Il chief analytics officer e la trasformazione dei dati in decisioni

Un chief analytics officer gestisce la strategia di analisi dei dati di un'organizzazione, guidando i cambiamenti relativi ai dati nel tentativo di trasformare un’azienda in una realtà più basata sull'analisi.

chief analytics officer

Il chief analytics officer (CAO) è un dirigente di alto livello che gestisce le operazioni di analisi dei dati di un’azienda, trasformando i dati in valore aziendale e guidando il cambiamento aziendale relativo ai dati. Il chief analytics officer riporta spesso al CEO.

Il ruolo di chief analytics officer

Il chief analytics officer supervisiona la raccolta di dati di un’organizzazione e il loro utilizzo per creare modelli di analisi e business intelligence. Il CAO lavora a stretto contatto con il CIO per stabilire l’infrastruttura richiesta per l’analisi e può anche essere responsabile della creazione di data warehouse, formule di data governance e framework di gestione e strumenti di reporting e visualizzazione.

Responsabilità del Chief Analytics Officer

Le responsabilità principali del chief analytics officer includono:

  • Sovrintendere alla funzione di analisi, inclusa l’analisi dei dati e la scienza dei dati. Il ruolo definisce le priorità strategiche per la funzione e identifica nuove opportunità di business sulla base dei dati.
  • Collaborare con la C-suite. Guidare la trasformazione aziendale con informazioni dettagliate sui dati richiede una stretta collaborazione con l’azienda e l’IT per comprendere le esigenze, generare valore aziendale e comunicare i risultati.
  • Creazione di capacità di analisi. Il chief analytics officer è responsabile della definizione e della guida delle iniziative di analisi e business intelligence. Ciò spesso include la valutazione dello stato attuale dei dati e delle capacità di analisi, lo sviluppo di una strategia di analisi e la creazione e l’esecuzione di una roadmap di sviluppo del prodotto.
adv

La nomina di un chief analytics officer invia un segnale potente all’intera organizzazione sull’importanza dell’analisi dei dati. Chris Mazzei ha lavorato nel gigante della consulenza EY per quasi 20 anni prima di diventare il primo chief analytics officer dell’azienda nel 2014. “EY stava per lanciare una nuova strategia globale”, afferma Mazzei. “Avevamo un nuovo CEO. Era sempre più ovvio per il team di leadership quanto sarebbero stati importanti dati e analisi per il futuro e anche come stavano già iniziando a influenzare tutte le nostre attività esistenti”.

“All’epoca molti dei leader aziendali di EY utilizzavano i dati in vari modi, ma non avevamo la certezza di poter muoverci tanto velocemente quanto volevamo.” Sebbene la maggior parte delle funzioni di analisi si svolga ancora all’interno delle unità aziendali di EY, Mazzei ora guida un team globale incaricato di fornire strumenti di analisi in tutta EY e di contribuire ad accelerare il passaggio verso un’azienda più orientata all’analisi dati.

Portare l’analisi nel processo decisionale dimostrerà rapidamente il suo valore. Ad esempio, una società di private equity che intendeva acquistare un’attività alimentare di consumo ha assunto EY per eseguire la due diligence prima della conclusione dell’accordo. Poiché Mazzei e il suo team credono che l’analisi dei social media possa aggiungere preziose informazioni a quel processo, la società ha schierato due team, uno che esegue un’analisi finanziaria tradizionale, l’altro specializzato nell’analisi dei social media.

Social collaboration

L’analisi dei social media ha però sollevato un grosso problema. “Abbiamo visto in un paio di categorie che cominciava a esserci un sentimento sempre più negativo sul gusto di alcuni prodotti”, dice Mazzei. “Abbiamo approfondito e si è scoperto che avevano un grosso problema di qualità in un paio dei loro stabilimenti. Ciò ha portato la società di private equity a non concludere l’affare e non l’avremmo mai scoperto in una due diligence finanziaria tradizionale perché non si era ancora fatta strada nei risultati finanziari”.

Chief analytics officer vs chief data officer

Il ruolo di chief analytics officer è spesso visto come intercambiabile con quello di chief data officer. Nell’indagine sul ruolo, la società di ricerca Gartner non fa distinzione tra i ruoli di chief analytics officer, chief data officer e chief data and analytics officer. “La parola analisi è fraintesa”, spiega Andrew White, vicepresidente della ricerca di Gartner.

Organizzazioni diverse intendono cose diverse e alcune usano invece frasi come “business intelligence” o “gestione della conoscenza”, afferma White. Di conseguenza, “il chief analytics officer può provenire da due posizioni. O il ruolo è intercambiabile con il chief data officer oppure l’azienda desidera una funzione di strategia analitica che fornisca report a tutti. In alcune aziende è una funzione del chief data officer; in altre potrebbe essere un corpo separato”. A lungo termine, White prevede che “diventeranno tutti chief data officer”.

Altre aziende ancora ritengono che la responsabilità del chief data officer sia la gestione dei dati con un ruolo tecnologico, mentre la responsabilità del chief analytics officer è quella di guidare l’analisi dei dati, con un ruolo che si avvicina quindi di più al business. I chief analytics officer spesso hanno una formazione scientifica sui dati, mentre i chief data officer potrebbero non averla.

Alcuni ritengono che, sebbene la gestione dei dati e l’analisi principale dei dati siano due funzioni diverse, dovrebbero appartenere entrambe alla stessa persona. “Se si guarda all’evoluzione dei titoli, la maggior parte dei leader di analisi e dati desidera gestire sia la strategia dei dati che l’analisi” afferma Guy Gomis, partner della società di reclutamento BrainWorks. “Ecco perché la maggior parte delle aziende smart sta combinando le due funzioni in una”.

Altri sostengono però che esista una sottile ma importante differenza tra un chief data officer e un chief analytics officer e tale differenza ha a che fare con la trasformazione dei dati in vantaggi aziendali misurabili. “Penso che il termine analisi descriva meglio la sfida per l’organizzazione rispetto alla parola dati” afferma Colin Zima, chief analytics officer presso la piattaforma di analytics Looker. “Preferisco essere chief analytics officer piuttosto che chief data officer”, aggiunge.

Qualunque sia il nome, NewVantage Partners ha scoperto che questo ruolo è ancora nelle sue fasi formative. Nel suo sondaggio 2020 NewVantage Partners Big Data and AI Executive Survey, l’azienda ha rilevato che per il 72% delle imprese intervistate la funzione di chief data officer/chief data and analytics officer è instabile e solo il 28% degli intervistati lo ha definito come un ruolo consolidato. Inoltre, NewVantage ha rilevato che il 49% delle aziende (rispetto al 38% nel 2019) cerca persone esterne per ricoprire il ruolo piuttosto che promuovere figure dall’interno.

professioni

Cosa cercare in un chief analytics officer

Qual è il background ideale per un CAO? “In generale l’analisi e la business intelligence vengono spesso eseguite da tipi di persone molto diversi rispetto a quelli che si occupano di scienza dei dati” afferma Chris Galy, chief people officer presso Ten-X. “Analisi e business intelligence aggregano una serie di dati e cercano di ottenere informazioni significative per inoltrare un’iniziativa aziendale o culturale all’interno di un’azienda. I data scientist sono una razza molto diversa di persone e pensano principalmente all’architettura.”

“Un chief data officer è molto probabilmente una persona che si è occupata della gestione dei dati e comprende la qualità e i processi dei dati” afferma Justin Cerilli, che dirige la pratica di dati e analisi per la società di consulenza Russell Reynolds Associates. “Hanno un background tecnologico ma non sono veri e propri scienziati dei dati”. Ma è un errore concentrarsi solo sulle competenze tecnologiche legate ai dati, perché padroneggiare le dinamiche organizzative e far conoscere i vantaggi dell’analisi dei dati può essere la parte più importante del lavoro.

Come avere successo come chief analytics officer

EY ha scoperto che circa due terzi delle aziende che hanno fatto un grande investimento nell’analisi dei dati non sono riusciti a vederlo ripagato “e una buona parte della colpa è della leadership”, afferma Mazzei. “Abbiamo scoperto che le organizzazioni tendevano a concentrarsi in modo sproporzionato sulle capacità tecniche dell’individuo in quel ruolo”. Le competenze tecnologiche e di data science sono “necessarie ma insufficienti”.

“Abbiamo anche scoperto che ci sono due o tre elementi chiave di cui una persona in questo ruolo ha bisogno. È un ruolo di innovazione. Si deve quindi comprendere a fondo il business e vedere dove, nel modello di business dell’azienda, ci siano opportunità per generare valore e come tali opportunità possano contribuire a creare differenziazione competitiva. E poi i chief analytics officer devono essere architetti di soluzioni in grado di progettare qualcosa che possa avere un impatto sul business”.

Non solo, dice Mazzei, ma il CAO deve occupare la via di mezzo tra i team business e quelli tecnologici. “Deve costruire relazioni davvero forti e produttive all’interno dell’organizzazione”. Queste relazioni sono vitali perché, per aggiungere valore, un CAO deve essere in grado di instillare nuovi modi di fare le cose in tutta l’organizzazione. Se un CAO sta facendo il lavoro bene, sta anche cambiando i processi aziendali utilizzando un tipo molto diverso di informazioni per aiutare l’azienda a prendere decisioni”.

Stipendio del Chief Analytics Officer

Secondo il sito di lavoro e reclutamento Glassdoor, lo stipendio medio del chief analytics officer è di 200.000 dollari all’anno, con picchi che possono raggiungere anche i 375.000 dollari.

Lavori di chief analytics officer

Una recente ricerca di di Chief Analytics Officer su LinkedIn ha mostrato posizioni disponibili in una vasta gamma di settori, inclusi i servizi sanitari e finanziari. Un campione delle descrizioni delle mansioni del Chief Analytics Officer mostra aree chiave di responsabilità quali:

  • Definizione di una visione a lungo termine per dati e analisi
  • Progettazione dei processi operativi
  • Guida e sviluppo di un team centrale di data scientist e project manager
  • Collaborazione con le parti interessate per integrare set di dati e sviluppare strategie informate sui dati al servizio degli obiettivi dichiarati
  • Sviluppo di capacità di analisi in tutta l’organizzazione attraverso l’implementazione della tecnologia, le migliori pratiche e la formazione.

Le aziende cercano, ad esempio, team leader con esperienza di gestione, eccellenti capacità di analisi abbinate a una forte comprensione delle priorità di gestione e visione su come i dati possono essere utilizzati per ottimizzare i servizi.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!