La trasformazione digitale può rivelare le debolezze delle reti

Quando le grandi aziende hanno adottato la trasformazione digitale, si è scoperto che le loro reti esistenti avevano una capacità limitata di affrontare la connettività cloud o l'accesso per gli utenti mobili.

trasformazione digitale

La trasformazione digitale è una frase universale che descrive il processo di utilizzo della tecnologia per modernizzare o persino rivoluzionare il modo in cui i servizi vengono erogati ai clienti. Non solo la tecnologia, ma anche persone e processi subiscono comunemente cambiamenti fondamentali per l’obiettivo finale di migliorare significativamente le prestazioni aziendali.

Tali trasformazioni sono diventate così mainstream che secondo IDC il 40% di tutta la spesa tecnologica ora è destinata a progetti di trasformazione digitale, con le imprese che lo scorso anno hanno speso oltre 2 trilioni di dollari in tali progetti.

Il progetto di trasformazione digitale di ogni azienda è però unico. Sia che si tratti di trasformare i processi di marketing e di vendita di una società utilizzando il machine learning per acquisire insight su ogni singolo cliente, o di creare un’esperienza fluida su tutti i canali di vendita, o di rinnovare i canali di distribuzione per fornire i migliori prodotti e risorse ai clienti, un progetto di trasformazione digitale avrà un impatto sull’infrastruttura di rete dell’impresa.

Molte aziende ritengono che le loro reti possano gestire questi cambiamenti. Ma possono farlo davvero? Questi nuovi modi di lavorare mettono a dura prova l’infrastruttura di rete esistente imponendo nuovi requisiti di agilità, accesso al cloud, sicurezza e mobilità?

Un recente sondaggio condotto su oltre 1.300 professionisti IT ha posto domande proprio sull’impatto della trasformazione digitale sulla rete aziendale di ciascun rispondente. Ci riferiamo al report Networking in 2020: Understanding Digital Transformation’s Impact on IT Confidence in Enterprise Networks di Cato Networks. Steve Taylor, editor e caporedattore di Webtorials.Com, e il dott. JimMetzler, preside di Ashton, Metzler e Associates, hanno contribuito a progettare e analizzare i risultati della parte del sondaggio relativa alla trasformazione digitale.

Lo studio ha esaminato le priorità di rete e sicurezza per i professionisti IT nel 2020. Nell’ambito di tale processo, il report ha cercato di identificare quanto siano pronte le reti aziendali per l’era digitale. Secondo il rapporto, “il business moderno ha dati e utenti residenti ovunque. E proprio come la rete aziendale ha fornito prestazioni e sicurezza ai data center e alle filiali in passato, allo stesso modo deve fornire prestazioni e sicurezza al cloud e agli utenti mobili, entrambi tratti distintivi delle iniziative digitali. Senza una rete che offra un’infrastruttura con le necessarie prestazioni e i necessari livelli di sicurezza ovunque, gli sforzi di trasformazione digitale possono naufragare”.

I 1.333 intervistati lavorano nell’IT e sono coinvolti nell’acquisto di servizi di telco per le aziende con un backbone SD-WAN o MPLS (o un mix di MPLS e Internet VPN). La stragrande maggioranza degli intervistati afferma di essere moderatamente o estremamente coinvolta nelle iniziative di trasformazione digitale della propria organizzazione.

Quasi la metà degli intervistati lavora per aziende con oltre 2.500 dipendenti. La stragrande maggioranza ha affermato che la propria organizzazione si estende su 11 o più sedi, con un quarto degli intervistati di aziende con più di 100 sedi. Tutte le società degli intervistati hanno una presenza sul cloud e la maggior parte ha due o più data center fisici.

scambio di dati

Per valutare l’impatto della trasformazione digitale sulla rete, il sondaggio ha posto una serie di domande relative alle caratteristiche della rete che includono agilità, sicurezza, prestazioni, gestione e operazioni. Per ciascuna caratteristica, lo studio ha esaminato il “livello di confidenza della rete”, vale a dire se l’intervistato si senta più o meno fiducioso nelle capacità della rete in quell’area in seguito allo spiegamento del progetto di trasformazione.

Lo studio ha segmentato gli intervistati in base al tipo di rete che gestiscono: MPLS, ibrido (MPLS e VPN basato su Internet), SD-WAN o SASE (secure access service edge). SASE fa convergere SD-WAN e altre funzionalità di rete e uno stack di sicurezza completo in una piattaforma globale nativa per il cloud. Passiamo ora ad alcuni dei risultati più interessanti del report.

  • I budget cresceranno nel 2020. Gli intervistati riferiscono che sia la loro rete, sia i loro budget per la sicurezza dovrebbero crescere nel 2020. Questa è una buona notizia, considerando che ad entrambe le aree viene chiesto di fare di più.
  • La connettività continua a guidare le principali sfide di rete per il 2020. Ciò include i costi della larghezza di banda, le prestazioni tra le posizioni e la gestione della rete.
  • La mobilità sta diventando strategica per gli acquirenti di rete. L’importanza della gestione dell’accesso mobile e remoto è cresciuta in modo significativo dall’ultimo sondaggio annuale. Affrontare questa esigenza è diventata un’altra grande sfida.
  • La sicurezza è una considerazione essenziale per la trasformazione WAN. Le aziende devono avere una strategia di sicurezza multi-edge che includa la difesa da minacce emergenti come malware/ransomware, l’applicazione di politiche di sicurezza aziendale su utenti mobili e la piena consapevolezza del costo di acquisto e gestione di dispositivi e software di sicurezza.
  • Le applicazioni più importanti sono ora nel cloud. Più della metà (60%) di tutti gli intervistati indica che le applicazioni più critiche della propria organizzazione saranno ospitate nel cloud nei prossimi 12 mesi. Ciò ha un enorme impatto sul modo in cui gli utenti accederanno al cloud tramite la propria WAN.
  • Le iniziative digitali stanno guidando un ripensamento delle reti legacy. Più della metà degli intervistati le cui organizzazioni fanno ancora affidamento su MPLS afferma che le loro organizzazioni stanno attivamente pianificando di implementare soluzioni SD-WAN nei prossimi 12 mesi per ridurre i costi e supportare nuove iniziative commerciali.

Per comprendere meglio perché le aziende stanno abbandonando soluzioni MPLS e quali lezioni si possono trarre per qualsiasi iniziativa di trasformazione WAN, agli intervistati è stato chiesto di valutare una serie di dichiarazioni sull’agilità, la gestione e le operazioni delle loro reti, le prestazioni e la sicurezza.

Con una sola eccezione, gli intervistati esprimono una minore fiducia nella post-trasformazione digitale delle loro reti. Questo è vero nelle aree della presunta forza di MPLS, come le prestazioni, ed è anche vero per le reti ibride e per quelle SD-WAN. Man mano che le organizzazioni lanciano iniziative digitali, scoprono i punti deboli delle loro reti esistenti, come una limitata capacità di affrontare la connettività cloud o l’accesso degli utenti mobili.

Secondo il rapporto, l’unica eccezione è quando gli intervistati eseguono un’architettura SASE. Esprimono maggiore fiducia nella trasformazione post-digitale. La convergenza di SD-WAN di SASE con sicurezza, connettività cloud e mobilità è adatta alla trasformazione digitale, ma può essere apprezzata solo quando richiesta dall’azienda. Tornando alle caratteristiche della rete di agilità, sicurezza, prestazioni, gestione e operazioni, diamo un’occhiata a come ciascuno di questi aspetti venga percepito in termini di sicurezza della rete.

Social network professionali

  • Agilità di rete: questa caratteristica include la possibilità di aggiungere nuovi siti, regolare la larghezza di banda disponibile, aggiungere risorse cloud e in generale adattarsi rapidamente alle mutevoli esigenze aziendali. È comprensibile che gli intervistati con una rete basata su MPLS valuterebbero bassa la loro fiducia nell’agilità della rete, ma la fiducia tra gli intervistati che hanno implementato una SD-WAN è calata di più quando gli è stato chiesto di fornire rapidamente una nuova infrastruttura cloud pubblica. È vero anche il contrario: la connettività cloud integrata di SASE è un fattore importante per gli intervistati che sono più sicuri della loro trasformazione post-digitale dell’agilità di rete.
  • Sicurezza: è fondamentale proteggere utenti e risorse indipendentemente dalla rete sottostante. MPLS non protegge le risorse e gli utenti, e certamente non quelli connessi a Internet, portando gli intervistati che si affidano solo a MPLS a essere significativamente meno fiduciosi nella sicurezza della loro rete post-trasformazione digitale. Gli intervistati che si affidano a soluzioni SD-WAN dimostrano inoltre una minore fiducia nella sicurezza post-trasformazione digitale, in gran parte perché SD-WAN da sola non riesce a limitare l’accesso ad applicazioni specifiche o a fornire gli strumenti di sicurezza avanzati necessari per proteggere tutti gli edge (dispositivi mobili, siti e risorse cloud). Al contrario, la fiducia in soluzioni SASE è cresciuta dopo la trasformazione digitale. La convergenza di uno stack di sicurezza completo nella rete consente a SASE di fornire un controllo granulare a risorse di siti, mobili e cloud.
  • Prestazioni: la fornitura di risorse cloud presenta problemi per MPLS e SD-WAN. Gli utenti si aspettano che la loro esperienza con le applicazioni cloud sia reattiva come le applicazioni locali. Questo punto gioca un ruolo significativo nella fiducia delle prestazioni. Alla domanda se gli intervistati possono fornire accesso a risorse basate su cloud con prestazioni e disponibilità paragonabili alle risorse ospitate internamente, gli intervistati con reti MPLS, WAN ibride e SD-WAN hanno mostrato un calo significativo di fiducia nel post-trasformazione post-digitale. D’altra parte, le soluzioni SASE che includono l’ottimizzazione del cloud nativo migliorano immediatamente le prestazioni del cloud, rendendo i proprietari di rete più sicuri di poter fornire ciò di cui gli utenti hanno bisogno.
  • Gestione e operazioni: secondo il report la mancanza di connessioni ridondanti dell’ultimo miglio con MPLS lascia i siti sensibili ai tagli dei cavi e ad altri problemi dell’ultimo miglio. L’aggiunta di VPN Internet a MPLS migliora l’accesso all’ultimo miglio, ma non consente ancora alle organizzazioni di superare automaticamente i problemi dell’ultimo miglio senza tempi di inattività. SD-WAN e SASE sono in grado di superare meglio i problemi dell’ultimo miglio con configurazioni attive.

Le iniziative di trasformazione digitale possono cambiare notevolmente i modelli di traffico di rete, i requisiti di larghezza di banda, le posizioni di accesso e le esigenze di sicurezza. Queste modifiche potrebbero non essere evidenti fino alla completa implementazione del progetto. Ogni organizzazione necessita di un’infrastruttura di rete che offra prestazioni, sicurezza, agilità e gestibilità adeguate per supportare le iniziative digitali, oggi e in futuro. Alcune architetture di rete sono in grado di fornire tali caratteristiche meglio di altre. Le organizzazioni IT che vogliono essere sicure della capacità della propria rete di soddisfare il futuro devono prendere in considerazione aree come cloud, mobilità e soprattutto sicurezza quando trasformano le loro WAN.