Quando si parla di curriculum, la prima impressione è sempre quella fondamentale e, per attirare in pochi secondi l’attenzione di chi è incaricato di leggere decine se non centinaia di curriculum ogni giorno, bisogna seguire alcune semplici regole ed evitare errori banali che potrebbero davvero fare la differenza. Abbiamo raccolto i sei consigli più importanti e ve li proponiamo in questo speciale.

Lunghezza

Secondo Frank Dadah, managing director di WinterWyman, una regola fondamentale per ogni buon curriculum è includere ogni 7-10 anni di esperienza lavorativa in una pagina. Se invece si hanno alle spalle 15-20 anni di lavoro, allora ha senso riempire anche due pagine, mentre con più di 20 anni di esperienza si possono anche escludere i lavori fatti a inizio carriera. Dadah consiglia inoltre di sottolineare i propri traguardi concentrandoli in 3-5 punti salienti per ciascuno.

Formattazione

Una delle sfide più difficili che deve affrontare chi si appresta a scrivere un curriculum è la formattazione del testo. Sempre secondo Dadah il segreto è mantenere la formattazione semplice, pulita, concisa ed evitare inutili “carinerie” testuali o formattazioni troppo innovative.

“Scegliete un modello quanto più standard possibile e optate per un template con poco spazio vuoto. Mettete il vostro nome, i contatti e un link al vostro profilo LinkedIn in alto e poi focalizzatevi sul contenuto. Se è un aspetto per voi molto rilevante, aggiungete sempre in alto il vostro percorso educativo-scolastico e l’esperienza tecnica che vi siete fatti nel corso degli anni. Se invece non andate molto fieri dei risultati ottenuti all’università o in altri ambiti di studio, mettete questi riferimenti in basso. Ricordatevi inoltre di essere coerenti. Usate lo stesso formato di testo per tutte le date, i titoli e i punti salienti e, per quanto riguarda questi ultimi, ricontrollateli anche due volte per vedere se la struttura è identica per tutti o se uno è anche leggermente diverso da quello appena sotto. Possono sembrare sciocchezza, ma questi dettagli contano molto”.