Microsoft annuncia nuove regole per la condivisione della proprietà intellettuale con i clienti

Un numero sempre maggiore di aziende è coinvolte nello sviluppo di software con i propri fornitori. Per rispondere alle preoccupazioni su chi possiede le proprietà intellettuali Microsoft ha pubblicato gli “Shared Innovation Principles”

microsoft windows server 2019

Microsoft consentirà ai clienti di condividere la proprietà intellettuale di software e tecnologie sviluppate in collaborazione con l’azienda. La mossa è in linea con quello che gli analisti si aspettano sarà una crescente preoccupazione per l’IT, mano a mano che cresce il numero di aziende coinvolte nello sviluppo del software.

Finora c’è stata confusione su chi possiede proprietà intellettuale di una nuova creazione. Inoltre, c’è la preoccupazione che, senza un approccio che garantisca ai clienti i brevetti chiave per le loro soluzioni, aziende tecnologiche come Microsoft possano competere con i propri clienti con la stessa tecnologia che hanno sviluppato.

Questa settimana Microsoft ha fatto da apripista su questo tema, secondo Patrick Moorhead, presidente della società di analisi Moor Insights & Strategy. “In realtà, molte grandi aziende diventeranno creatrici di proprietà intellettuale in futuro, ma non lo sanno ancora”, ha affermato Moorhead. “Ciò che Microsoft ha annunciato, con un approccio molto aperto e coerente, aiuta le aziende a proteggere la loro proprietà intellettuale”.

L’analista Stephen O’Grady di RedMonk è d’accordo. “Dato che sempre più aziende hanno iniziato a considerare il software come un elemento fondamentale per la propria attività e non un semplice costo, aumenta la probabilità che creino una proprietà intellettuale potenzialmente preziosa come parte dei loro sforzi”, ha dichiarato O’Grady. “Le domande su chi possiede tale proprietà intellettuale probabilmente diventeranno più comuni”.

Gli Shared Innovation Principles di Microsoft coprono le seguenti aree:

  • Rispetto della proprietà della tecnologia esistente. Dato che Microsoft collabora con i clienti, l’azienda si impegna a garantire che Microsoft e i clienti possano fruire entrambi dei miglioramenti apportati alle rispettive tecnologie.
  • Garantire al cliente la proprietà di nuovi brevetti e diritti di design. I clienti, piuttosto che Microsoft, saranno proprietari di brevetti e diritti di design industriale derivanti dal lavoro di innovazione condiviso.
  • Concessione di licenze per nuovi diritti di proprietà intellettuale a Microsoft. La società riceverà una licenza per qualsiasi brevetto e diritto di design della nuova tecnologia risultante dall’innovazione condivisa, ma la licenza sarà limitata al miglioramento delle tecnologie della piattaforma Microsoft.
  • Supporto per open source. Microsoft collaborerà con i clienti per fornire codice ai progetti open source.
  • Portabilità del software. Microsoft non imporrà restrizioni contrattuali che impediscono ai clienti di trasferire innovazioni nuove e condivise su altre piattaforme.
  • Trasparenza e chiarezza. Microsoft collaborerà con i clienti per garantire trasparenza e chiarezza sulle problematiche relative agli Innovation Principles man mano che viene sviluppato un progetto di innovazione condivisa.
  • Apprendimento e miglioramento. Microsoft si impegna a utilizzare l’apprendimento continuo per migliorare il lavoro di innovazione condivisa.