Popolare di Sondrio: semplificare lo storage con l’all-flash per velocizzare l’innovazione

Come molte banche, anche la Popolare di Sondrio sta percorrendo un percorso di trasformazione digitale trainato dalle esigenze dei clienti, che chiedono servizi sempre disponibili, affidabili ed efficienti, su un numero di canali sempre maggiore. Il tutto, operando in un settore controllato e con stringenti requisiti di sicurezza e disponibilità dei dati, business continuity e disaster recovery.

È facile intuire come l’infrastruttura informatica, soprattutto per quanto riguarda lo storage di dati così sensibili, non possa ammettere compromessi, pur in presenza di vincoli di sostenibilità economica e di sforzo operativo. Per questi motivi, secondo Piergiorgio Spagnolatti, Head of Infrastructure della Banca Popolare di Sondrio, l’architettura deve essere al passo con l’innovazione e “l’introduzione e integrazione delle nuove tecnologie, che devono essere di primissimo livello, non ha più spazio per attese nell’implementazione, cali di performance o difficoltà nello scalare le risorse”.

Oltre a soddisfare tutti i requisiti – secondo Spagnolatti – l’infrastruttura scelta non deve generare troppo scompiglio. “Se la complessità di implementazione e gestione è troppo alta, si generano inefficienze e rischi perché un’architettura complessa da gestire è anche fragile”. Partendo da questi presupposti, già da qualche anno Banca Popolare di Sondrio ha cercato partnership tecnologiche che andassero nella direzione di soddisfare i requisiti di funzionalità e prestazioni, ma che avessero anche elevate caratteristiche di semplicità di gestione e protezione degli investimenti.

Leggi anche: l’infrastruttura Pure Storage come servizio sul cloud
adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

“Con l’introduzione dei flash array di Pure Storage abbiamo voluto togliere dall’equazione dei vincoli e compromessi che solitamente si pensa si debbano tollerare, per esempio tra le performance e la necessità di un fine tuning dello storage”, afferma Spagnolatti. Mettendo tutti i dati operativi nelle memorie flash ad alte prestazioni, si elimina infatti la complessità di gestione dei dati, che non devono più essere spostati tra memorie veloci, ma scarse in termini di capacità, a quelle abbondanti ma lente.  Al momento, Banca Popolare di Sondrio archivia l’80 percento dei propri dati in array all-flash. “Le prestazioni non sono solo più elevate, ma sono anche predicibili e costanti nel tempo e permettono di servire tutti gli utenti – da quelli interni che si occupano dello sviluppo di applicazioni agli utenti finali che le utilizzeranno. Il tutto si traduce in minori ritardi nell’esecuzione dei progetti, una maggiore capacità di automazione, una gestione completa del lifecycle e minori costi di gestione. Tutti fattori che devono essere considerati al di là del mero costo per gigabyte”.

Un aspetto che ha sorpreso Spagnolatti è la capacità di applicare logiche disruptive non solo alla tecnologia, ma anche all’aspetto commerciale – per esempio con il programma Pure Storage Evergreen che prevede non solo aggiornamenti software, ma anche upgrade di tecnologia programmati e già definiti a priori, e alla filosofia di prodotto, incentrata sulla semplicità (“il manuale consiste in un QR Code stampato su un biglietto da visita, e davvero in poche ore è possibile mettere in produzione un array flash; la migrazione a una nuova tecnologia non è più qualcosa da programmare nel weekend, ma avviene a caldo perché è parte del processo. Facile come aggiornare un iPhone”).

Pure Storage ha di recente aggiornato il proprio sistema operativo Purity alla versione 6, che include la possibilità di fare repliche ActiveDR che sono “near real time” e soprattutto permette di avere una gestione unificata per lo storage a blocchi e i file, grazie all’aggiunta di NFS e SMB.

 

Andrea Grassi
Editor di Computerworld e CIO Italia Giornalista professionista, ma con una formazione tecnico-scientifica, dal 1995 ha lavorato per alcune delle più importanti testate di informatica in Italia. È stato redattore di .Net Internet Magazine, il Mio Computer e MacFormat, responsabile di redazione di Computer Magazine, PC Magazine, Hacker Jorunal, Total Computer e del portale CHIP Download. Come publisher ha curato l’edizione italiana di CHIP, PC World, Macworld e ha ideato e lanciato le riviste mensili iPad Magazine e Android Magazine. È autore dei libri Windows XP per tutti e Mac OS Tiger pubblicati da McGraw-Hill e ha tradotto svariati altri manuali di programmazione, cybersecurity e per software professionali. Dal 2015 cura per Fiera Milano Media le testate Computerworld e CIO Italia dell’editore americano IDG. Ha seguito in particolar modo l’evoluzione di Internet, dagli albori della sua diffusione di massa, analizzandone gli aspetti tecnici, economici e culturali, i software di produttività, le piattaforme web e social, la sicurezza informatica e il cybercrime. Più di recente, segue le tematiche relative alla trasformazione digitale del business e sta osservando come l’intelligenza artificiale stia spingendo ogni giorno più in là il confine della tecnologia. Puoi contattarlo via email scrivendo ad andrea.grassi@cwi.it e seguirlo su Twitter (@andreagrassi) o Linkedin.