Le 10 migliori storie IT del 2018

Blockchain, intelligenza artificiale, grandi acquisizioni, privacy e sicurezza: gli eventi che hanno suscitato entusiasmo e preoccupazioni nel 2018

Gli ottimisti possono guardare al 2018 considerando l’entrata in vigore del GDPR, il lancio di app blockchain per le aziende e la creatività della community open source come segnali che la tecnologia può portarci verso un futuro sicuro e prospero. D’altro canto, le violazioni della sicurezza, le pratiche di raccolta dei dati dei giganti aziendali e la paura che gli Stati nazionali stiano usando la tecnologia come un’arma suscitano preoccupazioni sugli effetti devastanti delle nuove tecnologie. Le nostre 10 migliori storie dell’anno mostrano che la tecnologia, come qualsiasi altro strumento, può essere utilizzata con effetti sia positivi che negativi per la società.

1Le aziende si mettono in regola per il GDPR

Credit: TheDigitalArtist/Pete Linforth

Il Regolamento Generale sulla Privacy dei Dati (GDPR) è entrato in vigore il 25 maggio 2018. La nuova normativa promossa dall’Unione Europea ha scatenato la più massiccia mobilitazione di programmatori dopo il Millennium Bug. Praticamente tutte le società che gestiscono i dati personali dei cittadini della UE, indipendentemente da dove sia basata l’attività commerciale, devono soddisfare i requisiti del GDPR. Man mano che cresce la consapevolezza degli utenti sulla raccolta dei loro dati da parte di grandi aziende tecnologiche e che i governi si chiedono cosa fare al riguardo, le protezioni per la sicurezza e la privacy sancite dal GDPR mostrano che i regolatori possono effettivamente aiutare a bilanciare le esigenze aziendali e le preoccupazioni degli utenti.

2IBM acquisisce Red Hat. Il trionfo dell’open-source

Credit: Stephen Lawson/IDG

L’investimento da 34 miliardi di dollari di IBM per Red Hat rappresenta la più grande acquisizione tra aziende software, almeno fino a oggi. Ed è anche il segno della posizione centrale del software open source nell’IT. Anche se il prezzo pagato da IBM è alto, è facile capire a cosa punta la società: una vasta raccolta di tecnologie open source con il supporto di un’enorme comunità di sviluppatori e una piattaforma cloud ibrida che aggiungerà peso agli sforzi di IBM.
L’infrastruttura software aziendale è sempre più basata sull’open source e quest’anno la sua posizione centrale nella tecnologia è stata riconosciuta anche da altre importanti operazioni, tra cui l’acquisizione di GitHub da parte di Microsoft per 7,5 milioni di dollari e l’affare da 6,5 miliardi di dollari di Salesforce per l’azienda di integrazione delle applicazioni MuleSoft.

3Meltdown e Spectre scuotono aziende e utenti

Credit: Google/Natascha Eibl

L’anno si è aperto con uno scenario da incubo per la sicurezza di dispositivi aziendali e privati. E’ stata rivelata la presenza di una classe di vulnerabilità a livello di processore in quasi tutti i chip realizzati negli ultimi vent’anni, che colpisce tutti i tipi di dispositivi, software e persino servizi cloud.
Le principali variazioni dei bug, Spectre e Meltdown, sfruttano diversi metodi usati per accelerare i processori, ottenendo l’accesso a informazioni che erano state considerate protette dalle migliori pratiche di programmazione. Le correzioni risultanti hanno finito per rallentare i sistemi. Fortunatamente, le vulnerabilità sono difficili da sfruttare e non sono state segnalate conseguenze disastrose… per il momento.

4Lo scandalo Facebook-Cambridge Analytica mina la fiducia degli utenti

Credit: Rob Schultz/IDG

Utilizzando l’app “This Is Your Digital Life” per un test di personalità Cambridge Analytica è riuscita a raccogliere informazioni personali non solo dagli utenti di Facebook che hanno fatto il test, ma anche dai loro ignari amici. I dati raccolti, appartenenti a circa 87 milioni di persone, sono stati utilizzati nelle campagne per Donald Trump, Ted Cruz, il voto sulla Brexit e il Partito Rivoluzionario Istituzionale Messicano.
Le notizie sulla portata completa dell’app, diffuse a marzo, hanno confermato la crescente sfiducia del pubblico nei confronti delle capacità e delle abitudini di raccolta dei dati delle società tecnologiche. Ha inoltre indotto il governo americano a convocare i dirigenti delle società per audizioni pubbliche.
Mentre alcuni utenti chiedono leggi per tutelare la loro privacy, un numero crescente ha semplicemente smesso di usare i social media.

5Microsoft inciampa sull’aggiornamento Windows 10 di ottobre

Credit: Dan Masaoka/IDG

 

Dopo mesi di test, Microsoft ha rilasciato l’aggiornamento Windows 10 October 2018 (versione 1809) all’inizio del mese. Dopo soli tre giorni il software è stato ritirato, per essere poi distribuito a novembre. Oltre ai problemi relativi ai driver dei dispositivi Intel e al Task Manager, l’aggiornamento cancellava i file, probabilmente la cosa peggiore che possa succedere agli utenti. Problemi simili nell’aggiornamento di aprile hanno ritardato il rilascio della versione di circa un mese.

La strategia “mobile first, cloud first” di Satya Nadella ha ridato slancio a Microsoft dopo anni di stagnazione, ma Windows è ancora una enorme entrata e la società non può permettersi di irritare gli utenti con aggiornamenti buggati.

6Trump ferma l’acquisizione Broadcom-Qualcomm, l’industria IT esulta

Credit: Martyn Williams

Il presidente Donald Trump ha bloccato l’offerta pubblica di acquisto da 117 milioni di dollari da parte di Broadcom per il produttore di chip Qualcomm della Silicon Valley. La decisione è stata presa per motivi di sicurezza nazionale, e non è stata l’unica volta in cui Trump ha usato i suoi poteri presidenziali al servizio di un’agenda protezionistica. Ma questa mossa, a differenza di altre, è stata accolta con sollievo da molte aziende IT.

Gli esperti del settore temevano che Broadcom – nota più per la crescita tramite acquisizioni che per l’innovazione – avrebbe limitato il vantaggio di Qualcomm nel 5G. I funzionari governativi hanno inoltre dichiarato che temevano che la Cina potesse infiltrarsi nel vuoto creato dall’acquisizione.

7Marriott Starwood: gli hacker hanno trovato ospitalità

Credit: Marriott

Il gruppo alberghiero Marriott si è tristemente distinto per aver subito la più grande violazione di un database aziendale del 2018 e una delle peggiori di tutti i tempi. La violazione ha potenzialmente compromesso carte di credito, passaporti e altre informazioni di 500 milioni di persone che hanno soggiornato nei suoi 6.700 hotel Starwood in tutto il mondo negli ultimi quattro anni.

Non si sa molto dell’attacco, ma sembra che qualcuno abbia avuto accesso al suo database senza autorizzazione. I metodi usati e il tipo di dati rubati dagli hacker fanno pensare a uno stato nazionale, forse la Cina, il che aggiunge tensione tra gli Stati Uniti e il rivale commerciale. Alcune cose sono chiare: gli hotel sono stati facili prede per gli hacker e gli ospiti dovrebbero controllare regolarmente i loro account e i conti e conti di credito della carta di credito.

8Google Duplex mostra i progressi e i limiti dell’AI

Credit: Google

All’evento I/O di Google il CEO Sundar Pichai ha mostrato un video dell’assistente Duplex AI dell’azienda fissando un appuntamento in un salone di parrucchiere – completo di pause e tentennamenti molto naturali. Gli osservatori più esperti del settore sono rimasti sorpresi di quanto sembrava umano, e non pochi lo trovano un po’ inquietante. Ma quando la società ha lanciato la tecnologia nei telefoni Pixel in una manciata di città americane, i limiti sono apparsi chiari: Duplex AI funziona solo per prenotazioni in ristoranti selezionati, segue un copione limitato e talvolta devono intervenire gli operatori umani di Google.

C’è una crescente preoccupazione sul fatto che gli esseri umani possano essere sostituiti da robot e AI, ma è chiaro che siamo molto lontani da un’intelligenza artificiale che può sostituirci completamente.

9Managed Desktop: il device-as-a-service secondo Microsoft

Credit: Tadas Sar

Microsoft Managed Desktop, che ha debuttato ufficialmente a settembre, offre alle aziende un dispositivo Windows 10 con preinstallato il pacchetto software completo Microsoft 365 Enterprise – gestito e aggiornato da Microsoft sulla base di un abbonamento mensile.

Nelle aziende che amano l’idea dell’IT come una utility, e vogliono dedicare il personale IT ad attività di livello superiore, Windows “senza manutenzione” potrebbe essere il benvenuto. Ma alcuni utenti si chiedono se la società che ha messo il “personal” nel computing porterà l’MMD al mercato consumer, eliminando l’opzione di acquistare effettivamente il software e controllarlo da soli e riportandoci all’era mainframe, con un modello di computing a gestione centralizzata.

10IBM e Maersk creano la piattaforma blockchain TradeLens

Credit: IBM, Maersk

In un anno in cui società come Google, Oracle, Microsoft e SAP hanno lanciato servizi di blockchain, si è distinto TradeLens, il registro elettronico per il monitoraggio delle spedizioni globali progettato da IBM e Maersk. Le società sono giganti nei loro rispettivi settori e, al momento del lancio, erano più di 90 le società coinvolte nel progetto pilota di TradeLens.

La tecnologia blockchain, spesso equiparata alle criptovalute, è al centro dell’architettura di programmazione per reti distribuite che utilizzano la crittografia per archiviare dati e trasferire valori in modo sicuro. In quanto tale, può essere utilizzata come base per contratti “intelligenti” e una miriade di altre applicazioni aziendali. Che TradeLens diventi o meno uno standard del settore, rappresenta il vero potenziale della blockchain e supera gli alti e bassi che attirano l’attenzione dei bitcoin.