CIO: sette segnali di disruption digitale da tenere d’occhio

Computing quantico, distribuzione software, traduzioni in tempo reale e nanotecnologie sono alcune delle disruption digitali alle quali i CIO dovrebbe prestare sempre più attenzione.

disruption digitale

Gartner ha rivelato oggi sette disruption digitali a cui le aziende potrebbero non essere preparate. “La sfida più grande per le aziende e i fornitori di tecnologia oggi è la disruption digitale” ha dichiarato Daryl Plummer, vicepresidente di Gartner. “La natura virtuale delle disruption digitali le rende molto più difficili da gestire rispetto alle disruption causate dalla tecnologia precedente. I CIO devono diventare esperti nel riconoscere, dare priorità e rispondere agli indicatori iniziali di questa rivoluzione digitale”. Ecco le 7 disruption nei dettaglio.

Quantum Computing

Il quantum Computing (QC) è un tipo di calcolo non classico basato sullo stato quantistico delle particelle subatomiche. I computer classici funzionano utilizzando bit binari in cui il bit è 0 o 1, vero o falso, positivo o negativo. Tuttavia, nel QC, il bit viene definito quantum bit o qubit. A differenza dei bit strettamente binari del calcolo classico, i qubit possono rappresentare 1 o 0 o una sovrapposizione di entrambi parzialmente 0 e parzialmente 1 allo stesso tempo.

La sovrapposizione è ciò che dà velocità e parallelismo ai computer quantici, il che significa che questi computer potrebbero teoricamente lavorare su milioni di calcoli contemporaneamente. Inoltre, i qubit possono essere collegati con altri qubit in un processo chiamato entanglement. Se combinati con la sovrapposizione, i computer quantistici potrebbero elaborare un numero enorme di risultati possibili allo stesso tempo.

“Gli odierni data scientist, incentrati sul machine learning (ML), sull’intelligenza artificiale (IA) e sui dati e sull’analisi, semplicemente non possono affrontare alcuni problemi complessi e difficili a causa dei limiti di calcolo delle architetture classiche dei computer. Alcuni di questi problemi potrebbero portare i supercomputer odierni a superare mesi o anche anni a passare attraverso una serie di modifiche” ha affermato Plummer. “I computer quantici hanno invece il potenziale per eseguire enormi quantità di calcoli in parallelo in pochi secondi. Questo potenziale, oltre alla capacità di affrontare problemi estremamente complessi, è ciò che sta suscitando tanto interesse da parte di CEO e CIO in una varietà di settori. Ma dobbiamo sempre essere consapevoli del clamore che circonda il modello di calcolo quantistico. Il controllo di qualità è utile per un insieme specifico di soluzioni di problemi, non per tutti i sistemi di elaborazione generici.”

quantum computing

Traduzione in tempo reale

La traduzione linguistica in tempo reale potrebbe cambiare radicalmente le comunicazioni in tutto il mondo. Dispositivi come auricolari di traduzione e servizi di traduzione vocale e di testo possono eseguire traduzioni in tempo reale, abbattendo le barriere linguistiche con amici, familiari, clienti e colleghi. Questa tecnologia potrebbe non solo abolire le barriere linguistiche interculturali, ma anche far scomparire i traduttori linguistici, in quanto questo ruolo potrebbe non essere più necessario.

“Per prepararsi a questa disruption, i CIO dovrebbero dotare i loro dipendenti internazionali di traduttori sperimentali in tempo reale per pilotare la comunicazione semplificata”, ha affermato Plummer. “Questo aiuterà a stabilire discipline multilingue per aiutare i dipendenti a lavorare in modo più efficace con le lingue”.

Nanotecnologia

Le nanotecnologie possono essere definite come scienza, ingegneria e tecnologia condotte su scala nanometrica (da 1 a 100 nanometri). Le implicazioni di questa tecnologia sono che la creazione di soluzioni coinvolge singoli atomi e molecole. La nanotecnologia è usata per creare nuovi effetti nella scienza dei materiali, come i materiali autoriparanti. Le applicazioni in medicina, elettronica, sicurezza e produzione annunciano un mondo di piccole soluzioni che colmano le lacune nel “macroverso” in cui viviamo.

“La nanotecnologia sta rapidamente diventando un concetto comune come molti altri, eppure rimane ancora scarsamente compresa nel suo impatto sul mondo in generale”, ha affermato Plummer. “Quando consideriamo le applicazioni che iniziano a consentire la stampa 3D su scala nanometrica, diventa possibile far avanzare la causa dei materiali organici stampati e persino del tessuto umano generato dalle singole cellule staminali. Il bioprinting in 3D ha mostrato risultati promettenti e la nanotecnologia sta contribuendo a conseguire risultati positivi”.

Swarm Intelligence

Il business digitale estenderà i metodi di gestione convenzionali oltre il punto di rottura. L’azienda dovrà prendere decisioni in tempo reale su eventi imprevedibili, sulla base di informazioni provenienti da molte fonti diverse come i dispositivi Internet of Things. Gli esseri umani si muovono troppo lentamente, le macchine intelligenti autonome costano troppo e le architetture iperscalizzate non sono in grado di gestire la variabilità. La cosiddetta swarm intelligenze potrebbe affrontare questa missione a un costo molto basso.

Con questo termine si intende un comportamento collettivo di sistemi decentralizzati e auto-organizzati, naturali o artificiali. Uno swarm (sciame) consiste di piccoli elementi di calcolo (entità fisiche o agenti software) che seguono semplici regole per coordinare le loro attività. Tali elementi possono essere replicati rapidamente ed economicamente. Pertanto, uno sciame può essere scalato su e giù facilmente quando le esigenze cambiano. I CIO dovrebbero iniziare a esplorare il concetto per ridimensionare la gestione, specialmente negli scenari di business digitale.

Interfacce uomo-macchina

L’interfaccia uomo-macchina (HMI) offre ai fornitori di soluzioni l’opportunità di differenziarsi con esperienze multimodali innovative. Inoltre, le persone con disabilità beneficiano di HMI adattate alle loro esigenze, tra cui alcune già in uso all’interno di organizzazioni di tutti i tipi. La tecnologia incoraggerà le persone senza disabilità a impiegare anche la tecnologia per tenere il passo.

Ad esempio, gli indossabili elettromiografici (EMG) consentono agli utenti attuali che non sarebbero in grado di farlo altrimenti di utilizzare smartphone e computer attraverso l’uso di sensori che misurano l’attività muscolare. La contrazione muscolare genera segnali elettrici che possono essere misurati dalla superficie della pelle. I sensori possono essere posizionati su una singola parte o su più parti del corpo, a seconda dei casi. I gesti sono a loro volta interpretati da una HMI collegata a un altro dispositivo, come un PC o uno smartphone. I dispositivi indossabili che utilizzano i segnali mioelettrici stanno già interessando il mercato consumer e continueranno a migrare verso dispositivi destinati a persone con disabilità.

Smartphone aziendali

Distribuzione software

L’acquisizione di software sta subendo un cambiamento fondamentale. Il modo in cui il software è localizzato, acquistato e aggiornato è ora una parte fondamentale del mercato della distribuzione del software. Con la continua crescita delle piattaforme cloud da Amazon Web Services (AWS), Microsoft Azure, Google, IBM e altri, oltre alla sempre crescente introduzione di prodotti e servizi orientati al cloud, il ruolo dei marketplace per la vendita e l’acquisto sta guadagnando sempre più trazione.

I fornitori di piattaforme cloud hanno capito (a vari livelli) che devono rimuovere il massimo attrito possibile nei processi di acquisto e di proprietà sia per le proprie offerte, sia per le offerte dei propri fornitori di software indipendenti (ISV) (cioè i partner). Gli ISV o i fornitori di servizi di tecnologia cloud (TSP) riconoscono la necessità di raggiungere un pubblico di acquisto più ampio e sempre più diversificato.

“Stabilire il proprio mercato o partecipare come fornitore in un mercato di terze parti è un percorso verso il mercato che sta diventando sempre più popolare. Distributori e altre terze parti vedono anche l’opportunità di creare forti ecosistemi (e basi di clienti) mentre guidano l’efficienza dei partner e dei fornitori di servizi tecnologici”, ha affermato Plummer.

Disintermediazione dello smartphone

L’uso di altri dispositivi, come gli assistenti personali virtuali (VPA), gli smartwatch e altri dispositivi indossabili, può significare un cambiamento nel modo in cui le persone continuano a utilizzare lo smartphone. Oggi gli smartphone sono fondamentali per le connessioni e il consumo dei media. Tuttavia, col passare del tempo diventeranno meno visibili man mano che rimarranno nelle tasche e negli zaini.

“Invece, i consumatori useranno una combinazione di input vocali e tecnologie VPA e altri dispositivi indossabili per navigare in un negozio o in uno spazio pubblico come un aeroporto o uno stadio senza camminare per strada con gli occhi incollati allo schermo dello smartphone”, ha dichiarato Plummer . I CIO e i leader IT devono utilizzare la portabilità di una tecnologia come principio guida e investigare e pilotare soluzioni indossabili per migliorare l’efficacia dei lavoratori, aumentare la sicurezza, migliorare le esperienze dei clienti e migliorare la soddisfazione dei dipendenti.