L’assenza di estensioni è un bel problema per Edge

Edge promette bene, ma fino a quando Microsoft non aggiungerà il supporto alle estensioni sarà difficile sceglierlo come browser di default.

edge

Edge, il nuovo browser web di Microsoft integrato in Windows 10 e successore di Internet Explorer 11, ha molto da offrire, inclusi il supporto di Cortana e la possibilità di prendere annotazioni sulle pagine web, oltre a un caricamento dei siti davvero rapido. Eppure c’è almeno una grave mancanza che almeno per il momento mi ha convinto a non usarlo e a rimanere fedele a Firefox.

A differenza di altri browser come appunto Firefox (ma anche Chrome e Opera), Edge non supporta infatti alcuna estensione o add-on che aiuti a eseguire compiti importanti quando si naviga, soprattutto a livello di sicurezza come nel caso di estensioni per salvare le password o bloccare i siti pericolosi.

Quello che sorprende è che a un mese dall’uscita di Windows 10 Microsoft non abbia ancora annunciato il rilascio di un aggiornamento che possa colmare questo grande vuoto di Edge. Ho chiesto direttamente a Microsoft informazioni a tal proposito e il succo della risposta che ho ricevuto è che il supporto alle estensioni sarà pronto quando sarà pronto.

Microsoft nella sua risposta ha accennato al fatto che gli sviluppatori che già ora creano estensioni per altri browser utilizzando “tecnologie” web molto comuni come HTML e JavaScript potranno farlo anche per Edge con il minimo sforzo, ma anche stando così le cose bisognerà aspettare chissà quanto ancora per un aggiornamento di Windows 10 in questo senso.

Fino a quel momento continueranno a esserci molte cose che non potrete fare con Edge e uno dei motivi per i quali rimango fedele a Firefox è proprio la disponibilità di tantissime estensioni per il browser di Mozilla. Volete qualche esempio? Con Firefox uso spessissimo LastPass, un manager di password che evita di dover ricordare a memoria decine di password.

7-edge-100598427-large.idge

Un’altra estensione diventata fondamentale per me è Privacy Badger per impedire ai siti di tenere traccia della mia navigazione, oltre a un ad blocker per bloccare banner e pubblicità quando navigo, un pulsante di Facebook per condividere contenuti con un solo click e a un’estensione che mi fa decidere quando caricare e quando bloccare il plug-in di Flash. Al momento nessuno di questi add-on funziona con Edge ed eccovi spiegato il motivo della mia ritrosia a utilizzare il browser di Microsoft.

Passando alla sicurezza, se avete installato sul vostro PC Norton Antivirus e lanciate Edge vi comparirà questo messaggio: “Le estensioni di Norton vi proteggono dal phishing e da altri siti pericolosi. Clicca su Next per cambiare il tuo browser di default con uno che supporti le estensioni”.

C’è poi un altro problema che potrebbe ritardare ulteriormente il supporto delle estensioni per Edge. Nella risposta ricevuta da Microsoft si faceva cenno alla facilità con cui gli sviluppatori potranno portare le loro estensioni su Edge una volta che sarà aggiunto il supporto a esse. Questo però, secondo lo sviluppatore di Electronic Frontier Foundation (EFF) Peter Eckersley, non è del tutto vero.

Questa azienda ha sviluppato l’estensione Privacy Badger a cui accennavo prima e quindi, almeno in teoria, Eckersley e colleghi dovrebbero poterla trasferire su Edge senza tanti problemi. “Sfortunatamente troviamo sempre qualche difficoltà nello sviluppare per più browser, principalmente a causa delle API che tendono a cambiare molto tra un browser e l’altro. Alla fine è sempre problematico implementare funzionalità di privacy o sicurezza quando si ha a che fare con queste API”, ha dichiarato Eckersley.

In altre parole EFF si aspetta di dover spendere parecchio tempo per lavorare con Edge ed è quindi possibile che anche altre estensioni popolari possano essere rimandate per questo stesso motivo. Una situazione fastidiosa, anche perché, da quanto visto finora, è un peccato dover rinunciare a un browser così promettente, che nell’immediato futuro potrebbe dare parecchio filo da torcere a Chrome e Firefox. Fino a quando però questo gap delle estensioni non verrà colmato, è davvero difficile considerare Edge la scelta ideale come browser di default.

AUTOREBill Snyder
FONTECIO.com
CIO
Con informazioni, approfondimenti ed eventi ad hoc, CIO Italia è una risorsa preziosa per tutti i leader delle strutture IT e i decisori delle strategie tecnologiche aziendali.