La gestione della supply chain (Supply Chain Management – SCM) è il processo mediante il quale un’impresa gestisce l’approvvigionamento di materie prime per creare un prodotto o servizio e fornire quel prodotto o servizio ai clienti.

L’obiettivo del software SCM è migliorare le prestazioni della supply chain. Informazioni tempestive e accurate sulla supply chain consentono infatti di produrre e spedire solo il prodotto che può essere venduto. Sistemi efficaci della supply chain aiutano sia i produttori che i rivenditori a ridurre le scorte in eccesso e ciò riduce i costi di produzione, spedizione, assicurazione e stoccaggio dei prodotti che non possono essere venduti.

Processo di gestione della supply chain

Il processo di gestione della supply chain comprende cinque componenti essenziali per creare e fornire prodotti e servizi di qualità nei tempi e nei budget stabiliti. SCM aiuta le aziende a stabilire progetti chiari per l’approvvigionamento di risorse, la costruzione e la consegna dei prodotti finali e il mantenimento di relazioni positive con i consumatori.

Le cinque fasi principali del processo SCM sono:

  • Pianificare: le aziende devono prima sviluppare un piano per garantire che l’inventario sia disponibile per tutti i processi di produzione. Un problema chiave di cui essere a conoscenza è la variazione della domanda, che può influire sulle risorse disponibili per l’azienda. La maggior parte delle aziende utilizza uno strumento analitico, come il software di pianificazione del fabbisogno di materiale, per aiutare a prevedere la fornitura e determinare le materie prime necessarie.
  • Rifornirsi: le aziende devono anche identificare i fornitori in grado di fornire i materiali richiesti rispettando il budget e nel modo più efficiente possibile. Qui, l’obiettivo è trovare le risorse giuste e garantire che arrivino nel lasso di tempo corretto, il tutto senza perdere entrate durante il processo.
  • Produrre: nello sviluppo del prodotto finale per il cliente, le aziende devono essere sicure di seguire i requisiti il più fedelmente possibile. In questa fase, le aziende assemblano, testano e confezionano i prodotti, quindi migliorano il processo operativo di produzione in base al feedback del cliente. I prodotti potrebbero subire numerose iterazioni prima che venga consegnata la versione finale.
  • Consegnare: nel fornire i prodotti finali ai clienti, le aziende si concentrano sull’immagine del marchio, sulle aspettative dei clienti e sulla garanzia che il prodotto arrivi senza problemi. È importante garantire che i prodotti siano di alta qualità e possano essere consegnati ai clienti nel modo più efficiente possibile.
  • Restituire: dopo la consegna, le aziende si concentrano sull’assistenza clienti, in particolare per quanto riguarda le merci e i prodotti restituiti. Conosciuta anche come “logistica inversa”, questa fase è importante per garantire che le relazioni con i clienti non siano influenzate negativamente. Garantire un processo di restituzione o cambio fluido e senza intoppi è importante tanto quanto il processo di consegna, in quanto è fondamentale per mantenere un’esperienza positiva per il cliente.

Le organizzazioni affrontano l’SCM in modo diverso in base ai loro obiettivi, mercato e prodotti che forniscono. Ciascuna delle cinque fasi può anche essere migliorata facendo affidamento su strategie specifiche per ogni data fase, tra cui la vista basata sulle risorse (RBV), l’analisi dei costi di transazione (TCA), la vista basata sulla conoscenza (KBV), la teoria della scelta strategica (SCT), i materiali gestione della logistica (MLM), just-in-time (JIT), pianificazione dei requisiti dei materiali (MRP), teoria dei vincoli (TOC), gestione della qualità totale (TQM), produzione agile, concorrenza basata sul tempo (TBC), gestione delle relazioni con i clienti (CRM), gestione della catena dei requisiti (RCM) e ATP (Available-to-Promise).

Sistemi e fornitori di gestione della supply chain

I sistemi, gli strumenti e il software di gestione della supply chain offrono elementi chiave per aiutarvi a gestire il processo SCM. I software più diffusi in genere includono la capacità di tenere traccia della domanda, della rete di fornitura e della pianificazione della produzione.

Troverete anche funzionalità per la pianificazione dettagliata, l’approvvigionamento e la gestione dei fornitori, insieme ad analisi per aiutare a monitorare la logistica della catena di approvvigionamento. Questi strumenti possono aiutare a tenere traccia di fornitori, trasportatori, resi, magazzinieri, rivenditori, produttori e clienti in un unico posto. L’SCM richiede molte parti mobili e i sistemi SCM promettono di aiutare a semplificare il processo SCM migliorando l’efficienza, la trasparenza e la precisione.

Alcuni degli strumenti SCM più popolari attualmente disponibili includono:

  • Basware
  • Descartes Systems Group
  • E1open
  • Elementum
  • Epicor
  • Infoplus
  • Infor SCM
  • Jaggaer
  • JDA Software
  • Logility
  • NetSuite
  • Oracle SCM
  • Quickbase
  • SAP SCM

supply chain

Esempi di gestione della supply chain

Negli ultimi vent’anni, le filiere di produttori e rivenditori sono diventate sempre più strettamente collegate. In molti settori, le vendite al dettaglio innescano ordini di rifornimento ai produttori. I produttori con una supply chain ottimizzata e just-in-time possono rifornire automaticamente gli scaffali al dettaglio man mano che i prodotti vengono venduti. Con l’aumento della collaborazione, ulteriori dati provenienti dai partner della supply chain hanno consentito alle aziende di utilizzare analisi avanzate per migliorare ulteriormente i risultati. Ecco qualche esempio.

  • Identificare potenziali problemi prima che si verifichino. Quando un cliente ordina più prodotti di quelli che il produttore può consegnare, la risposta tradizionale è stata quella di ridurre l’ordine. Ciò lascia l’acquirente convinto che il servizio del produttore sia scadente. I produttori che prevedono la carenza prima che l’acquirente sia deluso possono essere in grado di offrire un prodotto sostitutivo o altri incentivi per soddisfare l’acquirente.
  • Ottimizzare la dinamica del prezzo. I prodotti stagionali, in particolare i prodotti di moda, hanno una durata di permanenza sugli scaffali limitata. Tutti quei prodotti che non vengono venduti entro la fine della stagione vengono scartati o venduti a forti sconti per svuotare il magazzino. Compagnie aeree, hotel e altre società con un prodotto limitato, ma deperibile, adeguano i prezzi in modo dinamico per soddisfare la domanda. Sebbene ciò sia più difficile con l’abbigliamento e altri prodotti in cui l’offerta può variare notevolmente, tecniche di previsione simili possono migliorare i margini.
  • Migliorare l’allocazione dell’inventario disponibile. Gli strumenti odierni allocano dinamicamente le risorse e pianificano il lavoro in base alle previsioni di vendita, agli ordini effettivi e alla consegna promessa delle materie prime. I produttori sono in grado di confermare una data di consegna del prodotto quando viene effettuato l’ordine, riducendo significativamente gli ordini compilati in modo errato.

Metriche di gestione della supply chain

Le supply chain ben gestite vengono misurate in vari modi. Le metriche possono aiutare le organizzazioni a concentrarsi sulle attività più importanti e a migliorare i processi esistenti. Le metriche critiche supportano la conformità normativa, la sicurezza o gli obblighi contrattuali. Altre metriche monitorano e migliorano l’efficienza, migliorano il servizio e producono maggiori profitti.

Le metriche comuni includono:

  • Ordini perfetti: la percentuale di ordini senza errori
  • Tempo del ciclo Cash to Cash: Numero di giorni tra il pagamento delle materie prime e il pagamento del prodotto finale
  • Tempo del ciclo dell’ordine: il tempo che trascorre dalla ricezione dell’ordine alla consegna del prodotto
  • Tasso di riempimento: la percentuale di ordini consegnati come ordinati alla prima spedizione.

In realtà ci sono centinaia di metriche della supply chain. L’arte è trovare quelli giusti per il vostro settore e la vostra attività.

 

Certificazioni di gestione della supply chain

I professionisti SCM con almeno una certificazione vengono pagati in media il 19% in più rispetto a coloro che non sono certificati e quelli con due o tre certificazioni guadagnano rispettivamente il 39% e il 50% in più rispetto alla media.

Che stiate già facendo carriera nella gestione della supply chain o desideriate entrare nel campo, ecco otto certificazioni di gestione della supply chain che possono arricchire il vostro curriculum e darvi un vantaggio rispetto alla concorrenza.

  • APICS Certified Supply Chain Professional certification (CSCP)
  • APICS Certified in Production and Inventory Management (CPIM)
  • APICS Supply Chain Operations Reference (SCOR-P) Endorsement
  • ISM Certified Professional in Supply Management (CPSM)
  • ISM Certified Professional in Supplier Diversity (CPSD)
  • NCMA Certified Professional Contract Manager (CPCM)
  • SCPro Council of Supply Chain Management Professionals (CSCMP)
  • SOLE Certified Professional Logistician (CPL)

Retribuzioni SCM

Secondo i dati di Payscale, lo stipendio medio negli USA per un responsabile della catena di approvvigionamento è di 84.020 dollari all’anno con un range compreso tra 56.000 e 188.000 dollari. I manager entry-level con meno di un anno di esperienza riferiscono di guadagnare una media di 62.664 dollari, che sale a 73.461 dollari per quelli con una media da uno a quattro anni di esperienza e a quasi 93.000 dollari per i professionisti SCM esperti con 10-19 anni di esperienza. Quelli con più di 20 anni di esperienza riportano uno stipendio medio annuo di 94.880 dollari.

Sempre secondo i dati di PayScale, ci sono anche diverse competenze associate a una retribuzione più elevata per i professionisti SCM. Questi includono la gestione del programma (40%), l’ingegneria dei processi di produzione (31%), l’analisi finanziaria (21%), lo sviluppo del prodotto (18%), la gestione del cambiamento (17%), la gestione dei fornitori (15%), l’analisi aziendale (13% ), pianificazione (13%), SAP Sales and Distribution (SAP SD) (12%) e pianificazione strategica (10%).

Ruoli della SCM

Le mansioni della gestione della supply chain sono in genere elencate sotto il titolo di responsabile della catena di approvvigionamento, ma ci sono ruoli simili che rientrano nella stessa categoria. Troverete molti ruoli che richiedono competenze SCM, che si tratti di operazioni, prodotti o analisi. Il mantenimento di una supply chain efficiente richiederà diversi professionisti che aiutano a creare, gestire, valutare e monitorare le supply chain all’interno dell’organizzazione.

  • Responsabile della supply chain connessa
  • Responsabile della consegna al cliente
  • Direttore della logistica
  • Direttore della filiera
  • Responsabile della fornitura globale
  • Analista capo, SCM
  • Responsabile acquisti
  • Analista ERP senior
  • Analista della supply chain
  • Ingegnere della supply chain
  • Responsabile delle integrazioni della supply chain
  • Consulente per la gestione della supply chain
  • Responsabile della supply chain e delle operazioni
  • Responsabile del progetto della supply chain
  • Tecnico della supply chain
  • Responsabile pianificazione della supply chain