CIO Debates: Trasformare i dati in Intelligenza per il Business

In un periodo in cui le condizioni macroscopiche cambiano in modo rapidissimo e imprevedibile, il patrimonio aziendale di conoscenze ed esperienza su come si lavora e si fa business non è più sufficiente a orientare le decisioni.

Molte aziende hanno negli ultimi anni investito in piattaforme digitali e strumenti di analisi avanzata dei dati per trasformare il proprio rapporto con i clienti, ma quante hanno anche rivolto lo sguardo al proprio interno, applicando le stesse tecnologie per ricavare insight sui propri processi, sull’impiego delle risorse umane e sulla pianificazione finanziaria?

Oggi più che mai è necessario che i manager dispongano, in tempo reale, di una intelligenza contestuale e precisa su tutte le costanti vitali della organizzazione per poter sostenere con efficacia le decisioni aziendali e reagire con agilità ai cambiamenti.

adv

Le aziende cercano quindi nuovi strumenti analitici per interpretare il mondo e il business che cambiano e sfruttare a pieno il potere dell’enorme quantità di dati a loro disposizione (decisioni del passato, transazioni, dati operazionali, performance, compensazione, dati di terze parti e molto altro).

Augment analytics e Intelligenza artificiale diventano un abilitatore indispensabile per fornire business intelligence ai decision makers in modo proattivo. Parliamo di strumenti che hanno la capacità di portare a galla “pillole di intelligenza” pronte all’uso, identificare tendenze, segnalare anomalie e addirittura creare descrizioni grafiche e verbali del problema o fenomeno, identificando in anticipo domande umane:

  • Quali sono le tendenze in atto tra i dipendenti nella nuova organizzazione del lavoro? Quale il loro livello di coinvolgimento?
  • Quali sono i dati interni che si possono usare insieme a Intelligenza Artificiale e Augmented Analytics allo scopo di ottenere una maggior comprensione dei fenomeni in atto in azienda?
  • Quali competenze richiede la nuova situazione, e quali tra esse sono già presenti in azienda?
  • Quali strumenti servirebbero per tradurre gli insight generati dai dati non solo in grafici e numeri, ma anche descrizioni in grado di spiegare cosa sta succedendo in modo semplice e comprensibile?

Sono queste alcuni dei temi in discussione nella tavola rotonda online “CIO Debates: Trasformare i dati in Intelligenza per il Business” destinata agli IT leader di grandi aziende italiane e organizzata da CIO Italia, Business International e Workday che si terrà il 21 gennaio 2021 (h17-h18.30).

Maggiori informazioni e il modulo di adesione sono disponibili alla pagina dell’evento.
Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

Andrea Grassi
Editor di Computerworld e CIO Italia Giornalista professionista, ma con una formazione tecnico-scientifica, dal 1995 ha lavorato per alcune delle più importanti testate di informatica in Italia. È stato redattore di .Net Internet Magazine, il Mio Computer e MacFormat, responsabile di redazione di Computer Magazine, PC Magazine, Hacker Jorunal, Total Computer e del portale CHIP Download. Come publisher ha curato l’edizione italiana di CHIP, PC World, Macworld e ha ideato e lanciato le riviste mensili iPad Magazine e Android Magazine. È autore dei libri Windows XP per tutti e Mac OS Tiger pubblicati da McGraw-Hill e ha tradotto svariati altri manuali di programmazione, cybersecurity e per software professionali. Dal 2015 cura per Fiera Milano Media le testate Computerworld e CIO Italia dell’editore americano IDG. Ha seguito in particolar modo l’evoluzione di Internet, dagli albori della sua diffusione di massa, analizzandone gli aspetti tecnici, economici e culturali, i software di produttività, le piattaforme web e social, la sicurezza informatica e il cybercrime. Più di recente, segue le tematiche relative alla trasformazione digitale del business e sta osservando come l’intelligenza artificiale stia spingendo ogni giorno più in là il confine della tecnologia. Puoi contattarlo via email scrivendo ad andrea.grassi@cwi.it e seguirlo su Twitter (@andreagrassi) o Linkedin.