Cultura: nel 2021 i CIO saranno responsabili tanto quanto la Direzione HR

Secondo un nuovo report di Gartner che analizza l’attività di CIO e CHRO, le iniziative di trasformazione digitale di successo devono essere accompagnate dai cambiamenti della cultura.

chro

In un’era di continui cambiamenti come questa una cultura proattiva e adattativa è una risorsa critica e i CIO giocheranno un ruolo chiave nello stabilire le giuste mentalità e le pratiche più adatte. Anche per questo Gartner prevede che entro il 2021 i CIO saranno responsabili dei cambiamenti culturali come lo sono i Chief HR Officers (CHRO).

“Molti CIO hanno capito che la cultura può essere un acceleratore della trasformazione digitale e che hanno i mezzi per rafforzare la cultura desiderata attraverso le loro scelte tecnologiche” ha affermato Elise Olding, vicepresidente alla ricerca di Gartner. “Una partnership con il CHRO è il modo perfetto per allineare selezioni tecnologiche e processi di progettazione per modellare i comportamenti di lavoro desiderati”.

La missione e i valori di un’organizzazione di solito rientrano nelle competenze del reparto HR. La partnership tra IT e risorse umane può far luce su come l’IT può prendere decisioni sulla progettazione di processi e tecnologie che promuovono l’intenzione della cultura organizzativa desiderata. L’architettura aziendale può adottare principi che si allineano ai tratti culturali e quando gli analisti di business progettano i processi possono crearli tenendo conto dei tratti desiderati. Quindi, l’IT supporta il modo in cui un’organizzazione si comporta in collaborazione con le risorse umane.

Tuttavia, il cambiamento della cultura è un processo. Ciò significa che vi saranno ostacoli alle iniziative digitali nella mentalità e nelle pratiche delle persone. “Un ottimo modo per far ripartire il cambiamento culturale e consentire l’adozione di nuove tecnologie e processi è l’hack della cultura. Iniziate con un piccolo gruppo di utenti motivati e usatelo per mostrare vittorie e risultati ottenuti”, ha continuato la Olding.

Entro il 2021 inoltre, l’80% delle medie-grandi imprese cambieranno la loro cultura come un modo per accelerare la loro strategia di trasformazione digitale. Il 67% delle organizzazioni ha già portato a termine iniziative di cambiamento culturale o è in procinto di farlo. La ragione di molte di queste iniziative è stata che l’attuale cultura è stata identificata come un ostacolo alla trasformazione digitale.

“Nel 50% dei casi le iniziative di trasformazione sono chiari fallimenti e i CIO riferiscono che la barriera principale è la cultura” ha dichiarato Christie Struckman, vicepresidente alla ricerca di Gartner. “La conclusione logica è che i CIO dovrebbero iniziare con il cambio di cultura quando intraprendono la strada verso trasformazione digitale, non dopo.”

Nel 2022 il 75% delle organizzazioni con team decisionali all’avanguardia che riflettono la diversità e una cultura inclusiva supereranno i loro obiettivi finanziari. Le organizzazioni oggi hanno bisogno di decisioni migliori fatte velocemente, idealmente in prima linea. Per raggiungere questo obiettivo, i team devono essere composti da membri multidisciplinari e diversi, con l’autonomia e la responsabilità di agire e realizzare obiettivi finanziari. Diversità e inclusione (D&I) sono infatti fondamentali per il successo di queste squadre.

“Le iniziative di D&I contribuiranno ai risultati di business solo se verranno ridimensionate in modo appropriato e raggiungeranno effettivamente i dipendenti in prima linea” ha dichiarato John Kostoulas, senior research director di Gartner. “Le imprese spesso trascurano l’estensione ai dipendenti in prima linea dei programmi di D&I come la formazione di pregiudizi inconsci. Numerose tecnologie possono migliorare la portata e l’efficacia dei programmi di D&I, come diagnosticare lo stato attuale di inclusione, sviluppare leader che promuovano l’inclusione e incorporino l’inclusione nell’esecuzione aziendale quotidiana”.

Le iniziative D&I sono un’area in cui CIO e CHRO possono collaborare in modo semplice ed efficace. Ad esempio, i CIO possono sostenere i comportamenti di empowerment poiché hanno già acquisito molta esperienza con lo sviluppo agile e con i team di prodotto che lavorano insieme. Il dipartimento IT deve collaborare con le risorse umane per impostare programmi di monitoraggio, misurazione e miglioramento dell’inclusione. “Vale la pena investire. La ricerca di Gartner mostra che l’inclusione può migliorare le prestazioni di oltre il 30% in diversi team”, conclude Kostoulas.