Le 10 principali esigenze aziendali che guidano la spesa IT

Le priorità su sicurezza ed efficienza spingono la spesa IT verso i requisiti aziendali fondamentali. Analisti ed esperti: l’aumento del budget IT aiuta a prepararsi per un futuro incerto

budget IT 2022

Diversi report sulla spesa IT mostrano che nel 2022 i CIO beneficiano di aumenti dei budget annuali. Gli aumenti di budget sono in linea con gli anni passati, ma le priorità aziendali che guidano la spesa IT sono cambiate: oggi in cima alla lista delle priorità aziendali ci sono richieste di maggiore sicurezza informatica e maggiore efficienza e produttività. Ciò arriva dopo anni di iniziative di trasformazione citate come la ragione principale per l’aumento del budget.

Il report State of the CIO 2022, pubblicato all’inizio di quest’anno, ha rilevato che il desiderio di una maggiore sicurezza IT è l’esigenza aziendale numero 1 che guida la spesa tecnologica per l’anno in corso, seguita dall’aumento dell’efficienza operativa e dal miglioramento dell’esperienza del cliente. La trasformazione dei processi aziendali esistenti, il miglioramento della produttività dei dipendenti e il miglioramento della redditività completano le prime sei posizioni della classifica.

I responsabili e gli analisti IT affermano che queste priorità aziendali riflettono l’importante atto di equilibrio che si è evoluto all’interno dell’ufficio del CIO: la necessità di perseguire costantemente l’eccellenza operativa fornendo al contempo servizi tecnologici trasformativi, con il prima richiesta a supportare la seconda.

ADV
Siemens Industria 4.0

Industria 4.0: una guida per integrare funzione IT e reparti di produzione

Riuscire a far parlare tra loro sistemi e apparati dei mondi IT e OT è la chiave per sbloccare la trasformazione digitale nell’industria. Per farlo, è necessario cominciare a far parlare tra loro le persone di questi due domini di competenza. Scopri di più >

L’IT è uno dei posti migliori in cui investire, ma i manager vogliono assicurarsi che quei soldi vengano spesi per le cose giuste nel modo giusto”, afferma Dan Priest, managing partner per cloud e digitale presso la società di servizi professionali PwC. Complessivamente, i responsabili aziendali sono passati dalla visione dell’IT come un centro di costo a un abilitatore in grado di creare operazioni più snelle, migliorare le linee di business esistenti e aiutare a realizzarne di nuove. “Ecco perché la spesa IT in questo momento è così strategica. I CIO hanno grandi scelte da fare in questo momento e hanno implicazioni a lungo termine”.

Le priorità aziendali che guidano la spesa IT

Il report State of the CIO ha rilevato che il 59% dei CIO prevede di spendere di più nel 2022 rispetto al 2021, contro il 49% dello scorso anno.

Alla domanda sulle iniziative aziendali più significative nel guidare gli investimenti IT nella tua organizzazione, i leader IT hanno citato:

  • Aumento delle protezioni di sicurezza informatica: 49%
  • Aumento dell’efficienza operativa: 46%
  • Miglioramento dell’esperienza del cliente: 42%
  • Trasformazione dei processi aziendali esistenti (per esempio automazione, integrazione): 41%
  • Miglioramento della produttività dei dipendenti: 27%
  • Miglioramento della redditività: 24%
  • Sviluppo di nuovi prodotti: 22%
  • Potenziamento delle tecnologie di lavoro ibride: 21%
  • Aumento delle entrate principali per l’azienda: 20%
  • Soddisfare i requisiti di conformità: 19%

Altri ricercatori hanno riscontrato tendenze simili nella spesa IT.

Il report CIO Priorities 2022 di Info-Tech Research Group ha rilevato che i CIO considerano i miglioramenti dei processi aziendali, la trasformazione/modernizzazione digitale, la sicurezza e il supporto della crescita/recupero dei ricavi come i principali imperativi aziendali che guidano l’agenda IT di quest’anno.

Approfondendo ulteriormente, in termini di priorità principali per competere nell’economia digitale, i CIO hanno elencato le seguenti priorità:

  • Ridurre l’attrito nel modello operativo ibrido
  • Migliorare la risposta al ransomware
  • Supportare una strategia di fidelizzazione incentrata sui dipendenti
  • Progettare una piattaforma di automazione
  • Prepararsi alle nuove metriche ambientali, sociali e di governance (ESG).

I ricercatori di Gartner hanno riportato tendenze simili nelle sue previsioni sulla spesa IT, incluso un aumento del 4% della spesa IT mondiale quest’anno, sostenuto in gran parte dagli investimenti in analytics, cloud computing, esperienza del cliente e sicurezza.

La sicurezza informatica deve guidare la spesa IT

Naturalmente, le organizzazioni hanno investito ogni anno in elementi fondamentali come la sicurezza informatica, ma una confluenza di problemi ha reso necessario un aumento della spesa.

La spesa per la sicurezza informatica è sempre cresciuta, ma si è trasformata dalla sicurezza perimetrale a cui siamo abituati da 40 anni a una protezione sempre maggiore del cloud, del lavoro da remoto e dei dipendenti remoti“, afferma John Lovelock, vicepresidente della ricerca e analista di Garner. “Le aziende che erano in grado di posizionare i muri di mattoni virtuali attorno all’edificio e affermare di essere al sicuro all’interno ora hanno troppe aperture – al cloud, ai partner, ai clienti, ai dipendenti – perché quella strategia sia ancora efficace“.

Sebbene questo cambiamento sia in corso da molti anni, continua comunque a guidare gran parte della spesa IT relativa alla sicurezza informatica. “Si tratta di proteggere ciò che si è evoluto negli ultimi anni e ciò che si sta evolvendo”, afferma Lovelock, citando le cifre di Gartner in questo spazio: un tasso di crescita annuale del 34% della spesa per la sicurezza cloud, che è passato da 585 milioni di dollari nel 2019 a una spesa prevista di 3,5 miliardi di dollari entro il 2025.

Il ransomware è anche un altro motivo importante per le crescenti preoccupazioni sulla sicurezza informatica e il corrispondente aumento della spesa IT”, afferma Brian Jackson, direttore di ricerca presso Info-Tech. “Le aziende colpite da attacchi ransomware sono più di quanto si pensi. E anche coloro che non sono stati colpiti dal ransomware sentono l’obbligo di difendersi da questa possibilità investendo in protezioni più forti, inclusi, per esempio, migliori backup off-line”.

Requisiti di efficienza, esperienza e produttività

Secondo gli esperti, anche altre grandi esigenze aziendali che determinano l’aumento della spesa IT, come l’aumento dell’efficienza, l’esperienza del cliente, la produttività dei dipendenti e la redditività, dicono qualcosa su dove si trovano le organizzazioni nel 2022.

Oggi c’è una maggiore disciplina sulla gestione dei costi, anche negli investimenti tecnologici”, afferma Priest. Le organizzazioni stanno cercando di automatizzare, semplificare le operazioni e ridurre i costi per far fronte a un mercato del lavoro instabile, carenza di lavoratori, inflazione e incertezza geopolitica. Questi investimenti tecnologici, a loro volta, consentono loro di riassegnare i lavoratori a compiti di valore superiore. Queste iniziative tecnologiche producono anche risparmi, che le aziende possono reinvestire in operazioni e iniziative che supportano la crescita della top-line.

I CIO continuano a spendere soldi per la migrazione dall’infrastruttura legacy al cloud, una mossa che li aiuta a eliminare le ridondanze, ottimizzare le prestazioni, migliorare i processi e abbattere i silos di dati”, aggiunge Priest. “Stanno anche spendendo per progetti di dati e analytics come un modo per diventare più efficienti, aumentare la produttività e supportare la redditività”.

Nella sua ricerca su come i CIO spenderanno tempo e denaro nel 2022, PwC ha rilevato che le prime cinque aree prioritarie sono:

  • Perfezionamento dell’IT per essere più agile: 43%
  • Migrazione dai data center tradizionali al cloud: 35%
  • Sfruttare dati e analisi per guidare il processo decisionale strategico: 34%
  • L’evoluzione dell’IT per diventare un partner strategico del business: 30%
  • Ripristino delle architetture aziendali per il cloud: 28%

Sostenere la crescita e la trasformazione

Il sondaggio State of the CIO ha rilevato che i fattori trainanti del business come l’introduzione di nuovi flussi di entrate digitali e la monetizzazione dei dati aziendali, entrambi tipicamente parte di programmi di trasformazione, si collocano solo alla posizione n. 11 e n. 13, rispettivamente, nell’elenco delle iniziative che guidano la spesa IT.

Tuttavia gli esperti affermano che le decisioni di spesa IT mirano effettivamente a supportare le iniziative digitali nuove e in corso e, in generale, l’impegno nella trasformazione, anche se non è chiamata per nome.

L’idea è che la spesa per l’efficienza rilascerà denaro da reinvestire, mentre la spesa per sicurezza, esperienza utente, produttività dei dipendenti e simili supporterà nuovi modi di lavorare e interagire con i clienti. Secondo Priest questo cambio di priorità può portare a progressi futuri, perché “la spesa IT per sicurezza, efficienza, miglioramento dei processi e produttività può mettere le organizzazioni in una posizione di forza, indipendentemente da ciò che riserva il futuro, che si tratti di crescita, inflazione continua o addirittura una recessione”.

Stiamo assistendo alla trasformazione della spesa in dipartimenti che non sono IT, quindi le tendenze di spesa per i CIO possono sembrare meno strategiche di quanto lo fossero cinque anni fa“, afferma Diane Carco, CEO della società di consulenza Swingtide. “Ma i CIO sono coloro che spendono per assicurarsi che le iniziative di trasformazione funzionino in modo sicuro ed efficace”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!