10 buoni propositi dei CIO per migliorare team, azienda e se stessi

Alcuni leader IT condividono le loro visioni su come sperano di trasformare i loro team, le loro aziende e se stessi nel nuovo anno

obiettivi cio 2022

Nell’agenda dei CIO ci sono iniziative tecnologiche, consegne di prodotti e progetti IT pianificati per l’anno appena iniziato. Ognuno è, ovviamente, importante di per sé. Nel loro insieme, tuttavia, stanno portando collettivamente un bene più grande per l’impresa.

Con questo in mente, abbiamo chiesto ad alcuni CIO di condividere i loro obiettivi e traguardi generali – o, nello spirito del nuovo anno, i loro buoni propositi – per il 2022.

Ecco uno sguardo a ciò che vogliono ottenere e come stanno pianificando di avere successo.

1. Massimizzare il potenziale delle persone

ADV
Trusted Cybersecurity Bitdefender

Sanità in Italia, i sei pilastri per una cybersecurity più efficiente

Il settore è tra i più esposti, come dimostra l’attacco ransomware alla Regione Lazio. Una ricerca Bitdefender nel rapporto Clusit evidenzia gli elementi su cui è più urgente lavorare LEGGI TUTTO

Booz Allen Hamilton vede nel personale la suo risorsa più preziosa. Per questo il CIO Brad Stone indica come il suo obiettivo numero uno “fornire i servizi e l’ambiente digitale che ognuno dei nostri utenti desidera in modo che possano massimizzare il loro potenziale”.

Questo è un grande passo avanti per un’azienda con 29.000 dipendenti che, come in molte altre organizzazioni, continueranno a lavorare in un ambiente ibrido.

Abbiamo imparato molto su cosa significhi un ambiente ibrido, ma ci sono ancora molte incognite”, afferma Stone. “Non sappiamo sempre cosa vogliono i nostri utenti, cosa significa per loro il lavoro, ma vogliamo comunque assicurarci che siano supportati, indipendentemente da dove si trovano o cosa stanno facendo”.

Ha in programma di elaborare profili dei lavoratori, cercare punti in comune tra di loro e attingere alle comunità di utenti per identificare i bisogni e quindi fornire opzioni per soddisfarli, ma senza creare un’enorme quantità di scelte, che porterebbe a confusione.

Questo obiettivo”, aggiunge, “si lega al nostro obiettivo aziendale principale, che è attrarre, trattenere e potenziare le nostre persone”.

2. Essere più empatici

Abha Dogra, vicepresidente senior della tecnologia digitale e CIO per il Nord America di Schneider Electric, si è recata in Messico all’inizio di dicembre per incontrare di persona i dipendenti. Considera il viaggio un inizio anticipato per il suo obiettivo 2022 di utilizzare meglio il suo quoziente emotivo “EQ”.

Come leader tecnologici, possiamo essere orientati a sfruttare di più il QI; il mio comportamento è guidato dal lato QI del mio cervello”, dice Dogra. “Non credo che cambierà, ma vorrei darmi un obiettivo per migliorare davvero il mio lato EQ, cercando di essere molto più presente per il mio team, sia fisicamente che emotivamente, per aiutarli davvero ad evolversi”.

Si è recata a Monterrey, in Messico, appositamente per incontrare un team che lavora nell’hub digitale dell’azienda, aperto pochi mesi prima dell’inizio della pandemia Covid-19. Dogra afferma che si è impegnata a mantenere spazi liberi nella agenda per incontrare lo staff in occasioni informali e interagire a livello personale.

3. Portare l’esperienza del cliente al livello successivo

RJ Juliano, chief information and marketing officer di Parkway, una società con sede a Filadelfia che acquista, vende, gestisce e affitta immobili e parcheggi, ha grandi idee su come costruire un futuro incentrato sul cliente per questa azienda che vanta quasi un secolo di storia.

Juliano punta a creare un’esperienza cliente senza soluzione di continuità, che fornisca informazioni e indicazioni estremamente accurate verso dove vogliono andare e che li colleghi con gli altri luoghi in cui devono essere durante i loro viaggi.

Facciamo parte di una grande catena e vogliamo essere un elemento importante”, afferma, spiegando che la sua visione richiede di lavorare con altre aziende per connettere piattaforme per offrire i servizi di cui i clienti hanno bisogno.

L’idea di Juliano non è nuova, ma è stata messa da parte per un po’ di tempo durante la pandemia per dare priorità ad altre esigenze. Ma Juliano sta rendendo l’esperienza del cliente una parte centrale dei suoi piani per il 2022, sfruttando funzionalità, come nuove app per servizi touchless, elaborate durante la pandemia.

Non c’è tempo da perdere: “Penso che le aspettative dei clienti raddoppieranno ad un ritmo elevato; si aspettano un mondo completamente connesso”, afferma.

4. Mantenere la ritrovata agilità

Molte aziende sono sopravvissute al 2020 e al 2021 perché sono state in grado di adattarsi durante quasi due anni tumultuosi e imprevedibili.

Siamo stati costretti a capire come essere agili. Adesso non vogliamo perdere questo slancio e tornare indietro sviluppando una eccessiva paura del rischio”, dice Juliano.

Ritiene che le organizzazioni, inclusa la sua, possano ricadere in un passato in cui i processi richiedevano più passaggi per l’approvazione e le eventuali modifiche. Sebbene riconosca l’importanza dei processi e dei controlli per garantire che vengano prese buone decisioni, vuole vederli abbastanza agili da sostenere la stessa velocità raggiunta durante la pandemia.

Non dimentichiamo la lezione che abbiamo imparato: possiamo muoverci velocemente. Abbiamo capito come pensare e adattarci molto rapidamente”, dice. “Continuiamo a farlo”.

5. Prepararsi per la crescita

L’IT ha guidato gran parte della crescita che il business ha visto nell’ultimo anno. E’ una tendenza che continuerà, secondo lo Snow Software 2022 IT Priorities Report, che posiziona “trainare la crescita dell’azienda” al n. 7 nel suo sondaggio sulle 12 principali priorità dei CIO per il 2022.

Forte di molte nuove esperienze e di una prospettiva rimodellata, il 2022 sarà l’anno in cui l’IT metterà a frutto tutto ciò che è stato appreso, stabilirà nuove linee guida e si spingerà verso nuovi livelli di crescita”, afferma il report.

Steve Heilenman, CIO di Benefix.us, una startup nel settore delle assicurazioni, indica la crescita tra i suoi buoni propositi per il 2022. In cinque anni l’azienda ha visto una crescita del 121% anno su anno e Heilenman afferma che l’IT è essenziale per consentire all’azienda di continuare su questo percorso.

Il team IT di Benefix.us sta lavorando per stabilizzare la piattaforma dell’azienda per accogliere tale crescita, aggiungendo nuove funzionalità, come le capacità di analisi richieste dai clienti e l’automazione di cui i team interni hanno bisogno per stare al passo con i crescenti carichi di lavoro.

6. Funzionalità flessibili basate sui dati

Uno degli obiettivi principali che Eric Johnson, vicepresidente esecutivo e CIO di Momentive (ex SurveyMonkey), ha per sé e per la sua organizzazione è aumentare l’impatto sul business attraverso i dati.

Johnson ha trascorso l’ultimo anno a gettare le basi per cogliere davvero questa opportunità. “Abbiamo concentrato gli investimenti nell’infrastruttura dei dati, assumendo competenze e risultati chiave”, afferma. “Nel 2022 puntiamo a definire obiettivi e progetti più ampi per spostare l’ago sui KPI aziendali critici utilizzando data science e machine learning”.

La società di consulenza McKinsey & Co. indica i dati come una delle sei priorità “make-or-break” per i CIO per il 2022.

Non è esagerato affermare che non sono possibili iniziative importanti per la creazione di valore per l’azienda senza dati validi. Sono letteralmente la linfa vitale del business e dovrebbero essere trattati in questo modo”, scrive Aamer Baig, senior partner di McKinsey, aggiungendo che i CIO devono concentrarsi sulla qualità piuttosto che sulla quantità e sviluppare “una capacità di orchestrazione per ottenere i molti collegamenti di dati necessari per consentire esperienze avanzate”.

Anche Stone di Booz Allen ha un programma simile che coinvolge i dati, più specificamente per continuare a spingere l’azienda nel suo percorso verso un’organizzazione veramente basata sui dati.

Vogliamo ottenere più valore dai dati e utilizzarli meglio per informare le nostre decisioni e migliorare la velocità del processo decisionale”, aggiunge.

7. Ottimizzare la cultura del lavoro ibrido

Per molti CIO l’ambiente di lavoro ibrido è qui per restare, tanto per il personale IT che per la forza lavoro complessiva dell’azienda. Quindi hanno il compito sia di fornire le capacità sottostanti sia di guidare e gestire la nuova cultura del luogo di lavoro.

Ma anche dopo quasi due anni di lavoro in questa modalità, le sfide rimangono. Secondo il report sulle priorità IT di Snow Software il 78% dei leader IT afferma che il lavoro ibrido potrebbe essere un peso mentre cercano di assumere, mantenere e gestire adeguatamente la crescente forza lavoro remota della propria organizzazione.

Non sorprende, quindi, che i CIO siano decisi a concentrarsi sulla costruzione di una cultura del luogo di lavoro su misura per il modello ibrido.

Thomas Phelps, vicepresidente senior della strategia aziendale e CIO di Laserfiche, è uno di questi leader IT.

Con la transizione di Laserfiche a un ambiente di lavoro ibrido, abbiamo l’opportunità di assumere talenti per lavorare praticamente ovunque”, afferma. “La sfida è come sostenere una cultura aziendale quando le interazioni umane possono essere limitate a una miniatura Zoom di pochi centimetri”.

Il mio buon proposito è non solo guidare l’innovazione tecnologica e le prestazioni aziendali, ma anche trovare nuovi modi per sostenere la nostra cultura aziendale per il lavoro ibrido con una leadership che dia il tono e il giusto mix di servizi e strumenti di collaborazione digitali – e talvolta analogici”, spiega. “Alcune soluzioni tecnologiche influenzeranno l’aspetto della nostra cultura del lavoro ibrido, ma l’impatto maggiore verrà dalla promozione di una cultura in cui i team si sentono coinvolti e apprezzati”.

8. Automatizzare il più possibile

Per Stephen Franchetti, CIO di Samsara, l’automazione è in cima alla lista. L’obiettivo è utilizzare la tecnologia per aumentare la produttività e semplificare l’esperienza dell’utente.

Vogliamo che le persone si concentrino sul lavoro per cui le assumiamo. Gli addetti alle vendite devono essere là fuori a vendere e gli ingegneri devono occuparsi del codice e creare ottimi prodotti, anziché essere distratti da questioni amministrative e burocratiche”, afferma. “Quindi, automatizzare quei processi ripetibili tramite app, bot e integrazioni sarà fondamentale per noi per rimanere agili man mano che cresciamo”.

Inoltre, crede che l’automazione sia una componente fondamentale per il successo futuro, considerandola un modo per aiutare la sua azienda a “evolvere, scalare in modo efficace e mantenere il nostro vantaggio agile nel processo”.

Altri condividono la sua prospettiva. Il report Info-Tech 2022 Tech Trends ha rilevato che il 79% dei leader IT ritiene che l’automazione fornirà un valore elevato alla propria organizzazione nei mesi a venire. Il report indica anche l’automazione as-a-service come una delle cinque tendenze tecnologiche da tenere d’occhio nel 2022.

9. Innovare

Secondo il report di Snow Software, i CIO hanno inserito “la promozione dell’innovazione per il vantaggio competitivo” al n. 5 nella loro lista delle 12 priorità principali per il 2022, in aumento rispetto alla posizione n. 9 dell’anno precedente.

Ravi Naik, CIO di Seagate Technology, posiziona l’innovazione – e più specificamente, la capacità di innovare entro i limiti che ha – ancora più in alto nella sua lista dei buoni propositi per il 2022.

Si tratta di ridimensionare tutto ciò che stiamo facendo in modo più efficiente e pulito al fine di reinvestire le risorse nell’organizzazione”, afferma, osservando che è fondamentale per la crescita che i team IT mettano in discussione lo status quo. “Quando si attiva l’innovazione, possiamo sfruttare il valore che è bloccato nelle inefficienze e consentire che tale valore venga reinvestito nell’azienda. Naturalmente, i CIO non possono farlo da soli. È un comportamento che deve essere istituzionalizzato. Incoraggio l’intera organizzazione IT ad assumere questa mentalità”.

Possiamo fare di più con meno non perché stiamo semplicemente limitando i progetti, ma perché abbiamo trovato un modello di consumo migliore grazie al cloud e all’agilità”, aggiunge. “Dobbiamo indirizzare le risorse dove sono più necessarie. Ecco perché voglio guidare una cultura che innova nonostante i vincoli”.

10. Semplificare

L’Info-Tech Research Group nel suo report 2022 Tech Trends identifica la complessità come un fattore di rischio per i CIO mentre portano avanti determinate iniziative. Stone di Booz Allen è d’accordo, motivo per cui la “semplificazione” è un altro dei suoi buoni propositi per l’anno a venire.

Voglio semplificare la nostra azienda e semplificare le nostre operazioni”, sottolinea.

Vede il maggiore uso di una tecnologia cloud come uno dei modi principali per eliminare la complessità e ritiene che l’eliminazione di processi su misura e applicazioni altamente personalizzate sia un’altra mossa da compiere. “Entrambi possono creare attrito e rallentare l’organizzazione in un momento in cui sono necessari servizi senza soluzione di continuità e velocità per avere successo”, conclude.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

AUTOREMary K. Pratt
FONTECIO
CIO
Con informazioni, approfondimenti ed eventi ad hoc, CIO Italia è una risorsa preziosa per tutti i leader delle strutture IT e i decisori delle strategie tecnologiche aziendali.