Perché la gamification è un ottimo strumento per il coinvolgimento dei dipendenti

I premi che un giocatore ottiene per il completamento dei livelli o la raccolta di punti possono essere replicati in un ambiente di lavoro per migliorare il coinvolgimento, motivare la crescita personale e incoraggiare il miglioramento continuo.

gamification

Il gaming non riguarda solo il raggiungimento del livello del boss finale o l’esplorazione dell’intera mappa in una sandbox digitale, ma anche il modo in cui i giochi possono migliorare o aumentare il modo in cui viviamo e interagiamo con gli altri. Quelli di noi interessati al game design vogliono sapere se la psicologia dei giochi può essere applicata alla nostra forza lavoro e agli obiettivi di coinvolgimento dei clienti.

La gamification, definita da Gartner come “l’uso di meccaniche di gioco e design dell’esperienza per coinvolgere e motivare digitalmente le persone a raggiungere i propri obiettivi”, fa parte da decenni delle strategie di ottimizzazione del business e della brand awareness. Dopotutto i giochi fanno parte della psiche umana, in perfetta sintonia con il bisogno di competizione e con le emozioni umane che sono parte integrante del gioco stesso.

Il gaming è ovunque

La cosa fondamentale da ricordare è che si presume che i giochi riguardino esclusivamente i videogiochi. Ma chiedete a tutti quelli che usano l’app di Starbucks per guadagnare punti per un caffè gratuito se stanno “giocando” e otterrete in cambio uno sguardo a dir poco perplesso. Lo stesso vale per l’app di Nike che gli utenti presumono sia solo un fitness tracker, quando invece l’azienda americana ha integrato il game design per renderla un’esperienza competitiva. Spesso le meccaniche del gioco sono nascoste alla vista, ma gli sviluppatori hanno integrato i principi di gamification in numerose iniziative nel corso degli anni.

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

La gamification è il cuore pulsante di quasi tutto ciò che tocchiamo nel mondo digitale. Con i dipendenti che lavorano in remoto, questa è una soluzione perfetta per i datori di lavoro. Se applicato nel formato giusto, il gioco può infatti aiutare a creare coinvolgimento nell’ambiente di lavoro remoto odierno, motivare la crescita personale e incoraggiare il miglioramento continuo in un’organizzazione.

Obiettivi e motivazioni semplici

Alcuni anni fa, la mia azienda ha sviluppato una piattaforma di coinvolgimento incentrata sul gioco che ha tradotto il riconoscimento da colleghi e clienti in una valuta intercambiabile chiamata InfoDollars. Quando un dipendente faceva qualcosa ritenuto degno di ricompensa, riceveva un determinato numero di token riscattabili che potrebbero essere utilizzati per acquistare gadget aziendali o, in alcuni casi, essere scambiati con denaro reale da donare a enti di beneficenza.

Per un po’ ha funzionato bene in termini di incentivazione e maggiore coinvolgimento, ma presto mi è diventato chiaro che il sistema funzionava solo se veniva trattato come un gioco vero e proprio e non come un processo di riconoscimento del quid pro quo tra i dipendenti.

Nello spazio di lavoro connesso, la gamification è essenzialmente un metodo per fornire obiettivi e motivazioni semplici che si basano sul coinvolgimento digitale piuttosto che su quello di persona. Allo stesso tempo, c’è una tacita comprensione sia tra il game designer, sia tra i “giocatori” che quando questi obiettivi sono allineati per avvantaggiare l’organizzazione, le ricompense spesso incidono più dei profitti.

customer experience

I dipendenti coinvolti sono una parte preziosa degli obiettivi aziendali definiti e molti studi dimostrano che il mancato coinvolgimento influisce sui profitti. Allo stesso tempo, è più probabile che i dipendenti motivati vogliano rendere l’esperienza del cliente il più soddisfacente possibile, soprattutto se c’è un riconoscimento interno di un lavoro ben fatto.

Ad esempio, un recente sondaggio sulla Generazione Z e dei Millennial ha rilevato che il 78% degli intervistati sarebbe più fedele al proprio datore di lavoro se i “premi di riconoscimento” facessero parte del lavoro. Questa è una scienza comportamentale di base, ma i programmi di riconoscimento che si basano su piattaforme di identità condivisa, ricompense sociali e feedback sui progressi hanno maggiori probabilità di instillare una cultura di apprendimento, riconoscimento e ambizione.

In altre parole, i premi che un giocatore ottiene per aver completato i livelli in un gioco o raccogliendo abbastanza punti per passare alla fase successiva possono essere replicati in un ambiente di lavoro. L’aspetto importante da tenere a mente però è che mentre la gamification è un modo comprovato per aumentare il coinvolgimento dei dipendenti, introdurre semplicemente “giochi” sul posto di lavoro non è la soluzione ideale. Certo, premi e badge sono un incentivo, ma le aziende devono sapere quali sono gli obiettivi prima di intraprendere questa strada.

Nella mia esperienza, ciò include elementi come concentrarsi sui risultati che si desidera ottenere e mantenere la trasparenza in tutto. La gamification non deve essere eccessivamente complessa, ma i dipendenti dovrebbero sapere perché stanno facendo qualcosa e dove stanno andando.

Dovete incorporare l’aspetto della socializzazione (i gamer sono spesso parte di una comunità) e premiare i migliori risultati. Ciò significa che dovete sapere quali sono le giuste ricompense e assicurarvi che coloro che giocano siano motivati a vincere cose che contano davvero anche se si tratta di premi quasi “banali”, come ad esempio ottenere un posto migliore nel parcheggio dell’azienda.

D’altro canto, ci devono essere aspettative realistiche su quale sia effettivamente lo scopo del gioco e, soprattutto, l’aspetto competitivo non deve essere l’unico obiettivo. Certo, tutti i giochi comportano un certo livello di competizione tra squadre o individui, ma non tutti i dipendenti saranno motivati a vincere a tutti i costi. Solo per questo motivo, il gioco deve soddisfare sia coloro che vogliono competere, sia coloro che vogliono solo giocare.

Risoluzione dei problemi e pensiero creativo

I gamer hanno una meritata reputazione di essere ottimi risolutori di problemi e pensatori creativi, in parte perché i giochi in cui si cimentano richiedono il completamento con successo di sfide più o meno complesse per progredire. Tuttavia, i modi in cui le aziende possono applicare le tendenze di gamification nelle proprie organizzazioni sono numerosi.

La gamification non è una novità, ma ha il potenziale per raggiungere un pubblico non sfruttato fornendo loro un’esperienza familiare. Il gioco è nel nostro DNA e i miliardi di dollari generati dai videogiochi di maggior successo sono la prova che oggi c’è un posto ben preciso per questa forma di engagement come strategia aziendale.

Le aziende che desiderano aumentare o migliorare il coinvolgimento dei dipendenti e, per associazione, l’esperienza del cliente dovrebbero prendere atto del fatto che la maggior parte delle persone di solito è desiderosa di giocare. La domanda da porsi più che altro è se anche i datori di lavoro sono pronti per questa sfida.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!