Gartner: le sei barriere che ostacolano la trasformazione digitale

Gartner ha identificato sei ostacoli che i CIO devono superare per trasformare la loro organizzazione in un'azienda digitale e, a pesare, sono soprattutto mancanza di talenti e resistenza a una nuova cultura digitale.

Trasformazione digitale

Mentre le aziende continuano ad abbracciare la trasformazione digitale, stanno scoprendo che il business digitale non è semplice quanto acquistare la tecnologia più recente, ma richiede cambiamenti significativi alla cultura e ai sistemi. Un recente sondaggio di Gartner ha rilevato che solo un piccolo numero di organizzazioni è stato in grado di portare a termine con successo le proprie iniziative digitali andando oltre le fasi di sperimentazione e pilotaggio.

“La realtà è che il business digitale richiede competenze diverse, pratiche di lavoro, modelli organizzativi e persino culture” ha dichiarato Marcus Blosch, vicepresidente alla ricerca di Gartner. “Per trasformare un’organizzazione progettata per un mondo strutturato, ordinato e orientato ai processi a uno progettato per gli ecosistemi, l’adattamento, l’apprendimento e la sperimentazione sono difficili. Alcune organizzazioni potranno navigare in questo cambiamento, mentre quelle non possono cambiare diventeranno obsolete e saranno sostituite”.

Gartner ha identificato sei ostacoli che i CIO devono superare per trasformare la loro organizzazione in un’azienda digitale.

1 – Una cultura che resiste al cambiamento

L’innovazione digitale può avere successo solo in una cultura di collaborazione. Le persone devono essere in grado di lavorare oltre i confini ed esplorare nuove idee. In realtà, la maggior parte delle organizzazioni è bloccata in una cultura di silos e gerarchie che resistono ai cambiamenti. “La sfida è rappresentata dal fatto che molte organizzazioni hanno sviluppato una cultura della gerarchia e dei confini chiari e netti tra aree di responsabilità. L’innovazione digitale richiede invece il contrario: team collaborativi interfunzionali e autogestiti che non temono esiti incerti”.

I CIO che mirano a creare una cultura digitale dovrebbero iniziare in piccolo, definendo una mentalità digitale, assemblando un team di innovazione digitale e proteggendolo dal resto dell’organizzazione per consentire lo sviluppo della nuova cultura. I collegamenti tra l’innovazione digitale e i team di base possono quindi essere utilizzati per scalare nuove idee e diffondere la nuova cultura.

2 – Condivisione e collaborazione limitate

La mancanza di volontà di condividere e collaborare è una sfida non solo a livello di ecosistema ma anche all’interno dell’organizzazione. Le questioni relative alla proprietà e al controllo di processi, informazioni e sistemi rendono le persone riluttanti a condividere le proprie conoscenze.

L’innovazione digitale con i suoi team collaborativi interfunzionali è spesso molto diversa da quella a cui i dipendenti sono abituati riguardo alle funzioni e alle gerarchie. “Non è necessario avere tutti a bordo nelle fasi iniziali. Provate invece a trovare aree in cui gli interessi si sovrappongono, create un punto di partenza, testate l’idea e utilizzate una storia di successo per ottenere lo slancio necessario per il prossimo passo”, continua Blosch.

3 – Il business non è pronto

Molti leader aziendali sono convinti dell’esigenza di spostarsi su un business digitale. Ma quando il CIO vuole iniziare il processo di trasformazione, risulta che l’azienda non ha le competenze o le risorse necessarie.I CIO dovrebbero occuparsi della prontezza digitale dell’organizzazione per ottenere una comprensione della prontezza sia aziendale che informatica”, ha affermato Blosch. “Quindi, concentratevi sugli early adopter con la disponibilità e l’apertura a cambiare, tenendo però presente che il digitale potrebbe non essere rilevante per alcune parti dell’organizzazione”.

spesa it

4 – Mancanza di talenti

La maggior parte delle organizzazioni segue un modello tradizionale organizzato in funzioni quali IT, vendite e supply chain e in gran parte focalizzato sulle operazioni. Il cambiamento verso il digitale può essere lento in questo tipo di ambiente. L’innovazione digitale richiede un’organizzazione che adotti un approccio diverso. Persone, processi e tecnologia si fondono per creare nuovi modelli e servizi di business. I dipendenti hanno bisogno di nuove competenze incentrate su innovazione, cambiamento e creatività insieme alle nuove tecnologie stesse, come l’intelligenza artificiale (IA) e l’Internet of Things (IoT).

“Ci sono due approcci per rompere questo divario di talenti. In organizzazioni più piccole o più innovative è possibile ridefinire i ruoli delle persone per includere più abilità e competenze necessarie per supportare il digitale. In altre organizzazioni, usare un approccio bimodale può creare un gruppo separato per gestire l’innovazione con le competenze richieste”.

5 – Le pratiche attuali non supportano il talento

Avere il talento giusto è essenziale e avere le giuste pratiche consente al talento di funzionare efficacemente. Processi tradizionali molto strutturati e lenti non funzionano per il digitale. Non ci sono modelli collaudati da implementare, ma ogni organizzazione deve trovare le pratiche più adatte. “Alcune organizzazioni possono passare a un approccio basato sulla gestione del prodotto per le innovazioni digitali perché consente più iterazioni. Le innovazioni operative possono seguire i soliti approcci fino a quando il team digitale è sufficientemente esperto per estendere la sua portata e condividere le pratiche apprese con l’organizzazione”, ha spiegato Blosch.

6 – Il cambiamento non è facile

Spesso è tecnicamente impegnativo e costoso svolgere un lavoro digitale. Sviluppare piattaforme, cambiare la struttura organizzativa, creare un ecosistema di partner: tutto ciò richiede tempo, risorse e denaro. A lungo termine le imprese dovrebbero sviluppare le capacità organizzative che rendono il cambiamento più semplice e veloce. Per fare ciò, dovrebbero sviluppare una strategia basata su piattaforma che supporti i cambiamenti continui e i principi di progettazione e quindi innovare su quella piattaforma, consentendo ai nuovi servizi di attingere dalla piattaforma e dai suoi servizi base.

WHITEPAPER GRATUITI

  • Computerworld Speciale Industria 4.0
    white paper

    Computerworld Italia – Speciale Industria 4.0

    Un PDF da scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet e avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulla trasformazione in atto nel settore manifatturiero, da più parti definita "quarta rivoluzione industriale".
  • white paper

    Computerworld Italia – Speciale GDPR

    Un PDF da sfogliare online o scaricare per leggerlo comodamente su pc o tablet, per avere sotto mano e in un unica soluzione le notizie, le analisi e gli approfondimenti su come le aziende devono affrontare l'arrivo del GDPR.
  • white paper

    Computerworld Italia – Speciale Data Center

    Un PDF da sfogliare o scaricare su pc o tablet per avere sotto mano le notizie, le analisi e gli approfondimenti sulle principali tendenze dei Data Center: integrazione con il Cloud, approccio software-defined, ottimizzazione delle prestazioni energetiche e molto altro