Otto tecnologie disruptive che segneranno il futuro delle aziende

Dall'intelligenza artificiale alla realtà aumentata, queste otto tecnologie disruptive inizieranno a guidare le organizzazioni più lungimiranti negli anni a venire.

spesa it

Il ritmo del cambiamento tecnologico ha avuto un profondo impatto in quasi tutti i settori. Nel prossimo anno, i modi nuovi e in evoluzione di gestire i dati saranno i protagonisti delle attività aziendali. Le innovazioni nell’intelligenza artificiale, nell’edge computing e nei robot saranno sempre più sfruttate per un vantaggio competitivo, poiché le organizzazioni cercano di utilizzare i dati in modo rapido ed efficiente per prendere decisioni migliori. Le aziende che invece non riusciranno ad anticipare queste e altre tendenze emergenti rischiano una crisi esistenziale in rapida accelerazione.

Per avere un’idea di dove le aziende dovrebbero piazzare le loro scommesse, abbiamo parlato con esperti di tecnologia su ciò che secondo loro finirà con l’influenzare un’ampia varietà di organizzazioni nel loro percorso di trasformazione digitale. Ecco come hanno risposto.

Robotic process automation (RPA)

Le aziende stanno ottenendo grandi vantaggi da un semplice concetto: delegare compiti e processi aziendali noiosi a robot software per l’automazione. Chiamata Robotic process automation (RPA), questa tecnologia sta già avendo un impatto sulla semplificazione dei flussi di lavoro per gli early adopter, con largo anticipo rispetto alle previsioni di molti analisti.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

“Il tasso di avanzamento e utilità funzionale quando si parla di RPA è sorprendentemente elevato e sembra migliorare di ora in ora” afferma Matt Stevens, CEO di AppNeta. “Non mi aspettavo davvero di vedere questo livello di intelligenza o capacità arrivare così in fretta.” Secondo Gartner la RPA sta superando tutti gli altri segmenti del mercato del software aziendale a livello globale, con un fatturato di 1,3 miliardi di dollari previsto a fine 2019. Nel 2018 il mercato è cresciuto del 63%, raggiungendo 846 milioni di dollari.

“L’automazione di tipo RPA rimuove le attività ripetitive e di routine dalle attività quotidiane di un dipendente e gli consente di concentrarsi su lavori di maggior valore che aiutano a innovare per l’azienda o migliorare l’esperienza del cliente. L’RPA aiuta le organizzazioni a migliorare l’efficienza operativa, migliorare la qualità e migliorare la conformità normativa” afferma Thomas Phelps, CIO di Laserfiche. Con un percorso comprovato verso il valore aziendale, ci aspettiamo che ancora più aziende lancino iniziative RPA nei prossimi mesi.

Intelligenza artificiale

blockchain

“L’intelligenza artificiale sta aiutando le aziende ad affrontare problemi che sarebbero scoraggianti o impossibili per il personale tecnico o aziendale” afferma Tim Jobling, CTO di Imagen. “Non crediamo nella visione secondo cui le macchine si prenderanno tutti i lavori umani, ma stiamo assistendo a una rivoluzione simile a quella in cui i computer sono diventati per la prima volta mainstream. Oggi stiamo assistendo a un’ondata di problemi affrontati da approcci di tipo AI e ML (machine learning) e questo principalmente toglie parte del noioso carico di lavoro o consente nuove elaborazioni su una scala impossibile quando il lavoro deve essere svolto da persone. Ad esempio, l’intelligenza artificiale consente ai nostri clienti di creare metadati ricercabili dall’audio che possono quindi essere utilizzati e ridimensionati a grande volume. Senza AI, questo processo sarebbe fatto manualmente o non si farebbe proprio”.

L’intelligenza artificiale sta inoltre svolgendo un ruolo importante nella difesa delle organizzazioni dalle minacce alla sicurezza, una tendenza che Vinay Sridhara, CTO di Balbix, si aspetta che continuerà a guadagnare terreno nel prossimo anno. “Le aziende utilizzano l’AI per consentire ai propri team di sicurezza informatica di farsi un’idea precisa del rischio di violazione, analizzando fino a diverse centinaia di miliardi di segnali variabili nel tempo attraverso la propria rete”, afferma Sridhara. “Ciò consente ai responsabili della sicurezza delle informazioni di analizzare continuamente i dati sulla sicurezza informatica ad alto volume e ad alta velocità e ottenere visibilità in tempo reale sul rischio di violazione della loro azienda. Le piattaforme basate sull’intelligenza artificiale forniscono persino passaggi prioritari per risolvere i problemi al fine di favorire la riduzione dei rischi informatici in tutta l’azienda, consentendo loro di proteggere meglio le informazioni dei loro clienti”.

DataOps

“L’adozione di un approccio agile alla gestione dei dati con l’intelligenza artificiale e il machine learning può contribuire a dare alle aziende un vantaggio nel 2020” afferma Renee Lahti di Hitachi Vantara. Questo approccio collaborativo e interfunzionale all’analisi, noto come DataOps, potrebbe rivelarsi altamente dirompente se adottato. “Le aziende lo stanno iniziando a capire solo ora. Si tratta più delle persone piuttosto che dell’adozione del processo. Secondo Gartner, l’attuale tasso di adozione di DataOps è inferiore all’1% del mercato indirizzabile, ma quell’1% avrà un enorme vantaggio competitivo”.

Chris Bergh, CEO di DataKitchen, afferma che il concetto di DataOps combina sviluppo agile, DevOps e insegnamenti tratti dalla produzione. “È una metodologia che consente ai team di data science di prosperare nonostante i crescenti livelli di complessità richiesti per implementare e mantenere analytics sul campo”, afferma Bergh. “Senza l’onere del debito tecnico e del lavoro non pianificato, i team di data science possono concentrarsi sulla propria area di competenza, creando nuovi modelli di AI e analisi che aiutino le aziende a realizzare la propria missione.”

L’approccio DataOps, che unifica i flussi di lavoro relativi all’analisi dei dati, può avere effetti a catena intangibili sulla capacità di un’organizzazione di estrarre valore dai suoi dati. “Ciò migliora il lavoro di squadra e riduce i processi manuali che riducono la produttività. DataOps trasforma le organizzazioni di dati da team caotici e lenti a team ad alte prestazioni.”

Video e UC

acquisizioni Zucchetti EdiSoftware
Depositphotos

L’esperienza dei dipendenti sta diventando un fattore cruciale per il successo organizzativo, non solo in termini di produttività, ma anche come elemento chiave per attirare talenti altamente richiesti. In un sondaggio di quasi 300 aziende per determinare ciò che rende grande un’esperienza per i dipendenti, i ricercatori del MIT hanno scoperto (non senza sorpresa) che in cima alla lista c’è il video. Gli investimenti nella tecnologia video portano all’innovazione, nonché a una migliore collaborazione e produttività.

“Vediamo aziende che investono in modo significativo nelle tecnologie video interattive, in particolare mentre diffondono l’uso della metodologia agile al di là dei loro team di sviluppo software al resto dell’azienda” afferma Kristine Dery, ricercatrice presso lo Sloan Center for Information Systems Research del MIT. “Questo metodo agile altamente interattivo di consegna del progetto richiede ai team di essere faccia a faccia o di avere le tecnologie che replicano quelle situazioni più intime in modo più realistico possibile.”

Si prevede che la tecnologia video continuerà a simulare e migliorare la comunicazione faccia a faccia con nuove funzionalità, come la realtà virtuale (VR) e altre tecnologie immersive, in particolare mentre le organizzazioni lavorano per colmare il divario di competenze con i team distribuiti. Allo stesso modo Stevens di AppNeta vede un ritorno le Unified Communications (UC) negli anni a venire.

“I problemi di attrito cronico e affidabilità hanno reso le prime soluzioni UC una scommessa per le aziende”, afferma Stevens. Ma gli strumenti attuali hanno risolto questi inconvenienti. “Gli ultimi strumenti UC aggiungono funzionalità visive e di condivisione dei contenuti fondamentali. Possono effettivamente migliorare l’efficienza della riunione, avendo un impatto al di là di ciò che le interazioni faccia a faccia possono offrire, consentendo una più ampia inclusione e partecipazione attiva negli ambienti di lavoro altamente distribuiti di oggi.”

5G

L’hype verso il 5G tende a trascurare il fatto che un lancio nazionale della tecnologia richiederà anni per essere realizzato. Ma ciò non sta fermando le aziende dall’elaborazione di piani per un servizio wireless ad alta velocità e bassa latenza. “Le organizzazioni stanno avanzando le loro strategie di 5G anche prima della diffusa disponibilità della rete” afferma Jason Hayman, responsabile delle ricerche di mercato presso TEKsystems.

Anche il CTO di VoltDB, Dheeraj Remella, vede promesse nel 5G ma avverte che le aspettative sulla tecnologia potrebbero causare problemi. “Se i gestori wireless e le imprese non sono in grado di gestire l’assalto dei dati fornito con il 5G, la latenza nei processi dai quali dipendenti o clienti si aspettano un feedback in tempo reale con velocità di rete più elevate rispetto a quelle odierne ha il potenziale di incitare rivolte contro determinati marchi o tecnologie”, afferma Remella.

Per contrastare questa eventualità, secondo Remella le aziende dovrebbero implementare architetture di dati scalabili e in tempo reale che “vadano oltre il semplice inserimento di dati e, in definitiva, guidino le azioni prendendo decisioni intelligenti e dinamiche su più flussi di dati”.

Inoltre, Remella vede per il 5G un effetto a catena. “La promessa del 5G è costringere le organizzazioni a identificare i processi attuali che sono maturi per il cambiamento e garantire che lo stack IT esistente possa soddisfare le esigenze delle nuove reti. Per questo motivo il 5G sta guidando l’adozione di altre tecnologie influenti, dall’edge computing alla realtà virtuale e all’elaborazione in streaming”.

Container

container

Container e microservizi stanno attirando l’interesse delle organizzazioni che hanno bisogno di sviluppare e ridimensionare rapidamente codice, specialmente quando si tratta di IoT o cloud. “È interessante vedere progetti IoT coinvolgere molte tecnologie di tendenza come edge computing, serverless e container, insieme a strutture organizzative attorno a DevOps e microservizi” afferma Todd Loeppke, CTO di Sungard AS.

“Alcuni nostri esperti hanno sottolineato l’adozione diffusa di Kubernetes, un sistema di orchestrazione di container open source che automatizza la distribuzione, il ridimensionamento e la gestione dei container. Kubernetes consente architetture completamente nuove che possono espandersi rapidamente. Kubernetes ha anche contribuito a generare o amplificare una serie di altre tecnologie come l’automazione della pipeline CI/CD basati su container e servizi”.

“Kubernetes è il modo più popolare di gestire applicazioni e servizi containerizzati in esecuzione in ambienti locali e cloud, nonché dispositivi di tutte le dimensioni” afferma Jeff Reser, responsabile globale di prodotti e marketing di SUSE. “Con sempre più cose da gestire, automatizzare la distribuzione e l’orchestrazione di infrastrutture e applicazioni è parte integrante delle infrastrutture software-defined.”

Esperienze immersive (AR, VR, mixed reality)

Le esperienze immersive sono state ben pubblicizzate, ma la loro implementazione procede a ritmi piuttosto blandi. Tuttavia, la promessa è allettante e Bill Bodin, CTO di Kony, un produttore di app aziendali, vede in particolare la realtà aumentata (AR) fornire vantaggi aziendali a un mix di settori, dai retailer alle applicazioni industriali e alla formazione.

“Con l’AR possiamo “aumentare” la visione degli scaffali dei negozi e dei prodotti in tempo reale. Nella manutenzione, nella riparazione e in molte applicazioni industriali, possiamo creare sovrapposizioni informative su apparecchiature meccaniche o elettriche, mettendo i parametri chiave della strumentazione direttamente nelle mani degli addetti alla manutenzione”.

Bodin vede anche esempi nel settore dei viaggi, con aeroporti che offrono display virtuali personalizzati per il viaggiatore. “Nelle banche, possiamo utilizzare la realtà aumentata per indirizzare i clienti verso le aree di servizio chiave e mostrare dinamicamente i nomi e le aree specialistiche del personale della filiale”, aggiunge. “Per coloro che forniscono assistenza alle apparecchiature bancarie, come gli sportelli bancomat, siamo in grado di fornire visualizzazioni di guasti periferici interni e fornire riferimenti di riparazione sicuri su misura proprio per il problema.”

Todd Maddox, ricercatore presso Amalgam Insights con focus sulla scienza del cervello, vede anche potenziali usi per esperienze immersive nei programmi di formazione. “La realtà virtuale ha un grande potenziale per la formazione e le soft skill, in particolare per il training delle abilità delle persone, come l’empatia e la comunicazione. La realtà virtuale e la realtà aumentata sono molto efficaci perché fondate sull’apprendimento esperienziale e perché coinvolgono ampiamente centri multipli di apprendimento e performance nel cervello, compresi i sistemi cognitivi, comportamentali, emotivi ed esperienziali”.

IoT e edge computing

Un recente report di CompTIA ha rilevato che circa un terzo delle aziende statunitensi ritiene che le strategie IoT possano aiutare a generare entrate aumentando la produzione, monetizzando i dati o aiutando a vendere servizi come prodotto. Loeppke di Sungard sta assistendo a progressi nell’edge computing IoT ma vede anche la necessità di strumenti di AI e ML per gestire i dati generati in un modo che sia più accessibile per le aziende.

“I big data sono in circolazione da circa 10 anni, ma la vera sfida con i big data è trovare un modo per dargli un senso e capire come usarli per scopi commerciali”, afferma Loeppke. “Secondo me gli strumenti tradizionali sono stati utilizzati con scarso successo. Con la tecnologia ML resa più accessibile, un numero maggiore di aziende sarà in grado di fornire una migliore esperienza al cliente e avrà maggiori probabilità di monetizzare i dati accumulati negli anni.”

“Ciò a cui gli umani tengono veramente è l’interazione con il mondo reale, che richiede intelligenza all’endpoint” afferma Sumir Karayi, fondatore e CEO di 1E. “Ecco perché penso che l’edge computing sostituirà l’IoT. Le persone pensano all’IoT come a questa stupida entità che si collega al cloud e fornisce in modo efficace al cloud intelligenza anziché essere sé stessa intelligente. E hanno ragione a pensarlo, perché i dispositivi connessi generano un’intera massa di dati su cui non si ha alcun controllo. L’edge computing, invece, offre capacità decisionali locali e un maggiore controllo dei dati personali.”