Google e Levi Strauss & Co. insieme per i vestiti smart

Vi piacerebbe indossare una giacca con cui controllare lo smartphone o un paio di calze per tenere traccia dell’attività sportiva? Project Jacquard di Google potrebbe presto accontentarvi.

Al Google I/O andato in scena alcuni giorni fa Ivan Poupyrev, technical program lead della grande G, ha ricevuto un grandissimo applauso quando ha parlato di Project Jacquard, un progetto che si inserisce a pieno titolo in quella visione di Google per creare vestiti smart (giacche, magliette, pantaloni, calze) in grado di controllare lo smartphone e il tablet, tenere traccia della salute e dell’attività fisica e persino di gestire l’illuminazione della casa.

adv
Investimenti Oracle NetSuite

Prendere decisioni strategiche informate grazie a Business Intelligence e Analytics

Una piattaforma di BI e Analytics deve offrire ai decision maker tutti gli strumenti necessari per migliorare l'efficienza e individuare nuove opportunità prima della concorrenza. Presentiamo una serie di preziose risorse e ricerche in Pdf per approfondire questo argomento da un punto di vista tecnico e strategico. SCARICA LE GUIDE >>

Si tratta di un progetto per creare tessuti “intelligenti” che potrebbero cambiare profondamente il mondo in cui comunichiamo e ci connettiamo con i nostri dispositivi e con l’ambiente esterno. Descritto così, può essere un qualcosa di strambo per un gigante della ricerca online come Google, che però si è già resa protagonista di simili exploit con altri progetti al di fuori del suo tipico mercato di riferimento come i palloni aerostatici per fornire connettività internet nei Paesi più poveri e remoti, le macchine a guida autonoma e i robot.

Con Project Jacquard Google vuole insomma andare oltre gli smartphone e persino gli smartwatch. Perché infatti non controllare un dispositivo facendo uno swipe su una maglietta o strofinando le dita sopra una giacca o i pantaloni. Perché non avere delle calze in grado di tracciare il battito cardiaco e la distanza percorsa durante un allenamento di corsa? Con simili prospettive in mente, Google ha annunciato una partnership con Levi Strauss & Co. con l’obiettivo di creare vestiti smart.

si può eseguire uno swipe o un altro movimento nell’aria e il dispositivo risponderà come se fosse stato toccato.

Secondo Paul Dillinger, vicepresidente dell’innovazione del brand Levis, se le persone possono sedersi e parlare faccia a faccia invece di guardare sempre in basso verso il loro smartphone, è già un grande traguardo. Tornando invece a elementi più tecnici, Poupyrev ha iniziato il suo intervento a Google I/O parlando di Project Soli, ovvero di un piccolo sensore in grado di tracciare i movimenti e le gesture delle mani. Invece di controllare uno smartphone o uno smartwatch toccandone il display con un dito, si può eseguire uno swipe o un altro movimento nell’aria e il dispositivo risponderà come se fosse stato toccato.

Google ha così preso quanto imparato da Project Soli e lo ha spostato su Project Jacquard, che si basa su sensori integrati in tessuti sintetici e in altre fibre utilizzate per creare vestiti smart. “Se si possono rimpiazzare alcuni tessuti naturali o sintetici con fibre conduttive, si può ottenere un abito in grado di comunicare con un device esterno e di prenderne il controllo, almeno per quanto riguarda alcune semplici azioni”, ha spiegato Poupyrev.

Per mostrare al pubblico di Google I/O un esempio pratico, il technical program lead della grande G ha portato sul palco un pezzo di tessuto. Mimando un movimento di swipe sopra il tessuto, Poupyrev ha dimostrato grazie a uno schermo vicino come il sensore integrato nel tessuto reagisse ai movimenti della mano. “Non ci aspettiamo che questi tessuti rimpiazzino qualsiasi tipo di controllo, ma se potete sfruttare i movimenti della vostra mano per controllare qualcosa, è sicuramente un fatto positivo”.

Poupyrev ha inoltre svelato una giacca smart realizzata dai noti sarti londinesi di Saville Row con un 85% di cotone e un 15% di fibra conduttiva fornita da Google. Con uno swipe della mano sulla manica della giacca, Poupyrev è stato in grado di controllare il suo smartphone e persino di eseguire una chiamata.