6 suggerimenti per migliorare l’allineamento tra business e IT

In un mondo in rapida evoluzione, i leader IT e di business devono collaborare per guidare la propria azienda nella giusta direzione

allineamento business IT

Quando manca l’allineamento tra business e IT, tutti team aziendali possono aspettarsi un percorso a ostacoli. I sintomi rivelatori del disallineamento includono andare nella direzione sbagliata, scarso controllo della situazione, produttività e risultati in calo. “La trasformazione digitale ha provocato un cambiamento fondamentale nel modo in cui un’organizzazione offre valore ai propri clienti”, afferma Sameer Bhagwat, vicepresidente e responsabile del centro di eccellenza dei servizi gestiti presso Capgemini Americas.

Bhagwat osserva che, con l’intero ecosistema aziendale ora interconnesso, le aziende devono essere agili per affrontare esigenze di business e di mercato in continua evoluzione. “Quando l’IT e il business sono allineati correttamente, i leader possono raggiungere i propri obiettivi in modo più efficace”.

Ecco sei suggerimenti rivolti ai CIO per favorire un migliore allineamento tra business e IT nella propria azienda.

1. Conoscere il business

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

Il CIO non è più solo un esperto di tecnologia. Nell’attuale ecosistema, “il CIO è anche un decisore aziendale”, afferma Michael Pusateri, CEO e fondatore di Siepe, un provider di servizi gestiti di cloud pubblico e analisi dei dati.

Un CIO deve comprendere l’intera azienda e tutti i punti deboli della tecnologia esistenti o potenziali. Concentrandosi sulla sfida aziendale, può aiutare il management a creare una soluzione multidimensionale a un problema, anziché fornire semplicemente consigli da una prospettiva tecnologica.

“Ciò consente al CIO di sviluppare o scegliere una soluzione adatta all’azienda, invece di scegliere solo la tecnologia più recente che potrebbe non soddisfare le attuali esigenze di business”, dice Pusateri.

Una comunicazione fluida tra il CIO e il CEO garantisce una migliore trasparenza e una previsione più accurata di come andrà avanti l’impresa“, osserva Pusateri. I CIO dovrebbero anche svolgere un ruolo centrale nei team di pianificazione strategica, nonché durante il processo di pianificazione aziendale generale, e non limitarsi a rispondere alle richieste delle singole unità aziendali. “Il CIO ha il potere di elaborare le migliori soluzioni tecnologiche per realizzare la visione del CEO invece di essere tirato in molte direzioni”.

2. Rafforzare la partnership tra i manager

Oltre a lavorare a fianco del CEO, il CIO deve anche allinearsi con le rispettive controparti aziendali nelle vendite, nel marketing, nella finanza, nelle risorse umane e in altre aree chiave di gestione. “La collaborazione tra queste funzioni è fondamentale per essere pronti per la prossima ondata di opportunità”, afferma Sheri Rhodes, CIO di Workday, fornitore di servizi software per le risorse umane, payroll e la gestione finanziaria.

Rhodes osserva che una forte partnership tra CIO e CFO, per esempio, può diventare il motore di un’innovazione di successo. “Io e il nostro CFO, Robynne Sisco, abbiamo lavorato a stretto contatto come mai prima d’ora per discutere della trasformazione digitale e ripensare l’equilibrio delle nostre priorità aziendali”, afferma.

Lo scarso allineamento dipartimentale e processi decisionali isolati possono “ostacolare la capacità di rispondere rapidamente ai cambiamenti negli ambienti aziendali interni o esterni”, osserva Rhodes. “Nel tempo, questo influisce negativamente su iniziative in aree diverse come gli aggiornamenti di rete, gli strumenti di collaborazione, la condivisione dell’ufficio, le applicazioni cloud e l’infrastruttura”.

Utilizziamo il framework Objectives and Key Results (OKR) per favorire la collaborazione e l’allineamento, che a loro volta permettono diventare più agili e a raggiungere i risultati desiderati”, afferma Rhodes. “Le aziende collaborative e ben attrezzate per reagire rapidamente alle mutevoli esigenze hanno maggiori probabilità di creare la strategia digitale di maggior successo e di lunga durata”.

3. Formare team interfunzionali focalizzati su aree di business chiave

Oltre a contattare i colleghi aziendali Matt Mead, CTO presso la società di modernizzazione tecnologica SPR, suggerisce di promuovere un ambiente organizzativo che incoraggi la formazione di team interdipartimentali in aree aziendali chiave, come lo sviluppo del prodotto, il marketing e le vendite. “Tali rapporti di collaborazione aiuteranno a trasformare l’IT da un centro di costo in un attore aziendale strategico”, afferma. “Diventare un partner strategico posizionerà l’IT come un team di maggior valore, che ottiene più fiducia e rispetto”.

Secondo Mead, l’assunzione di personale IT per collaborare con altri esperti aziendali aprirà le porte a nuovi concetti e approcci. Incoraggerà il personale a pensare in modo strategico agli obiettivi di prodotti e servizi, nonché a sviluppare tecnologie innovative con obiettivi aziendali definiti. Nel complesso, può portare a un’organizzazione IT meglio allineata, focalizzata sul raggiungimento degli obiettivi aziendali piuttosto che solo sugli obiettivi tecnologici.

Inoltre, in un mondo in cui i professionisti IT sono molto richiesti e la fidelizzazione è diventata più importante che mai, un reparto IT che lavora a stretto contatto con i colleghi di lavoro può raggiungere un livello più elevato di rilevanza e visibilità. “Sviluppare un miglior senso di scopo e importanza aiuta a trattenere i migliori talenti IT”.

4. Allineare i KPI IT ai risultati aziendali

Allineare i KPI IT con i risultati aziendali è un modo relativamente semplice per rendere le operazioni IT più rilevanti per le controparti aziendali”, afferma Bhagwat di Capgemini Americas. Con l’arrivo della trasformazione digitale, la centralità del cliente è diventata essenziale per il successo aziendale a lungo termine.

Gli ultimi progressi nell’intelligenza artificiale e nell’automazione, e come possono aiutare nella risoluzione dei problemi, sono un esempio di come l’IT abbia un impatto diretto sui KPI aziendali”, osserva.

Inoltre, il team IT potrebbe dover introdurre nuovi KPI direttamente correlati all’esperienza del cliente per soddisfare i requisiti aziendali incentrati sulla costumer satisfaction. La risposta e l’esperienza dei clienti stanno diventando sempre più importanti per mantenere un vantaggio competitivo. “Tradurre questa realtà di mercato in requisiti IT richiede uno stretto allineamento tra business e IT”, afferma Bhagwat.

Quando l’IT e il business sono allineati correttamente, i leader aziendali possono raggiungere i propri obiettivi in ​​modo più efficace. Quando è in atto il corretto allineamento, “è più facile per il CIO giustificare il proprio budget e iniziative specifiche, poiché sono direttamente rilevanti per gli obiettivi degli stakeholder aziendali”.

5. Promuovere un approccio DevOps

Migliorare l’allineamento tra business e IT è stato un obiettivo per decenni, ma i team rimangono spesso distanti. L’ispirazione per ottenere relazioni migliori può essere trovata nel DevOps, una combinazione di filosofie culturali, pratiche e strumenti che mirano ad allineare le operazioni e lo sviluppo del software, “due team storicamente disallineati”, afferma Dan Graves, CTO presso il fornitore della piattaforma DevOps Delfix. “Un’azienda deve fare la scelta consapevole per cambiare e investire nella trasformazione”.

Affinché l’allineamento aziendale e IT avvenga con successo, “entrambe le parti devono essere disposte a dialogare per produrre risultati migliori per tutte le parti interessate”, spiega Graves. Il modello tradizionale di raccogliere i requisiti aziendali, sviluppare qualcosa per un anno e tornare con una grande novità oggi non funziona più, perché non tiene il passo con un ambiente competitivo più snello e veloce. “Solo attraverso un forte allineamento i nuovi prodotti e servizi possono portare a migliori risultati di business”, sostiene Graves.

6. Considerare la componibilità

Roman Stanek, CEO di GoodData, fornitore di software di business intelligence e analisi dei big data, indica la componibilità come un utile strumento di allineamento business/IT. L’analisi dei dati componibili demolisce i silos aziendali che soffocano la collaborazione con un approccio progettato per fornire insight aziendali migliori e più approfonditi. Questo metodo consente inoltre ai leader aziendali che non sono esperti di SQL di accedere e personalizzare facilmente le informazioni sui dati.

Un’interfaccia utente no-code mette la potenza dell’analisi direttamente nelle mani degli utenti aziendali, favorendo un allineamento più stretto tra business e IT. “In questo tipo di impresa componibile, le unità aziendali funzionano lateralmente per raggiungere gli obiettivi dell’intera organizzazione con operazioni più collaborative e fluide”, afferma Stanek. “Con l’analisi componibile, le aziende possono diventare più agili e dinamiche, sviluppare nuove applicazioni e connettersi a nuovi ecosistemi in modo più rapido e semplice”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!