuale composto del 18% nel periodo preso in esame.

ADV
Trusted Cybersecurity Bitdefender

Sanità in Italia, i sei pilastri per una cybersecurity più efficiente

Il settore è tra i più esposti, come dimostra l’attacco ransomware alla Regione Lazio. Una ricerca Bitdefender nel rapporto Clusit evidenzia gli elementi su cui è più urgente lavorare LEGGI TUTTO

Mentre alcune aziende potrebbero scegliere di utilizzare solo cloud privati o solo pubblici, un mix dei due sembra essere particolarmente interessante per molti. “Il cloud ibrido è sempre più una delle architetture più predominanti che vediamo oggi nelle aziende” afferma Nicholas Merizzi, responsabile della società di consulenza Deloitte Consulting. “Offre alle organizzazioni la flessibilità per ritagliarsi il proprio percorso di trasformazione verso il cloud in linea con le loro priorità”.

È chiaro che le organizzazioni vedono i potenziali vantaggi dell’approccio cloud ibrido, ma è meglio che siano anche preparate per incontrare e superare alcuni ostacoli. Ecco le sfide che potrebbero affrontare e alcuni consigli su come superarle.

Complessità operative

Il cloud ibrido richiede essenzialmente il mantenimento e la gestione di due ecosistemi strettamente integrati ma separati, che possono creare un ambiente operativo complesso, afferma Merizzi. “L’esecuzione di ambienti paralleli con più piattaforme tecnologiche diverse introduce complessità operative continue in aree come monitoraggio, sicurezza e supporto alla produzione”. Garantire che i processi e gli strumenti operativi siano applicabili sia nel cloud pubblico, sia nei cloud privati on-premise diventa sempre più difficile.

“Ad esempio, potrebbe esserci una suite di strumenti diversa sfruttata per la sicurezza del cloud rispetto a quella utilizzata per i sistemi on-premise”, afferma Merizzi. Allo stesso modo, l’infrastruttura sottostante che va dallo storage alla capacità di elaborazione presenta molte differenze quando si passa da un ambiente all’altro. Inoltre, migliorare le competenze del personale per lavorare in questi ambienti diversi introduce rischi e sfide di efficienza.

Per ridurre al minimo l’ostacolo della complessità, le organizzazioni dovrebbero cercare di promuovere la comunanza tra le tecnologie per le piattaforme cloud private e pubbliche, afferma Merizzi. Ciò include la disponibilità di strumenti che possono estendersi dagli ambienti locali al cloud pubblico mantenendo la stessa esperienza operativa.

I clienti Deloitte stanno “cercando soluzioni software per consentire l’osservabilità e il tracciamento delle applicazioni end-to-end che possano funzionare in un ambiente cloud ibrido. Le organizzazioni devono promuovere una maggiore visibilità operativa e una misurazione degli stati interni dei loro sistemi attraverso una solida strumentazione”.

La città di Wichita, in Kansas, sta implementando un software che le consente di monitorare meglio i suoi vari ambienti IT, inclusi i servizi cloud. “Mentre la complessità delle reti ibride è aumentata notevolmente, anche il software e le applicazioni disponibili per supportarle sono diventati più sofisticati” afferma Michael Mayta, CIO della città. “Se implementata da una prospettiva globale e mediante l’applicazione di varie tecnologie come l’automazione, la gestione di queste reti è possibile”.

Costi in aumento

La manutenzione degli ambienti cloud privati e cloud pubblici in locale può comportare notevoli sovraccarichi dei costi se un’organizzazione non è disciplinata nella gestione delle risorse sottostanti. “Molte organizzazioni sviluppano due serie di libri contabili quando operano in modalità ibrida, tra cui il cloud privato in loco e i dati finanziari del cloud pubblico fuori sede”, afferma Merizzi. “In alcuni casi, i team utilizzano persino strumenti diversi per valutare i propri dati finanziari. Questo sta portando i CIO a lottare per ottenere una visione e una proiezione integrate delle loro finanze”.

Questa esposizione viene amplificata dall’impossibilità di disattivare le risorse locali dopo aver modernizzato e reso operativi i sistemi sul cloud pubblico. “Vediamo sempre più spesso che questi superamenti dei costi emergono in più aree, inclusi i circuiti di rete e le licenze software”.

Per ridurre al minimo questo problema, Deloitte consiglia di creare un ufficio di modernizzazione del cloud a livello aziendale che si concentri su più aree, tra cui l’integrazione finanziaria e la dismissione degli asset. L’integrazione dei libri contabili per più ambienti fornisce un quadro finanziario per tutta l’azienda. Allo stesso modo, l’istituzione di un processo di dismissione può aiutare a liberare le risorse inutilizzate per ridurre la spesa complessiva.

Gli strumenti di gestione delle risorse possono aiutare a tenere sotto controllo i costi. “Senza una piattaforma di gestione multicloud unificata e centralizzata, i gruppi non sono sicuri delle proprie analisi dei costi e delle relative decisioni” afferma Arthur Hu, vicepresidente senior e CIO di Lenovo.

“Per rimediare, abbiamo fornito agli utenti strumenti di pianificazione dei costi che offrivano una chiara visibilità sull’utilizzo delle risorse, sulla fatturazione e sulle previsioni di spesa”, afferma Hu. “Abbiamo integrato questi strumenti con l’ottimizzazione intelligente delle risorse e suggerimenti per il dimensionamento per aiutarli a raggiungere un’efficienza dei costi ottimale”.

Mancanza di una strategia coerente

Il modello cloud è allettante e molte organizzazioni potrebbero essere tentate di implementare cloud pubblici e privati senza pensare a sufficienza a ciò che sperano di ottenere e al modo esatto in cui si prefiggono di raggiungere i propri obiettivi. Questo può portare a confusione, frustrazione e superamento dei costi.

“Una buona strategia cloud che delinei chiaramente il valore/business case di una soluzione cloud ibrida costosa e complicata è sicuramente un inizio” afferma Jeremy Roberts, analista e direttore della ricerca per il cloud presso la società di ricerca e consulenza IT Info-Tech Research Group. “Perché scegliere un modello ibrido? Guardate con attenzione il vostro ambiente. Quali carichi di lavoro prevedete trarranno vantaggio dall’architettura ibrida? Come? Non fatelo solo per il gusto di farlo”.

Un’organizzazione con cui Roberts ha collaborato ha preso seriamente in considerazione una distribuzione ibrida. “Quando abbiamo parlato più approfonditamente dei loro obiettivi e dei loro driver, siamo giunti alla conclusione che non erano particolarmente interessati alla gestione di un cloud privato e che volevano invece concentrarsi in primo luogo su un’implementazione multicloud SaaS, sfruttando molteplici cloud pubblici invece di un modello pubblico/privato”.

Il motivo di ciò era che, dati gli obiettivi generali dell’organizzazione, il sovraccarico e lo sforzo necessari per gestire i cloud pubblici e privati e l’interoperabilità tra loro sarebbero stati eccessivi e inutili. “Il caso potrebbe essere diverso per le organizzazioni con requisiti normativi che le costringono a mantenere alcuni dati/carichi di lavoro in sede, o per coloro che necessitano delle prestazioni che possono ottenere solo dai servizi locali, ma vogliono sfruttare le caratteristiche intrinseche condivise dal cloud pubblici e privati”, continua Roberts.

Cambio di mentalità

Come per la maggior parte dei principali cambiamenti tecnologici, uno dei maggiori ostacoli da superare quando si passa a un ambiente cloud ibrido è la necessità di un cambiamento di mentalità, afferma Hu. “Dovevamo garantire che le aziende capissero davvero il valore del passaggio a un ambiente cloud ibrido”, afferma Hu. Anche il reparto IT ha dovuto cedere all’idea. “Abbiamo dovuto iniziare da noi stessi; all’inizio l’IT non era del tutto convinto che questa fosse la giusta direzione, ma ha presto cambiato idea”. 

Lenovo ha iniziato sperimentando alcune applicazioni “faro” tramite un’infrastruttura ibrida ed è stata immediatamente in grado di dimostrare un chiaro valore. “La produttività dell’ingegneria è migliorata del 65%, grazie alle pratiche agili abilitate dalla piattaforma e dagli strumenti cloud. Una volta che abbiamo visto il valore significativo di questo cambiamento di mentalità, siamo stati in grado di “evangelizzare” con successo il resto dell’azienda e i risultati continuano a essere impressionanti”.

Mancanza di standard o pratiche consolidate

Sebbene i servizi cloud siano in uso da anni, il passaggio all’ingrosso a un’infrastruttura cloud ibrida è ancora un territorio inesplorato per molte organizzazioni. “Poiché questa era una cosa del tutto nuova per Lenovo, sapevamo di dover stabilire standard chiari per il passaggio al cloud e fornire le migliori pratiche per farlo”, afferma Hu.

Per affrontare questo problema, l’azienda ha pubblicato una guida chiara su come scegliere il giusto ambiente di hosting cloud per cloud privato, cloud pubblico o ibrido. “Abbiamo inserito questa selezione nella revisione dell’architettura aziendale di ogni applicazione”, afferma Hu.

L’azienda ha inoltre stabilito un “approccio alla migrazione 5-R” che ha aiutato i proprietari delle applicazioni a determinare il percorso migliore in base allo stato attuale dell’architettura dell’applicazione. Questo approccio include:

  • Rehosting (ridistribuzione diretta nel cloud)
  • Refactor (modificare l’architettura per adattarla al cloud)
  • Revise (modificare o estendere il codice esistente oltre la modifica architettonica)
  • Rebuild (scartare la tecnologia esistente e sviluppare da zero)
  • Replace (abbandonare l’applicazione esistente e adottare una soluzione alternativa)

Confusione del mercato

“La selezione e la gestione dei fornitori sono tra gli argomenti più spinosi per le aziende che passano oggi al cloud ibrido” afferma Chris Kanaracus, direttore della ricerca per l’infrastruttura cloud presso la società di ricerca IDC. “Questo perché c’è molta scelta; il che è positivo, ma fa anche aumentare l’indecisione”, afferma Kanaracus. “Abbiamo ovviamente hyperscaler consolidati con AWS, Microsoft e Google, ma abbiamo anche aziende emergenti come Oracle che stanno compiendo mosse aggressive in termini di costi e capacità per aumentare la propria quota di mercato”.

Altri importanti attori includono Cisco, VMware, HPE e IBM, “che vedono un’opportunità nel fornire i componenti on-premise ed edge del cloud ibrido per farli lavorare insieme agli hyperscaler. Ma anche gli hyperscaler sono interessati a questo business, come dimostrano AWS Outposts, Azure Stack e Google Anthos”.

Infine, anche le società di telecomunicazioni e i fornitori di colocation stanno entrando sempre di più in questo mix. “È davvero molto da gestire dal punto di vista di un CIO”, conclude Kanaracus. “Il monitoraggio e la gestione dei costi sono già aspetti critici nel cloud ibrido di oggi lo diventeranno ancora di più in futuro. Molti fornitori, grandi e piccoli, sono ansiosi di entrare in questo settore. Ci sono molte scelte a disposizione dei CIO e con esse anche il rischio confusione e passi falsi. È importante prendere molto sul serio quest’area di investimento”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!