iPaaS: come integrare flussi di dati per creare nuovi servizi

Una piattaforma di integrazione come servizio (iPaaS) è uno strumento basato su cloud per collegare applicazioni e flussi di dati esistenti a nuovi servizi. Ecco i principali casi d'uso, esempi e fornitori.

ipaas

Una piattaforma di integrazione come servizio (iPaaS) è un pacchetto software basato su cloud utilizzato per creare nuove applicazioni o per orchestrare flussi di dati collegando insieme servizi e applicazioni esistenti. Fornisce un modo per le organizzazioni di utilizzare prontamente gli elementi costitutivi di base per semplificare un processo o stabilire un nuovo servizio. Ad esempio, uno strumento iPaaS potrebbe unire un database che memorizza le informazioni sui clienti, un’API per convertire un indirizzo in coordinate geografiche e un servizio di terze parti per l’elaborazione delle transazioni con carta di credito in modo che gli utenti possano completare le attività con una sola fermata.

Queste piattaforme sono dotate di routine per interagire con i servizi esistenti utilizzando protocolli e formati di dati standard e richiedono dati da un servizio prima di filtrare i dati e convertirli in un altro formato dati richiesto da un servizio diverso, agendo in pratica come hub di trasporto per i trasferimenti di dati. Approcci simili all’integrazione dei flussi di dati sono adottati da tecnologie come Enterprise Service Bus (ESB) e l’automazione dei processi robotici (RPA).

Il caso aziendale per l’utilizzo di un iPaaS

Gli strumenti iPaaS sono progettati per gestire i più recenti protocolli e metodi di autenticazione, nonché l’ampia varietà di architetture attualmente in uso. Sofisticati strumenti iPaas possono collegare software in esecuzione in diversi cloud, sia pubblici che privati, e in diversi data center di proprietà di diverse aziende con diversi livelli di fiducia. Possono anche integrarsi con il cosiddetto software “dusty deck” su hardware meno recente, consentendo alle organizzazioni di sfruttare il più a lungo possibile il software legacy.

ADV
Webinar IVA spese di viaggio

Resilienza del business: le priorità digitali delle medie imprese italiane nel 2021

Come si stanno muovendo i tuoi concorrenti per affrontare le sfide poste dai nuovi modelli organizzativi del lavoro? Questo white paper di IDC indica le priorità di spesa delle PMI su tre filoni: remote working, sicurezza e protezione dei dati. SCARICA IL WHITE PAPER >>

Una caratteristica comune tra gli strumenti iPaaS è la capacità di integrarsi con tecnologie e algoritmi più recenti come l’intelligenza artificiale, il machine learning e la blockchain. Per questo motivo, iPaaS può aggiungere funzionalità da questi algoritmi ai sistemi più vecchi utilizzando i connettori esistenti, rendendoli uno dei modi più semplici e veloci per sfruttare le ultime tecnologie

L’utilizzo di uno strumento iPaaS può anche far risparmiare alle organizzazioni una notevole quantità di tempo e sforzi di codifica. Idealmente, gran parte del codice di integrazione è già inserito nelle piattaforme e il team di sviluppo può operare ai massimi livelli di astrazione.

Alcuni iPaaS includono dashboard di visualizzazione sofisticate per tenere traccia dei progressi e creare nuove integrazioni. I loro linguaggi di programmazione visiva possono semplificare il processo di integrazione, consentendo ai non sviluppatori di contribuire più facilmente e agli sviluppatori professionisti di creare servizi più rapidamente.

Come funziona uno strumento iPaas

Gli strumenti iPaaS fanno gran parte dello stesso lavoro del codice grezzo, ma nascondono gran parte della complessità sintattica dietro una bella applicazione web. L’hub centrale può essere configurato con vari moduli che possono connettersi con una varietà di strumenti e quindi inviare il risultato ad altri servizi o applicazioni. I fornitori di iPaaS mantengono un’ampia raccolta di questi connettori per molte delle API e dei servizi più comuni su Internet.

Prima che l’iPaaS possa svolgere il proprio lavoro, gli sviluppatori devono creare una descrizione di come i dati vengono trasformati una volta arrivati. Alcune piattaforme richiedono agli utenti di scrivere funzioni nei linguaggi di programmazione tradizionali per filtrare e manipolare i dati. Altre offrono strumenti visivi che possono semplificare il lavoro ed eliminare alcuni dei problemi di sintassi che possono rendere difficile la programmazione. Sebbene questi strumenti visivi possano aprire il processo ai non programmatori, la configurazione dell’iPaaS richiede ancora di pensare come uno sviluppatore ai formati astratti e ai flussi di dati.

Una volta definite le connessioni e installati i moduli corretti, l’iPaaS verrà eseguito in background assicurando l’ingresso e l’uscita dei dati. Una delle sfide più importanti per un iPaaS è ottenere l’autenticazione corretta per garantire che i collegamenti tra i servizi non si trasformino in backdoor per l’accesso alla rete. Protocolli come OAuth assicurano che solo l’iPaaS possa accedere ai dati. Allo stesso tempo, le opzioni di single sign-on rendono più semplice per gli utenti autenticarsi una volta per eseguire tutte le attività che l’iPaaS può fornire.

Esempi di iPaas in azione

iPaaS può essere utilizzato a tutti i livelli di un tipico stack di software aziendale. Possono affrontare compiti più piccoli come l’integrazione dei flussi di lavoro in un ufficio regionale, oppure possono svolgere un ruolo più importante raccogliendo e coordinando più uffici e regioni. Ecco alcuni esempi ipotetici:

  • Quando due aziende si fondono, un iPaaS può sincronizzare gli ordini da entrambi i lati dell’entità risultante dalla fusione in uno strumento di reporting centralizzato. Il nuovo management può quindi tenere traccia delle prestazioni di entrambe le aziende mentre le integra.
  • Un iPaaS può essere utilizzato per raccogliere informazioni nell’ambito di un progetto sperimentale per confrontare l’efficienza di produzione tra gli impianti, indirizzando le informazioni dai vari sistemi che eseguono ciascun impianto a una dashboard grafica.
  • Un fornitore multinazionale che cerca di monitorare le vendite può utilizzare uno strumento iPaaS per raccogliere informazioni contabili da entrambi i lati del confine e regolarle utilizzando i tassi di cambio correnti.
  • Un team di vendita può impostare uno strumento iPaaS per coordinare il monitoraggio delle richieste e abbinarle alle eventuali transazioni.

Gran parte del lavoro di uno strumento iPaaS viene svolto durante il processo di trasformazione quando i dati arrivano nell’hub. Alcune opzioni includono:

  • Filtraggio: un iPaaS può rimuovere dati extra e far passare solo i dati che si adattano a un particolare insieme di regole.
  • Pulizia: un iPaaS può correggere le incoerenze dei dati, rimuovendo i campi spuri e garantendo che i campi utilizzino gli stessi formati standard.
  • Trasformazione: un iPaaS può trasformare i dati dal formato prodotto da un servizio al formato richiesto da un altro.
  • Privacy: un iPaaS può rimuovere i dati personali, sostituendoli con pseudonimi anonimi.
  • Sicurezza: un iPaaS può aggiungere la crittografia per proteggere le informazioni prima di inviarle a un servizio remoto.
  • Intuizione: un iPaaS può implementare il machine learning o altri algoritmi di intelligenza artificiale per prendere decisioni e osservare eventuali anomalie da segnalare.

I migliori fornitori iPaas

Lo spazio per gli strumenti iPaaS sta crescendo, dal momento che sempre più fornitori continuano a estendere i propri strumenti di integrazione per lavorare con più piattaforme e servizi. I fornitori offrono tutti un hub centrale per lo scambio di dati supportato da moduli che collegano l’hub con un’ampia varietà di strumenti, servizi e persino altri sistemi iPaaS.

La ricerca dell’opzione migliore inizia con un controllo per vedere come i prodotti funzionano con i servizi e gli strumenti nel vostro stack attuale. I principali fornitori vantano un’ampia gamma di moduli connettore. Alcuni offrono anche piani gratuiti per l’esplorazione e il test iniziali.

  • Amazon Web Services: il cloud di Amazon include una serie di strumenti per l’integrazione dei flussi di dati. Ai livelli più bassi, le funzioni Lambda possono controllare molte delle funzionalità all’interno di AWS offrendo calcolo serverless. A un livello superiore, AppFlow offre la cosiddetta integrazione “no code”.
  • Boomi: la piattaforma Boomi offre un’ampia selezione di connettori e moduli di integrazione.
  • IBM: Big Blue offre una serie di prodotti e servizi per l’integrazione sotto l’ombrello IBM Cloud, come IBM Cloud Pak for Integration, IBM AppConnect, IBM APIConnect e IBM EventStreams.
  • Informatica: il motore CLAIRE di Informatica si concentra sull’integrazione e sulla qualità dei dati.
  • Oracle: Oracle dispone di un’ampia gamma di strumenti di integrazione nel proprio cloud per l’organizzazione di dati e API, il principale dei quali è Application Integration.
  • SnapLogic: SnapLogic Enterprise Automation Vision include connettori intelligenti chiamati “Snap” che possono, in una certa misura, configurarsi da soli.
  • Tibco: l’integrazione cloud di Tibco offre un’integrazione basata su eventi e API.
  • Workato: la piattaforma Workato offre una sofisticata raccolta di strumenti di automazione del flusso di lavoro per tenere traccia del movimento dei dati attraverso la sua rete.
  • Zapier: la piattaforma Zapier offre l’integrazione con molte app Web popolari come GMail, Slack e Mailchimp.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!