Microsoft lancia kit di sviluppo per applicazioni blockchain

Con il nuovo SDK di Microsoft aiuta le aziende a utilizzare la blockchain in casi d'uso specifici e favorire l'integrazione della tecnologia con dati e sistemi esistenti

microsoft azure sdk blockchain

Microsoft ha rilasciato un kit di sviluppo sulla sua piattaforma cloud Azure progettato per l’integrazione della tecnologia blockchain con le offerte SaaS di Microsoft e di terze parti.

Questo kit estende le capacità dei nostri template per sviluppatori e Azure Blockchain Workbench, che incorpora servizi Azure per la gestione delle chiavi, identità e dati off-chain, monitoraggio e API di messaggistica, in un’architettura di riferimento che può essere utilizzata per creare rapidamente applicazioni basate su blockchain”, ha spiegato in un post Marc Mercuri, Principal Program Manager del team blockchain di Microsoft.

Microsoft afferma che l’SDK consentirà alle aziende di sviluppare rapidamente applicazioni basate su blockchain, passando da mesi a pochi giorni. Gli utenti saranno in grado di integrare i flussi di lavoro blockchain con i sistemi e le applicazioni esistenti sfruttando Microsoft Flow e le app Logic, estendere le funzionalità con un’API basata su REST per lo sviluppo client e un’API basata sui messaggi per l’integrazione system-to-system.

Attualmente il kit di sviluppo blockchain si focalizza su tre funzionalità: la creazione di interfacce di connessione per oggetti come client mobili, IoT, SMS e sistemi vocali; l’integrazione di dati, software e media che si trovano “off chain”, come documenti Office, video e file CAD; l’implementazione di contratti intelligenti e reti aziendali blockchain.

Nell’ultimo anno Microsoft ha esplorato come utilizzare blockchain e altre tecnologie basate sui registri distribuiti per creare nuovi tipi di identità digitali per migliorare la privacy, la sicurezza e il controllo dei dati personali. All’inizio di quest’anno, in particolare, l’azienda ha annunciato che stava lavorando a una piattaforma per le identità digitali basata su blockchain per consentire agli utenti di controllare l’accesso a informazioni online sensibili tramite un hub di dati crittografati.

Le soluzioni blockchain end-to-end richiedono l’integrazione con dati, software e supporti che vivono fuori dalla blockchain”, ha sottolineato Mercuri. “Aggiornamenti ed eventi esterni possono attivare azioni su contratti intelligenti. Le modifiche dello stato possono quindi attivare azioni e aggiornamenti dei dati su sistemi e dati ‘fuori catena’. Questi sistemi esterni e l’intelligenza artificiale dovranno anche essere in grado di interrogare i dati dei contratti intelligenti per informare l’azione”.

Amazon, Google e IBM hanno già lanciato i loro SDK per blockchain aziendali autorizzate. Anche Linux Foundation ha rilasciato framework modulari per la creazione, la distribuzione e l’esecuzione di blockchain aziendali all’interno del suo progetto open source Hyperledger.

Il kit di sviluppo blockchain di Azure rappresenta un passo avanti nel nostro viaggio per rendere lo sviluppo di applicazioni blockchain end-to-end accessibile, veloce ed economico per chiunque abbia un’idea da sviluppare“, ha dichiarato Mercuri. “Le applicazioni risultanti verranno eseguite su una rete con prestazioni cloud più elevate rispetto ad altri provider su larga scala e abilitano le identità federative tra i partecipanti attraverso Azure Active Directory”.