7 caratteristiche che distinguono un leader IT da un manager IT

Per essere un leader non basta portare a termine un progetto nei tempi stabiliti: tra le caratteristiche fondamentali ci sono empatia, compassione, capacità di ispirare tutto il team

leader vs manager

La maggior parte dei CIO sono stati, nelle fasi precedenti della loro carriera, responsabili IT. Sfortunatamente, nonostante gli aumenti di retribuzione e responsabilità, molti CIO continuano a comportarsi e comunicare come manager piuttosto che come leader.

Bloccato nel passato e incapace di andare avanti, un CIO fermo a una mentalità da manager non è in grado di sbloccare il pieno potenziale del suo nuovo ruolo.

La transizione da manager a leader è un processo che richiede consapevolezza, riflessione e intuizione. Per accelerare il cambiamento, considerate questi sette aspetti che differenziano un leader da un manager.

1. Ispirazione

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

Un leader IT ispira i colleghi, incoraggiandoli ad abbracciare e coltivare con entusiasmo il cambiamento tecnologico.

Non è necessario un titolo o una posizione di potere per utilizzare questa capacità di leadership”, afferma Mark Smith, docente di tecnologie aziendali presso la University of Advancing Technology di Tempe, in Arizona. “I leader IT che ispirano le persone possono mobilitarle per portare a termine i progetti e realizzare grandi cose. Per ispirare personale e colleghi, un leader deve acquisire e affinare una forte intelligenza emotiva e capacità di comunicazione”.

I leader IT possono anche ispirare i team con discussioni aperte, oneste e trasparenti incentrate su strategie e visione tecnologica.

I migliori leader IT sono aperti al feedback e al dialogo e invitano altri di tutti i livelli a contribuire per dare forma alla visione”, afferma Kim Bozzella, managing director della società di consulenza aziendale Protiviti. “I giorni dei follower ciechi sono finiti, le persone vogliono leader che siano disponibili, comunicativi e reali”.

2. Collaborazione

L’IT è integrata in una gamma in continua espansione di attività aziendali. “Per questo motivo, c’è un gran numero di relazioni positive che devono essere stabilite all’interno di un’organizzazione IT”, afferma Jerry Kurtz, executive vice president of insights and data presso Capgemini Nord America. “Il successo di un leader IT e del suo team sarà in gran parte determinato dalla combinazione della qualità di queste relazioni di collaborazione e dalla capacità di costruire un’organizzazione IT capace e pronta a seguire la visione del leader IT”.

I leader capaci di promuovere una maggiore collaborazione all’interno dei loro team e con gli stakeholder esterni “saranno in grado di guidare il cambiamento di successo e ottenere più supporto per i loro responsabili IT e di programma”, osserva Bozzella. Inoltre, i leader che promuovono una maggiore innovazione collaborativa, facendo in modo che i membri del team pensino in modo diverso e più creativo, saranno in grado di garantire ai clienti consegne tempestive e prive di errori, oltre a supportare le operazioni tecnologiche aziendali.

3. Motivazione

Dare ai membri del team le informazioni di cui hanno bisogno per completare con successo i loro compiti è fondamentale per garantire una direzione e un contesto a lungo termine. “La capacità di raccontare la storia del perché ci si concentra su determinate priorità, in un modo che accoglie il dialogo e il coinvolgimento, è un comportamento essenziale per la leadership”, spiega Loralie Thostenson, vicepresidente senior e responsabile dei talenti tecnologici presso Liberty Mutual Insurance. “L’utilizzo di questa caratteristica motiva e ispira efficacemente i dipendenti a raggiungere i risultati desiderati creando un ambiente in cui le persone si sentono apprezzate”, afferma.

Avere la capacità di comunicare con dipendenti e stakeholder a tutti i livelli dell’organizzazione, con diversi stili e approcci, è una capacità di differenziazione fondamentale. “Le persone che mostrano veramente la leadership sono in grado di creare e sostenere relazioni che creano fiducia”, afferma Thostenson. “La capacità di creare una narrativa persuasiva ed essere aperti a prospettive diverse è fondamentale per definire con successo, insieme a team e stakeholder, una roadmap come guida della trasformazione aziendale abilitata dalla tecnologia”.

4. Visione

Un leader IT deve possedere la capacità di immaginare lo stato futuro dell’azienda e tendere a tale obiettivo attraverso “capacità di gestione del cambiamento, business acumen, influenza e negoziazione per ottenere il cambiamento richiesto”, afferma Bill VanCuren, CIO di NCR. “La leadership IT è una professione solitaria, poiché la maggior parte delle persone all’inizio non vorrà cambiare e potrebbe non seguire gli innovatori che guardano al futuro e guidano il cambiamento”.

Per necessità, i responsabili IT tendono a dare la priorità a “tenere le luci accese”, assicurando che i progetti vengano eseguiti in tempo e raggiungano gli obiettivi stabiliti. “I leader IT, d’altro canto, devono sviluppare una visione più ampia e visionaria, concentrandosi su nuove direzioni che possono portare valore ai clienti interni ed esterni”, afferma Rich Temple, vicepresidente e CIO presso Deborah Heart and Lung Center. “Un leader IT visionario può suscitare entusiasmo sia da parte dei clienti che dei membri del team IT per nuove direzioni e opportunità, per imparare cose nuove e crescere professionalmente”.

5. Empatia

I migliori leader IT sono quelli che guidano con empatia”, afferma Michael Fahey, consulente presso la società Info-Tech Research Group. “Capiscono che ispirare un membro del team a dare il meglio di sé richiede un’autentica accettazione e comprensione delle motivazioni e del contesto del dipendente”. In altre parole, si prendono il tempo per conoscere le persone e cosa le motiva.

Al contrario, un manager è tipicamente guidato dalla mission e concentrato sul lavoro da svolgere. “Questo approccio non ha niente di sbagliato, ma può limitare l’efficacia della leadership”, osserva Fahey. “Il manager potrebbe non essere consapevole della situazione personale dei dipendenti, il che significa che non sarà sempre nella posizione ideale per ispirarli a lavorare in modo ottimale”.

Quando dimostri con le tue parole e le tue azioni il tuo rispetto e apprezzamento per i tuoi subordinati, stai preparando il terreno per l’eccellenza della leadership”, afferma il generale (in pensione) Gregory J. Touhill, il primo CISO federale e attualmente docente presso la Carnegie Mellon University. “Durante il servizio militare, ho imparato che i manager gestiscono le cose mentre i leader guidano le persone. Ci sono decine di tratti essenziali che caratterizzano i grandi leader, ma ho scoperto che la differenza fondamentale tra i leader e i manager è l’empatia“.

Comprendi e abbi fiducia nei tuoi subordinati e lascia che gestiscano il lavoro che deve essere fatto”, raccomanda Fahey. “Sapere chi sono e cosa li motiva è una delle abilità che distingue i grandi leader dagli altri”.

6. Flessibilità

La flessibilità,intesa come capacità di gestire abilmente un ambiente complesso e mutevole, è un’altra caratteristica chiave dei leader IT. “Richiede un’intelligenza fluida, la capacità di ragionare e risolvere problemi in situazioni uniche e nuove e una mentalità di crescita”, sottolinea Charlie Atkinson, CEO di PeopleFactors, una piattaforma online di valutazione dei talenti HR.

A seconda della situazione, un leader potrebbe dover attingere a tecniche di gestione o di leadership per svolgere un compito particolare. “I ruoli senior sono più orientati alla leadership”, afferma Atkinson. “Un CIO in genere dedica dal 20 al 30% del proprio tempo alla gestione dei propri rapporti diretti e il resto del tempo alla guida”.

7. Compassione

Ciò che distingue veramente un leader IT è la compassione, ovvero “la capacità di prendersi cura dei dipendenti e della missione dell’azienda“, afferma Jon Check, senior director delle soluzioni di cybersecurity di Raytheon. “Un leader promuove la crescita della carriera, il benessere, l’apprendimento continuo e l’acquisizione di nuove competenze per l’intero team, facendosi portavoce di questi valori all’interno dell’azienda“.

Per raggiungere questo livello di leadership è necessario avere a cuore i membri del team e aiutare ciascuno a raggiungere i propri obiettivi.

La strada verso la leadership richiede pazienza, concentrazione continua e impegno”, afferma Check. “Un leader deve dedicare tempo e risorse ad aiutare i propri colleghi e non solo al proprio percorso professionale”, afferma. “Anche se può sembrare impossibile assumersi ulteriori responsabilità, i leader dedicano tempo a ciò che è importante e la loro priorità è che l’intero team abbia successo”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!