Prepararsi a una promozione in sette step

I professionisti IT che puntano a ruoli di livello senior devono imparare a presentare i propri successi, trovare mentori e sponsor e far conoscere le proprie aspirazioni

promozione

Ottenere una promozione a un alto livello nell’IT è un traguardo che richiede tempo. Ma non si raggiunge lavorando bene e aspettando pazientemente che qualcuno se ne accorga. La promozione a un ruolo di leadership richiede preparazione, persuasione, coinvolgimento dei colleghi e un piano.

Prima di studiare l’organigramma dell’azienda e progettare una strategia, chiedetevi se volete veramente un ruolo di responsabilità. Certo, tutti desiderano più prestigio e uno stipendio migliore. E molti sono certi di essere ottimi manager. “Ma un ruolo più importante e le pressioni che ne derivano sono davvero quello che volete?”, chiede John Appleby, CEO di Avantra.

Man mano che si sale nella scala gerarchica aumentano le responsabilità e diminuiscono altre cose”, concorda Theresa Cantwell, Responsabile HR di Digiterre. “Per esempio la conoscenza delle nuove tecnologie, perché i manager non hanno più tempo per aggiornarsi. In un ruolo di leadership, bisogna concentrarsi su milioni di altre questioni. E uscire dalla propria zona di comfort, affrontando anche conflitti e tensioni”.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Siete ancora interessati? Ecco i consigli degli esperti per ottenere una promozione.

Prepararsi per il percorso

Se volete crescere professionalmente, potreste essere tentati di prendere d’assalto l’ufficio del vostro capo e sfogare la frustrazione per un percorso che sembra bloccato. Oltre a non bastare, questa non è una strategia. In effetti, siete voi che dovete cambiare, non il vostro capo.

Dovete vedere la questione in termini di necessità organizzative”, afferma Ellen Thorne, Vicepresidente globale HR di CloudBees. Di cosa ha bisogno la vostra azienda ai livelli più alti? Come si diventa la persona che soddisfa questi bisogni? “Se puntate a una posizione IT di livello senior, cercate di capire quali competenze ed esperienze vi mancano”, aggiunge. Quindi elaborate un piano per acquisire quelle abilità. “In questo modo avrete non solo il potenziale e l’aspirazione, ma anche l’esperienza necessaria”.

Potreste non avere esperienza con la pianificazione strategica, il budget, i prodotti legacy o qualsiasi altro aspetto rilevante per il ruolo a cui aspirate. “Identificate le aree in cui è necessario sviluppare nuove abilità. Questa è la vostra mappa”, afferma Thorne. “Invece di chiedere una promozione al vostro capo, chiedete aiuto per acquisire quelle abilità, per esempio partecipando a progetti che vi aiuteranno ad acquisire nuove competenze”.

Le persone che gestiscono la propria carriera vanno dal loro capo e dicono: ‘Voglio essere in grado di capire questa disciplina. Tienimi presente se c’è un’opportunità’”, afferma Katie Shannon, Digital and Technology Officer presso la società di consulenza Heidrick & Struggles.

Documentare i progressi

Se volete essere presi in considerazione per un ruolo o un progetto siate pronti a promuovere voi stessi. Non date per scontato che tutti ricordino i i progetti a cui avete partecipato e i risultati che avete già ottenuto.

I manager gestiscono più persone nel corso degli anni”, spiega Debora Roland, Vicepresidente delle risorse umane di CareerArc. “Non possono ricordare le grandi cose che avete fatto. Dovete presentarvi come fareste a un colloquio di lavoro, presentare i risultati che avete ottenuto nell’ultimo anno e perché potreste dare un contributo importante in un nuovo ruolo o progetto”.

Tenete traccia dei vostri successi e delle cose che sono andate bene”, suggerisce Cantwell. “Così, quando otterrete un colloquio mirato sulla tua promozione, sarà più facile ricordare alle persone i risultati che avete ottenuto”.

Anche il modo in cui presentate questi successi è una parte importante della strategia di persuasione. Perché, mentre raccontate la vostra storia, state dimostrando che potete raccontare una storia.

Lo storytelling è un’abilità importante”, dice Shannon. “Potreste aver svolto un ruolo in cui i dati hanno rappresentato una svolta per il vostro cliente. Potrebbe essere stato uno dei progetti più difficili su cui abbiate mai lavorato. Ma quanto sia stato difficile non è ciò che è rilevante per questa storia. Parlate dei dati e dell’impatto sul business. Mettete in evidenza i vantaggi ottenuti dall’azienda”.

Lo scopo qui è duplice. State sostenendo la vostra promozione e dimostrando che potete sostenere un argomento convincente per qualcosa che è importante per voi e per l’azienda. ”Se volete sedervi di fronte a un consiglio di amministrazione, se farete parte di un team di leadership e riferirete a un CEO, dovete essere in grado di raccontare una grande storia”, sottolinea Shannon.

Mostrare empatia

Ovunque voi siate nel vostro percorso professionale, mostrate empatia”, suggerisce Jessica Saranich, Responsabile delle operazioni di monday.com. Se partite dal presupposto che, poiché il vostro lavoro è tecnico, le persone non saranno in grado di capire cosa fate, cambiate atteggiamento. “Questi stereotipi devono scomparire”, dice. “Se non sapete spiegare qualcosa di tecnico, lavorateci sopra. Affinate le vostre abilità linguistiche. Esercitatevi a conversare su argomenti tecnici con persone che non sono tecniche”.

Spiegare come funziona uno strumento di analisi, cosa non funziona in un computer o come configurare un router a qualcuno non tecnico non è così diverso dal dettagliare i complessi requisiti tecnici di una suite di sicurezza a qualcuno non tecnico che siede nel consiglio di amministrazione o gestisce il budget della vostra azienda. “Dovrete convincere le persone delle vostre idee e della necessità dei vostri progetti, nonché delle esigenze dell’azienda”, afferma Saranich. “Sarà più facile se riuscite a comunicare rapidamente con passione ed empatia. Queste abilità sono rare e molto potenti”.

Farsi avanti

Non pensate che le persone intorno a voi vi leggano nel pensiero o che il vostro capo sappia dei vostri obiettivi. Se c’è un’opportunità, fatevi avanti.

Ho conosciuto persone che volevano migliorare la propria carriera, ma in realtà non hanno mai espresso la loro volontà di crescere”, dice Shannon. “Non hanno mai reso noto puntavano a un’altro ruolo. Non ne hanno mai nemmeno parlato”.

È importante non solo pensare strategicamente ai propri obiettivi, ma parlare di questi obiettivi. “Rendete noti i vostri obiettivi al responsabile delle assunzioni, alle risorse umane o a un consulente per la ricerca di lavoro”, suggerisce Shannon.

Potrebbe essere necessario fare di più che parlarne. Probabilmente dovrete fare un po’ di promozione di voi stessi, lavorare sulla rete della vostra azienda e far sapere a tutti che aspirate a un posto più alto. “Immagina il vostro processo di vendita”, afferma Appleby. “Capite chi è il decisore e chi sono gli influencer e lavorate per convincerli che potete svolgere questo ruolo”.

Imparare a guidare un team

Salire la scala significa guidare un team. E, nell’IT, è probabile che quel team sia tecnico. Non dovete necessarie avere competenze tecniche superiori alle loro, ma dovete dimostrare che siete in grado di guidare un team di persone esperte.

Quando un’azienda cerca un CIO, un CTO o un CDO, cerca qualcuno che abbia la capacità di affrontare il consiglio di amministrazione”, dice Shannon.

Questo è un aspetto della leadership. Un altro, ancora più importante, è avere la fiducia del team.

Possono vederti come un leader?”, chiede Appleby. “Ciò richiede un tipo specifico di empatia. Trascorrete del tempo con i professionisti più esperti, in particolare quelli che guidano i team di infrastrutture e sicurezza. Riuscite a entrare in empatia con le loro esigenze?”.

Se empatia e leadership non sono vostre doti naturali, inseritele tra le abilità che dovete sviluppare, insieme alla pianificazione strategica e alle competenze tecniche.

La leadership è una dote che si apprende”, afferma Appleby. E ci sono molti modi per impararla, per esempio conseguire un MBA, sfruttare programmi di formazione interna o seguire un corso online. “La chiave è la consapevolezza di sé”, dice. ”È la prima abilità di leadership che deve essere appresa. Chi afferma che vuole diventare più consapevole ha fatto il primo passo”.

Trovare un mentore

Non è necessario fare tutto da soli. E’ più efficace trovare un coach, un mentore o uno sponsor. In effetti, perché limitarsi a uno solo?

Circondatevi di persone che possono aiutarvi a migliorare le vostre abilità in diversi ambiti”, dice Thorne. “Questi vi aiuterà ad avanzare nel vostro percorso di sviluppo professionale e vi farà sentire pronti ad alzare l’asticella”.

Identificate una o più persone che possono aiutarvi ad andare da dove siete a dove vorreste essere. “Scegliete qualcuno che ammirate e che abbia le caratteristiche che, secondo voi, serviranno nel ruolo a cui aspirate”, afferma Appleby. Non è necessario che sia il vostro capo o un decisore aziendale.

Non deve nemmeno essere un esperto della vostra disciplina”, aggiunge Shannon. Cercate all’interno della vostra azienda, tra i partner commerciali, nella vostra rete o nelle associazioni professionali. “E chiedete. Continuate a chiedere finché qualcuno dice di sì. Ma non aspettatevi che conducano il gioco”. Sta a voi gestire l’aiuto e il tempo che vi vengono offerti, per esempio programmando una semplice telefonata di 10 minuti ogni venerdì. “Non deve essere qualcosa di troppo impegnativo, altrimenti non troverete nessuno disposto ad aiutarvi”.

E mantenete la conversazione incentrata sulla strategia di carriera. “Un coach non è il vostro terapista”, dice Cantwell. “Vi aiuta a guardare al vostro futuro professionale e suggerisce gli strumenti per capire oggettivamente dove volete andare”.

Una volta che avete un mentore o un coach, iniziate a cercare uno sponsor.

Cercare uno sponsor

Un mentore aiuta a capire come raggiungere il vostro ruolo futuro. “Uno sponsor è qualcuno al vostro fianco”, precisa Thorne. E’ qualcuno che potrebbe avere accesso a più contatti e opportunità di voi, che sa quali sono le vostre aspirazioni ed è disposto a fare il vostro nome se si presenta un’occasione.

E quando arrivate in cima, ricordate tutte le persone che vi hanno aiutato ad arrivarci. Guardate indietro. C’è qualcuno che potreste aiutare? Se vi viene chiesto di essere un mentore, un coach o uno sponsor, non solo avete gestito la vostra carriera, ma avete anche imparato a essere un leader.

AUTOREChristina Wood
FONTECIO
CIO
Con informazioni, approfondimenti ed eventi ad hoc, CIO Italia è una risorsa preziosa per tutti i leader delle strutture IT e i decisori delle strategie tecnologiche aziendali.