AI, cloud, collaborazione: le priorità tecnologiche dei CIO per il 2022

L'intelligenza artificiale e l'automazione saranno al centro della scena, mentre cloud e collaborazione manterranno la priorità nelle agende IT. Tra le tecnologie emergenti, i CIO indicano il quantum computing

tecnologie 2022

Tra le priorità strategiche dei CIO per il prossimo anno ci sono automazione e intelligenza “fruibile”. I leader IT continueranno a fare affidamento sul cloud e gli strumenti di collaborazione, due priorità IT che sono diventate importanti nella gestione della pandemia negli ultimi 21 mesi.

E’ quanto emerge da un sondaggio su 800 CIO e dirigenti C-suite condotto da KPMG, che classifica intelligenza artificiale, Internet delle Cose (IoT) e automazione dei processi robotici ( RPA) come le prime tre tecnologie trasformative che i CIO implementeranno nei prossimi tre anni.

Sheila Jordan di Honeywell è una leader IT appassionata di intelligenza artificiale, che considera un motore per creare valore dall’ampia gamma di applicazioni aziendali.

ADV
Trusted Cybersecurity Bitdefender

Sanità in Italia, i sei pilastri per una cybersecurity più efficiente

Il settore è tra i più esposti, come dimostra l’attacco ransomware alla Regione Lazio. Una ricerca Bitdefender nel rapporto Clusit evidenzia gli elementi su cui è più urgente lavorare LEGGI TUTTO

L’ho ribattezzato ‘intuizioni fruibili’ perché è ciò che l’intelligenza artificiale è veramente”, afferma Jordan, chief digital technology officer di Honeywell. “La cosa che unisce il tutto sono i dati, che rappresentano la valuta della trasformazione digitale. Il modo in cui i dati fluiscono attraverso tutte le diverse applicazioni transazionali crea nuove esperienze”.

E con il valore fruibile dell’intelligenza artificiale e dell’analisi radicato nel volume e nella qualità dei dati raccolti dall’azienda, i leader IT parteciperanno da vicino alle operazioni sui dati anche nel prossimo anno.

Come CIO, devi essere incredibilmente vicino ai dati e sfruttarli in modi sempre più efficaci”, ha affermato Eric Johnson, chief information officer di Momentive.ai, precedentemente nota come SurveyMonkey. “Guardando al 2022, i CIO devono intensificare l’impegno sui dati. In qualità di CIO, devi essere vicino al business e molto preparato su come i dati possono guidare l’impatto sul business”.

Questa enfasi sui dati e sull’intelligenza fruibile va al cuore di ciò che sarà più importante per i CIO nei prossimi tre anni – crescita del mercato e fidelizzazione dei clienti – rispetto alle metriche del passato – riduzione dei costi ed efficienza. Mette anche l’IT e il CIO al centro della missione principale dell’azienda: generare fatturato.

Si tratta di aumentare le entrate e l’espansione, l’adozione e ridurre il tasso di abbandono”, sottolinea Johnson. “Non si tratta solo di sviluppare una nuova infrastruttura, ma creare vero fatturato”.

L’impresa intelligente e automatizzata

Molte delle tecnologie emergenti, in particolare AI, RPA e tecnologie cloud avanzate, verranno sempre più utilizzate per “analizzare, ottimizzare, acquisire informazioni e automatizzare l’enorme quantità di dati raccolti nel cloud negli ultimi quattro anni”, spiega Mark Gibson , responsabile di tecnologia, media e telecomunicazioni presso KPMG US. 2Circa il 70% dei dati mondiali è stato creato negli ultimi 18 mesi2.

L’evoluzione della scienza dei dati e delle tecnologie di apprendimento automatico sta prendendo forma e anche chi non è esperto di scienza dei dati può ora sfruttare rapidamente queste tecnologie per cercare correlazioni e segnali nei dati che prima non avrebbe visto”, aggiunge Gibson.

L’RPA è un’altra area di crescente interesse per i CIO. Andando oltre le semplici attività di help desk, gli strumenti RPA che sfruttano l’elaborazione del linguaggio naturale possono aiutare l’IT ad automatizzare processi aziendali più significativi come debiti e crediti, liberando gli analisti aziendali per raccogliere maggiori informazioni dai dati dei clienti. E i CIO utilizzano sempre più spesso questi bot nei flussi di lavoro.

Secondo Penelope Prett, CIO di Accenture, tecnologie come AI e RPA avranno un ruolo anche nel trasformare la cultura del posto di lavoro, stimolando investimenti significativi nella formazione del personale.

Tecnologie intelligenti QUALI analisi, intelligenza artificiale e robotica stanno rimodellando il futuro del lavoro, automatizzando le attività di routine e creando nuovi tipi di interazione uomo-macchina”, afferma Penelope Prett. “Per rimanere competitive e prepararsi per il futuro, le aziende devono migliorare il proprio talento tecnologico rapidamente e in tutta l’azienda”.

Per alcune organizzazioni, la spinta all’unione di intelligence e insight automatizzati è radicata anche nelle strategie IoT emergenti.

Land O’Lakes, per esempio, sta implementando sensori negli impianti di produzione e utilizzando dispositivi di visione artificiale per monitorare le mandrie, calcolare la media del peso di ciascun animale e determinare se l’alimentazione è corretta.

È una tecnologia molto entusiasmante ancora nelle primissime fasi”, ha dichiarato Teddy Bekele, vicepresidente senior e CTO di Land O’Lakes, in una recente conferenza a Boston. “Deve essere combinata con sensori e modelli predittivi, ma stiamo iniziando ad avere un’esperienza unificata di queste tecnologie”.

Gibson di KPMG prevede che IoT e intelligenza artificiale saranno sempre più utilizzati in combinazione. “Quando penso all’IoT penso ai dispositivi, ai sensori e alle cose che ottengono dati non strutturati sui clienti e le operazioni per essere gli input nell’intelligenza artificiale e nell’apprendimento dei dati”, afferma. “È difficile considerare l’IoT come qualcosa di separato dall’intelligenza artificiale e dall’analisi dei dati”.

Cloud e collaborazione restano al primo posto

I CIO continueranno anche a intensificare gli sforzi per il cloud nel prossimo anno. Il cloud è fondamentale per qualsiasi trasformazione digitale, ma molte aziende sono ancora in ritardo nell’implementazione di una moderna architettura cloud ottimizzata per l’impatto aziendale.

Siamo ancora al cloud di prima generazione e c’è una lunga strada da percorrere”, afferma Ralph Munsen, CTO di Warner Music Group, osservando che i tre grandi fornitori di cloud pubblici sono costantemente in competizione per offrire nuove caratteristiche e funzioni. Il team DevOps cloud di WMG è pronto “per portare i nostri carichi di lavoro nel cloud e utilizzare i nuovi strumenti e funzionalità non appena disponibili”, dice. “Più strumenti introduci, più cresce la complessità”.

L’interoperabilità dei dati tra i fornitori di servizi cloud sarà un’esigenza chiave in futuro, secondo Munsen. “Ci scambiamo tutti i dati l’uno con l’altro, giusto? In che modo questi cloud possono facilitare lo scambio automatico dei dati?”.

Un’altra strategia IT chiave per superare la pandemia, le tecnologie di collaborazione, continuerà a brillare nel 2022, poiché la maggior parte dei CIO riconosce che la forza lavoro ibrida è qui per restare. Strumenti diffusi come Microsoft Teams, Google Workspace, Zoom e altri strumenti di collaborazione video vengono migliorati per trasformare il modo in cui i dipendenti remoti interagiscono virtualmente, e i CIO ne trarranno sicuramente vantaggio mentre si preparano per l’impresa ibrida a lungo termine.

Le tecnologie da tenere d’occhio

Cinque tecnologie emergenti – 5G, blockchain, pagamenti digitali, calcolo quantistico e robotica – sono nelle primissime fasi di accettazione e sperimentazione aziendale, ma tutte avranno un impatto trasformativo sulle aziende entro i prossimi tre anni, secondo KPMG. Pertanto, guardando al futuro, molti CIO avvieranno progetti pilota in queste aree, se non l’hanno già fatto.

Le rivoluzionarie velocità della banda larga del 5G dovrebbero rivoluzionare il computing a livello aziendale e consumer una volta implementate completamente, ma i problemi tecnici, di sicurezza e di disponibilità continuano a ritardare la sua piena implementazione.

Ed McLaughlin, presidente delle operazioni e della tecnologia di Mastercard, è entusiasta delle possibilità del 5G per le aziende. “Anche se non sappiamo in che modo il 5G avrà un impatto su ogni settore, sappiamo che elasticità, velocità, bassa latenza, sicurezza avanzata e IoT sono tutti in primo piano”, afferma McLaughlin. “Il 5G sta stabilendo una nuova generazione di connettività di rete che porterà a un impatto più profondo rispetto al passato, motivo per cui Mastercard sta investendo in piattaforme di pagamento digitali multi-rail in modo da poter costruire ed eseguire qualsiasi cosa e ovunque”.

I CIO sono anche alle prese con modi per sfruttare al meglio le tecnologie blockchain, nonché le risorse digitali di criptovaluta e non fungibili (NFG) per applicazioni di acquisto, vendita ed e-commerce in settori in cui queste tecnologie potrebbero avere un impatto. Gibson di KPMG ritiene che tali sistemi di pagamento digitali saranno sempre più integrati nel commercio aziendale.

Anche il calcolo quantistico, che secondo alcuni giungerà a maturità tra decenni, è citato dai CIO come un potenziale impatto sulle aziende più rapido di quanto atteso.

La recente fusione di Honeywell Quantum Solutions e Cambridge Quantum Computing per formare Quantinuum ha visto il rilascio questo mese di un prodotto commerciale per la sicurezza informatica quantistica chiamato Origin. Fujitsu è un’azienda che ha integrato Quantum Origin nella sua configurazione SD-WAN per fornire ai propri clienti chiavi crittografiche potenziate attraverso tecniche quantistiche per proteggere i propri dati.

Anche Amir Arooni, CIO di Discover Financial Services, tiene d’occhio gli sviluppi del quantum computing per migliorare i servizi della propria azienda.

Stiamo applicando carichi di lavoro a tecnologie specifiche come GPU e chip AI per migliorare le nostre capacità”, afferma Arooni. “Il calcolo quantistico ha un grande potenziale in casi d’uso probabilistici come frodi, modelli finanziari e analisi delle preferenze dei clienti, problemi davvero complessi che fanno parte delle nostre operazioni quotidiane”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!