CIO: come raggiungere l’equilibrio tra lavoro e vita privata ed evitare il burnout

I CIO stanno lottando come mai fatto prima per trovare il giusto equilibrio tra lavoro e vita privata, ma la sfida è più difficile di quanto sembri.

cio

L’equilibrio tra lavoro e vita privata, il principio attraverso il quale dividete equamente il vostro tempo e vi concentrate tra lavoro e attività personali, avvantaggia individui e aziende in egual misura. Un sano equilibrio tra lavoro e vita privata può migliorare la salute, la produttività, la conservazione del lavoro e il turnover e, a sua volta, evitare il burnout emotivo. Eppure, l’obiettivo di arrivare a un sano equilibrio tra vita personale e lavoro professionale sembra oggi più irraggiungibile che mai.

Le ricadute economiche e sociali della pandemia di COVID-19 hanno offerto ai CIO maggiori opportunità e responsabilità nella C-Suite e hanno esercitato ulteriore pressione sui team di consegna dei progetti per accelerare i programmi pluriennali di trasformazione digitale. Le aspettative aziendali per i team IT sono cresciute a dismisura durante la pandemia, ma questo di per sé rappresenta una specie di spada a doppio taglio.

CIO, equilibrio tra lavoro e vita privata e una pandemia globale

Come molti dirigenti IT, Jason James, CIO del fornitore di software EHR (cartelle sanitarie elettroniche) NetHealth, afferma di essersi buttato sul lavoro all’inizio della pandemia “perché è stata una delle poche cose che potevamo controllare”. Ammette quindi che il lavoro è diventato uno sfogo, ma che presto è diventato anche qualcosa di insostenibile.

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

“Lavoravo durante il pranzo, di notte e nei fine settimana e dormivo molto meno di quanto avrei dovuto. La mia famiglia non riceveva l’attenzione che meritava. Potrei aver avuto successo come CIO, ma non ero il top del mio gioco come padre o marito”.

James ha sviluppato un piano per rendere il lavoro più equilibrato, stabilendo dei limiti per il controllo di e-mail e messaggi e trovando il tempo per uscire nelle pause pranzo. Ma era ancora difficile staccare la spina, con il lavoro che spesso consumava il tempo in famiglia.

Per Tariq Khan, CDIO (direttore responsabile delle informazioni digitali) presso il London Borough of Camden, l’equilibrio tra lavoro e vita privata ha assunto un significato completamente diverso. Iniziando il suo primo lavoro come CIO l’anno scorso, Khan ha dovuto destreggiarsi tra lavoro e istruzione a casa dei bambini durante il lockdown britannico, incontrare virtualmente nuovi colleghi e sostenere i servizi governativi con risorse limitate.

“Poteva andare meglio”, ammette. “È stata una curva di apprendimento ripida; inoltre c’è stata molta domanda sui servizi del governo locale durante la pandemia che ha aumentato il carico di lavoro”.

Lavorare in isolamento mentre si guidano i team

Altri CIO hanno espresso difficoltà nel lavorare in isolamento, indicando come cause di ciò la mancanza di contatto umano, la natura transazionale della videoconferenza e la pressione per guidare, motivare e supportare i team e un ecosistema di partner.

Per alcuni, combattere il desiderio di fare di più è stato difficile, anche durante i tempi di inattività. Michelle Kearns era nuova nel suo ruolo quando lo scorso anno è entrata a far parte di Boots Ireland come responsabile IT, dopo aver trascorso 16 anni presso il servizio medico Caredoc e più recentemente come CIO. Ammette che è stato difficile fare una buona impressione per il nuovo lavoro mantenendo al tempo stesso una certa normalità nella vita familiare.

“Anche quando ero in ferie, dovevo seguire un importante progetto e ogni sera chiamavo i miei colleghi per sapere come come stava procedendo il tutto”, dice la Kearns . “In parte era perché volevo fare una buona impressione, in parte perché volevo che il progetto avesse successo. Penso che possa essere abbastanza difficile disconnettersi completamente dal lavoro”.

Una situazione ancora più pesante è toccata al CIO della Oxford Said Business School Mark Bramwell, quando un infarto lo scorso maggio lo ha costretto a valutare le priorità della vita. Descrive l’evento, dal quale ora si è completamente ripreso, come un “sveglia” per prendersi più cura di sé.

“Ho imparato che i risultati non dipendono solo da quanto duramente e a lungo lavoriamo, ma anche da come diamo priorità, deleghiamo e da quanto lavoriamo in modo intelligente. Ho sicuramente stabilito nuovi limiti per la mia giornata lavorativa, ho imparato a dire “no” più spesso e a proteggere meglio il tempo dedicato ad attività personali”.

Priorità per raggiungere l’equilibrio tra lavoro e vita privata

L’equilibrio tra lavoro e vita privata può essere raggiunto attraverso la delega e la definizione delle priorità, oltre a stabilire confini chiari e fare delle pause. Ma si tratta anche, come descrive Khan, di avere un’idea chiara di ciò che si vuole ottenere.

“Qualcuno una volta mi ha descritto la sua casella di posta come la lista di cose da fare controllata da altre persone; è quindi importante avere un chiaro insieme di priorità strategiche che dettano la pianificazione della vostra giornata”, dice Kahn. “Uno dei beni più preziosi che dobbiamo spendere è il nostro tempo. Quindi è importante investire in esso con saggezza”.

Jot Sehmbi, CDTO (Chief Digital Transformation Officer) presso l’Essex University nel Regno Unito, ha cercato di fare proprio questo impostando abitudini quotidiane, delimitando il tempo protetto ma anche dedicandosi a nuovi hobby al di fuori del suo lavoro quotidiano. “Sono tornato a suonare il pianoforte e a giocare a scacchi in un club di appassionati. Avere un’attività programmata in cui un gruppo dipende dalla vostra partecipazione aiuta”.

 

Come creare un equilibrio tra lavoro e vita privata per il vostro team

Questi esempi possono essere parte di qualcosa di più grande, con Kearns di Boots e Bramwell della Oxford Business School che affermano come costruire fiducia, trasparenza e responsabilizzazione all’interno dei team possa aiutare tutte le parti in gioco. Tom Catalini, CIO del Boston Museum of Fine Arts, fa un passo avanti, suggerendo che i premi per un lavoro ben fatto possono portare a un sano equilibrio tra lavoro e vita privata per tutto il personale.

“Se qualcuno del team deve fare uno sforzo in più per portare a termine un lavoro, voglio che sia ricompensato con una pausa pranzo più lunga, un pomeriggio libero o un giorno di vacanza in più. Rendere questa una politica esplicita è importante”, afferma Catalini.

Secondo James di NextHealth, che di recente è diventato il primo dipendente di sesso maschile dell’azienda a prendere un congedo parentale retribuito, le soft skill richieste oggi dai CIO, come l’empatia e la flessibilità, possono portare a una migliore fidelizzazione dei talenti.

“Le persone sono molto più che il loro lavoro e la pandemia sta costringendo molte aziende a fare i conti con questo”, afferma James. “Molti lavoratori stanno spingendo per ruoli che consentano loro di avere una maggiore flessibilità nelle loro carriere e le aziende che abbracciano questa visione riusciranno anche ad attrarre i talenti migliori”.

Per Catalini, l’equilibrio tra lavoro e vita privata significa essere intelligenti. “Una vita più equilibrata non è solo utile, ma è anche essenziale per raggiungere il vostro pieno potenziale. Non solo essere più felici è importante quanto avere successo: essere più felici e più equilibrati in realtà porta a maggiori livelli di successo”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!