Le 8 principali priorità per i CIO nel 2022

Il 2022 si preannuncia entusiasmante e stimolante per i CIO. Per ottenere il massimo dall'IT nel prossimo anno, i responsabili tecnici dovrebbero concentrarsi sulle seguenti iniziative chiave.

cio

Gennaio è un momento naturale per mettere le cose in pausa e stabilire le priorità su cui voi e il vostro team IT dovrete concentrarvi nel corso dell’anno che vi aspetta. Separare i problemi ad alta priorità da tutte le altre questioni che ingombrano il già fitto programma di un leader IT richiede tempo, intuizione e una buona dose di intuizione. Per semplificarvi il lavoro, ecco un rapido sguardo a otto aree chiave per il 2022 che dovrebbero essere in cima alla vostra agenda di CIO.

Rafforzare le competenze di sicurezza informatica

I CIO, in collaborazione con i loro CISO e altri leader aziendali, devono affrontare il problema dei talenti della sicurezza informatica e mettere lo sviluppo e la formazione di un pool di talenti in cima alla loro lista di cose da fare per il 2022, afferma Leo Taddeo, CISO di Cyxtera.

“Non si tratta solo di metterci soldi, ma piuttosto di investire nell’acquisizione, distribuzione e fidelizzazione dei talenti e, per farlo, ci vogliono sia tempo che denaro”. Attualmente c’è una carenza di competenze di sicurezza informatica che affligge molte aziende del settore pubblico e privato. Chi oggi ha notevoli competenze in sicurezza informatica vuole lavorare per organizzazioni agili, flessibili e in grado di muoversi rapidamente. “Perderete candidati di prim’ordine se siete lenti ad assumere”, avverte Taddeo.

Migliorare la destrezza digitale

ADV
Siemens Industria 4.0

Industria 4.0: una guida per integrare funzione IT e reparti di produzione

Riuscire a far parlare tra loro sistemi e apparati dei mondi IT e OT è la chiave per sbloccare la trasformazione digitale nell’industria. Per farlo, è necessario cominciare a far parlare tra loro le persone di questi due domini di competenza. Scopri di più >

I team IT devono essere liberati dal peso dei processi manuali in modo che possano diventare più produttivi. “La posta in gioco è molto più alta ora” afferma Jay Upchurch, CIO presso l’azienda di software di analytics SAS.

I tempi in cui un membro del team poteva semplicemente camminare per il corridoio con un contratto importante e farlo firmare fisicamente a un collega sono finiti. “Ora dovete digitalizzare e condividere quel documento in modo che le persone dall’altra parte del mondo possano firmarlo”. I CIO devono insomma snellire i processi. “La nostra realtà digitale significa che l’efficienza e la sicurezza digitali sono più importanti che mai per mantenere le organizzazioni a piena velocità”.

“Stiamo scoprendo ogni giorno nuovi modi in cui possiamo automatizzare le funzioni per utilizzare al meglio risorse e talenti” afferma Ramesh Babu, CIO del fornitore di componenti elettronici Digi-Key Electronics. “Stiamo incoraggiando il nostro team a trovare e proporre nuove modalità che possiamo automatizzare; accogliamo suggerimenti da tutte le persone coinvolte”.

Automazione avanzata

Per accelerare la trasformazione digitale della propria organizzazione, i CIO nel 2022 dovrebbero lanciare una strategia di automazione proattiva, consiglia Olivier Saucin, vicepresidente delle soluzioni IT globali presso Computer Task Group, una società di consulenza sulla trasformazione digitale. L’automazione di processi ridondanti e inefficienti in termini di costi non solo aiuterà le aziende a soddisfare le esigenze dei clienti a seguito della pandemia, ma servirà anche a posizionare meglio le organizzazioni per soddisfare in modo conveniente le crescenti aspettative a livello di business.

L’obiettivo di implementare sistemi completamente autonomi consiste in una transizione che non deve avvenire immediatamente. Saucin suggerisce di iniziare dando priorità alle aree in cui l’automazione è già integrata in piattaforme e applicazioni. Un tale approccio “si dimostrerà un successo in termini di velocità, risparmio e qualità prima di passare a un’automazione ancora più avanzata”.

Impegnarsi per la sostenibilità

L’energia richiesta per far funzionare data center, server, rete, storage, dispositivi end-point e vari servizi di supporto aumenta rapidamente. Tutte queste considerazioni fanno ora parte dell’agenda delle organizzazioni IT, in particolare delle grandi imprese, poiché i loro clienti e stakeholder diventano sempre più preoccupati per la loro impronta ecologica e vogliono sapere cosa si stia facendo per ridurla.

Il tema generale della salute del nostro pianeta e della sua capacità di sostenere l’umanità in futuro rende la sostenibilità una priorità assoluta per i CIO. Il passaggio al cloud è uno dei modi più semplici per un’organizzazione di ridurre l’impatto ambientale dei data center e delle operazioni IT. Il cloud riduce gli sprechi e fornisce un pool di risorse in cui un’azienda può utilizzare solo ciò di cui ha bisogno. I data center interni sono costruiti con capacità inutilizzata per consentire una crescita futura e questa capacità extra integrata diventa un non problema quando si passa al cloud.

Il cloud offre anche l’accesso a data center più ecologici. Con forti incentivi per ridurre i costi, i fornitori di servizi cloud come Amazon, Microsoft e Google utilizzano oggi sistemi di raffreddamento più efficienti e posizionano i loro data center più vicino a fonti di energia rinnovabile.

vaccinazione

Migliorare il reclutamento e la fidelizzazione dei talenti

I CIO che fanno della loro organizzazione una destinazione professionale attirando talenti per costruire moderne capacità ingegneristiche con un focus sull’innovazione hanno le migliori possibilità di superare i concorrenti e guidare con successo la strategia aziendale, afferma Lou DiLorenzo, amministratore delegato di Deloitte Consulting. “Per molti CIO, ciò richiede un’attenta considerazione del proprio brand personale, un cambiamento significativo nella cultura, nella mentalità, nei percorsi di carriera e nel riformulare la percezione dell’IT all’interno delle loro organizzazioni”.

Dando priorità strategica alle attività di assunzione e fidelizzazione, i CIO possono assicurarsi di avere il talento e le competenze giuste per concentrarsi sulle priorità tecnologiche mission-critical. DiLorenzo suggerisce di sviluppare un piano legato al raggiungimento di ciò che conta di più per l’organizzazione e fortemente incentrato sul cliente. “I passaggi strategici possono aiutare i CIO a dare priorità alle competenze tecnologiche veramente differenzianti e a sviluppare un focus sull’assunzione e sulla conservazione dei migliori talenti. Da lì in poi i CIO possono esternalizzare, automatizzare o collaborare per competenze che non hanno internamente”.

Impegnarsi nel cloud

I CIO dovrebbero essere in prima linea nella valutazione e integrazione di nuove tecnologie cloud, suggerisce Steve Hagerman, CIO di Wells Fargo. “I CIO devono rimanere al passo con gli ultimi sviluppi dei prodotti per determinare quale sarà più utile per la trasformazione digitale della loro azienda”.

Hagerman afferma che la transizione verso il cloud della sua organizzazione inizierà tra pochi mesi. La migrazione sarà caratterizzata da un’architettura multiload ibrida privata e pubblica. “Stiamo rendendo la trasformazione del cloud una priorità perché vediamo i numerosi vantaggi che può offrire alla nostra comunità e ai nostri clienti, tra cui un carico di lavoro più scalabile, pratiche innovative e un’esperienza cliente migliorata”.

A causa di problemi di sicurezza, le società finanziarie sono tra le ultime aziende ad adottare il cloud pubblico. “La nostra transizione verso l’integrazione del cloud pubblico è stata deliberata e strategica, assicurando che la sicurezza svolga un ruolo cruciale nel nostro percorso di trasformazione”, continua Hagerman.

Rafforzare la privacy

I leader IT devono potenziare la privacy per proteggere clienti, partner e dipendenti.Noi, come CIO, dobbiamo pensare alla privacy ora più che mai” afferma Chily Fachler, CIO del provider di piattaforme di annunci mobile AppsFlyer. “Innanzitutto, dobbiamo pensare a proteggere i diritti delle persone e a essere estremamente vigili nelle nostre responsabilità in questo settore. Dobbiamo anche assicurarci che la nostra strategia, le nostre politiche e i nostri processi siano incentrati sulla protezione dei nostri dati e sulla privacy dei nostri clienti e guidino le nostre decisioni seguendo queste linee”. Fachler aggiunge che i sistemi aziendali devono essere costruiti in modo da eliminare qualsiasi tentazione di utilizzare i dati in modo inappropriato.

Affrontare il COVID

Mentre gli esperti sanitari continuano a focalizzarsi sul potenziale pericolo delle varianti COVID attuali e future, i CIO stanno lavorando per supportare le esigenze dei dipendenti che lavorano da remoto e in loco.

Rahul Mahna, amministratore delegato della società di consulenza contabile, fiscale e aziendale EisnerAmper, afferma che il suo team di ricerca non prevede che l’impatto del COVID cambierà in modo significativo nel 2022, ma molte aziende potrebbero impegnarsi ancora di più a supportare scenari come sale conferenza in loco progettate  per soddisfare le esigenze dei dipendenti ibridi.

Mahna afferma anche che i CIO dovranno adattarsi agli ambienti e alle richieste di lavoro in continua evoluzione. “Nel 2020, la fase iniziale adottata dalle aziende è stata quella di consentire a tutti i lavoratori di lavorare fuori dall’ufficio. Questa fase successiva che stiamo vivendo ora consisterà nel creare solidi ambienti di lavoro ibridi che funzionino in modo efficace e facilitino piattaforme e sistemi di consegna sicuri”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!