Perché la strategia dei dati è necessaria per il Digital Asset Management

Prima di esaminare qualsiasi strumento per risolvere le sfide relative ai dati, l'approccio di un'azienda dovrebbe concentrarsi sui componenti di una strategia globale di gestione dei dati.

dati

Asset digitale: un termine alla moda o un concetto trasformativo? Un asset digitale è semplicemente un contenuto che viene archiviato digitalmente, in genere in database commerciali. Tuttavia, nelle aziende, questo contenuto diretto ha molte forme pertinenti, anche cruciali come dati operativi, processi aziendali, sistemi aziendali, fogli di calcolo, file di testo, file audio, PDF, documenti di Word, documenti HTML e altro ancora. Ma quale valore è nascosto in tutti quei contenuti? Come è possibile vagliare i dati relativi ai clienti che offrirebbero alle aziende un vantaggio competitivo per la conservazione e l’acquisizione?

I digital asset sono preziosi quanto lo è il contenuto che rappresentano, che può essere facilmente codificato, ricercato e analizzato. Mentre alcuni asset digitali sono mission-critical (ovvero, incentrati sul cliente), ci sono anche molti asset che non hanno un valore elevato. La chiave per organizzare e differenziare questi asset è un’eccellente strategia digitale, motivo per cui negli ultimi 10 anni c’è stata una forte spinta in questo spazio per le aziende di Fortune 1000. Tuttavia, sembra che la maggior parte delle strategie sia stata diluita, dimenticata o disallineata. Le aziende devono tornare sulla buona strada e arrivare a uno stato in cui il contenuto è facilmente digitalizzabile e analizzato per scovare valore aziendale.

Un framework di risorse digitali da solo è inefficace per un’azienda senza questa solida strategia digitale in atto. Questi processi intrecciati dipendono dal business e dalla tecnologia che lavorano di concerto.

Qual è il vostro DNA digitale?

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Una strategia digitale dovrebbe rispecchiare il DNA digitale di un’organizzazione poiché questo permea tutti i dipartimenti, i processi e i dati. Tuttavia, quando una buona strategia per i dati è abbinata alla strategia digitale, la gestione dell’asset digitale (DAM) viene prodotta come un modo per strutturare e archiviare tutte le risorse digitali di un’azienda. DAM non è qualcosa che ogni azienda deve inventarsi. Esistono potenti strumenti DAM che possono far progredire in modo significativo l’agenda digitale di un’azienda. Esistono ricerche di Gartner o Forrester che analizzano i pro e i contro di questi strumenti, dal momento che ogni programma ha un focus particolare come la gestione patrimoniale del marchio o la supply chain digitale.

Tuttavia, il DAM di un’azienda non può produrre la trasformazione digitale desiderata se l’elemento chiave della strategia, i dati, è debole. Il DAM non serve se gli asset digitali hanno dati errati o hanno etichette diverse per lo stesso asset (tassonomia dei dati), causando il danneggiamento dei dati. Un buon esempio è il processo di acquisizione e tutte le sfide che ciò potrebbe comportare senza una terminologia dei dati standardizzata come parte della strategia.

asset

Proprio come ci sono strumenti sul mercato apposta per il DAM, ci sono anche strumenti per la gestione dei dati. Ma prima di esaminare qualsiasi strumento per risolvere le sfide relative ai dati, l’approccio di un’azienda dovrebbe concentrarsi sui componenti di una strategia globale di gestione dei dati. Altrimenti il rischio è di costruire un processo attorno a uno strumento da solo.

Strategia dei dati: non si tratta solo degli strumenti

Di seguito sono riportati i componenti di una strategia di dati che devono essere messi in atto prima di implementare una soluzione di gestione di digital asset.

  • Governance dei dati: la corretta governance garantisce che le risorse di dati importanti siano gestite formalmente. La governance garantisce che i dati siano conformi ai requisiti aziendali. I comitati di governance a livello aziendale devono essere istituiti per un’alleanza strategica. La qualità dei dati fa parte di questa funzione.
  • Master Data Management: MDM rappresenta i processi e gli strumenti che definiscono e gestiscono i dati fondamentali critici di un’organizzazione. MDM fa affidamento su un piano di governance dei dati ben preparato. Di fatto un MDM senza governance … è solo l’integrazione dei dati.
  • Gestione e tassonomia dei metadati: i metadati sono un descrittore completo di dati e la tassonomia è il modo in cui i dati sono classificati. Questo entra in gioco come nel precedente esempio di acquisizione.
  • Architettura dei dati: architetture fisiche (data center, cloud, HADOOP ecc.) e logiche che cambieranno in base ai requisiti aziendali e alla governance dei dati.
  • Analytics: ottenere l’output giusto. Potete avere i migliori strumenti e framework di strumenti, ma i dati “laterali”, non importa quanto belli siano, forniranno risultati negativi.

Sviluppando inizialmente una solida strategia per i dati, le aziende possono sfruttare efficacemente le proprie risorse digitali. Anche la migrazione al cloud, la tecnologia legacy e i servizi API saranno serviti meglio. Una buona strategia per i dati garantirà che un’azienda sia agile e in grado di soddisfare le esigenze del mercato, della conformità e della sicurezza. Sfortunatamente cercare di utilizzare strumenti per risolvere rapidamente il problema di sfruttare le vostre risorse digitali per promuovere la vostra strategia digitale senza mettere in ordine i vostri dati comprometterà il successo finale.