6 competenze IT senza futuro, e come evitare di diventare obsoleti

Per assicurarsi che la propria carriera IT continui a prosperare nel futuro ibrido, interfunzionale e basato su cloud non basta più specializzarsi, ma è importante ampliare le proprie competenze

Quando si tratta di carriera IT, il segreto per renderla duratura è la diversificazione e l’aggiornamento delle competenze. In un recente sondaggio di Deloitte, la maggioranza dei CIO ha affermato che un terzo delle attuali competenze del proprio personale non sarà rilevante nei prossimi tre anni.

In effetti, il 68% dei dirigenti intervistati da Deloitte ha affermato che il divario di competenze della propria organizzazione è “da moderato a estremo”, con il 27% che lo classifica come “maggiore” o “estremo”. Il panorama IT è in rapida evoluzione e i datori di lavoro cercano competenze in combinazioni che siano in linea con le loro esigenze future. Per evitare un vicolo cieco nella propria carriera, alcuni leader tecnologici hanno identificato le aree che si stanno avvicinando alla fine del loro ciclo di vita e il modo di rinnovare il proprio set di competenze per continuare a crescere.

Competenze IT legate a sistemi legacy e on-premise

L’aumento dei servizi basati su cloud, insieme alla tendenza verso ambienti di lavoro ibridi e remoti, ha ridotto la necessità di personale IT in sede. Coloro le cui competenze sono focalizzate su hardware fisico e sistemi legacy potrebbero vedere le loro opzioni di carriera limitate prima o poi, afferma Susie Cummings, leader nazionale dei servizi IT presso BDO Digital.

ADV
Webinar Finanziamenti a fondo perduto PNRR NextGen EU

L’IT as-a-service e le opportunità dei finanziamenti PNRR e NexGen EU

Come il modello IT as-a-Service e i finanziamenti NextGen EU e PNRR possono essere gli strumenti giusti per erogare i servizi digitali richiesti dal business e dal mercato.      ISCRIVITI ORA >>

“I dipendenti generalisti con forti competenze, ma nessuna area contemporanea di competenza (cybersecurity, cloud…)  probabilmente lotteranno per rimanere rilevanti nelle posizioni attuali o future”, afferma Cummings. “Stiamo anche vedendo i confini sfumati tra IT e business. Essere una risorsa puramente tecnica senza la capacità di navigare nelle conversazioni con i leader aziendali sul valore di un futuro investimento IT può causare sempre più sfide”.

Peter Tsai, capo degli approfondimenti tecnologici presso Spiceworks Ziff Davis, afferma che la necessità di competenze fondamentali per comprendere l’integrazione di infrastruttura, sistemi operativi e software non scomparirà, ma nemmeno farà risaltare i professionisti della tecnologia che si limitino a queste.

“Le tendenze attuali hanno influenzato le competenze tecnologiche richieste”, afferma Tsai. “Dieci anni fa, le certificazioni IT più utili avrebbero potuto riguardare dispositivi di rete, sistemi operativi e ambienti di virtualizzazione. Tuttavia, con una maggiore attenzione alla protezione dalle minacce informatiche e il passaggio di software e infrastruttura a un modello “as-a-service”, molte delle certificazioni più remunerative ora riguardano la sicurezza IT e il cloud computing”.

Competenza in un solo linguaggio di programmazione

Chi eccelle nei singoli linguaggi di programmazione attualmente in uso può provare un senso di sicurezza, ma la necessità di comprendere più linguaggi crescerà rapidamente nei prossimi anni, afferma Ivan Panchenko, co-fondatore e vice CEO di Postgres.

“In passato, un professionista IT poteva utilizzare una tecnologia per un decennio, ora non è più così”, afferma Panchenko. “Le innovazioni arrivano a un ritmo più veloce. Una cattiva decisione di progettazione, un’acquisizione da parte di un concorrente, un cambio di licenza e linguaggi e framework precedentemente popolari iniziano a perdere i loro utenti. Ora tutte le principali aziende tecnologiche stanno aggiungendo un secondo e un terzo linguaggio di programmazione nelle sezioni delle competenze desiderate delle loro descrizioni del lavoro. Gli sviluppatori di software senior spesso passano a nuovi stack tecnologici nel giro di pochi mesi e hanno successo nei loro nuovi ruoli”.

Alcuni professionisti della tecnologia potrebbero aver trovato un compenso maggiore proprio perché esperti di una determinata area, ma questa specializzazione ora potrebbe rendere vulnerabile quella stessa carriera, afferma David Wintrich, direttore accademico di Bootcamp Tech Elevator“Specializzarsi eccessivamente in prodotti specifici o tecnologie di nicchia può essere controproducente. I generalisti riusciranno ad adattarsi ai mutevoli scenari tecnologici e saranno più attrezzati per evolversi con le esigenze delle organizzazioni”.

Garanzia di qualità

Tony Lysak, CEO del Software Institute, sostiene che le competenze informatiche hanno una durata limitata e afferma che i test con script stanno svanendo.

“Al momento, le competenze IT prossime alla fine del loro ciclo di vita includono test manuali e SQL”, afferma Lysak. “Questi vengono progressivamente sostituiti da UX/UI, personale interfunzionale con capacità condurre test automatizzati e tecnici specializzati in cloud, spesso con competenze specialistiche nei big data. Ruoli come gli amministratori di sistema e gli amministratore di rete si stanno rapidamente spostando verso ruoli di nicchia all’interno di cyber e cloud, dove ogni settimana compaiono nuovi fornitori di software e prodotti”.

Wintrich vede anche scomparire la necessità di condurre test manuali, visto che sempre più organizzazioni adottano l’automazione. “La familiarità con gli strumenti di scripting per la riproduzione dei record diventerà meno richiesta”, afferma Wintrich.

Ciò significa che i professionisti IT avranno competenze in queste aree dovrebbero guardare a nuove opportunità nei dati, nell’analisi e nella sicurezza mentre la maggior parte delle aziende si fa strada attraverso la trasformazione digitale, afferma Lambert A. Rugani, amministratore delegato nella pratica del responsabile tecnologico presso ZRG.

“Abbiamo assistito a una maggiore automazione e standardizzazione”, afferma Rugani. “Il passaggio allo sviluppo agile e a DevOps ha ridotto la necessità di team di QA di grandi dimensioni”.

Hard skill senza soft skill

I team IT hanno bisogno di alti livelli di collaborazione e coloro che possono comunicare in modo efficace vedranno aumentare le proprie azioni mentre gli altri diminuiscono, afferma Wintrich.

“Bisogna assicurasi di essere in grado di contribuire non solo dal punto di vista delle competenze tecniche. Ci sono cose che possono rendere più efficace l’intero team e l’organizzazione, comprese le capacità di gestione dei progetti e la certificazione Scrum master, la formazione sulla creazione di documentazione tecnica e lo sviluppo di capacità di raccolta dei requisiti, come l’ascolto attivo, insieme alla conoscenza del dominio che consente di comprendere e collaborare con colleghi di lavoro”.

Operazioni del data center

Renato Mascardo, CTO di Accela, afferma che i data center non andranno da nessuna parte, ma alcune competenze per la loro manutenzione saranno meno necessarie a causa dell’ottimizzazione.

“Stiamo attraversando un importante cambiamento verso il consumo di più risorse cloud e lasciando ad altri i compiti di data center di livello inferiore”, afferma Mascardo. “Ci saranno molti meno nuovi data center e un maggiore riutilizzo della capacità dei data center esistenti man mano che i reparti IT passeranno al cloud. Gli ingegneri delle operazioni del data center dovrebbero iniziare a familiarizzare con l’esecuzione delle operazioni nel cloud, che è un’abilità completamente nuova e diversa”.

Configurazione e gestione della macchina fisica

L’automazione e la migrazione al cloud stanno guidando le nuove tendenze tecnologiche nell’IT, afferma Molly Brown, vicepresidente dell’ingegneria di Qumulo. Queste aree in crescita richiedono anche nuove competenze.

“Se lo consideri come il tempo totale trascorso nel lavoro, ci sarà meno tempo dedicato alle attività di configurazione manuale e al movimento fisico manuale delle macchine”, afferma Brown. “Dedicheremo più tempo alla creazione di funzionalità che consentano alle aziende di ottenere il massimo dai propri dati. Non stiamo sostituendo gli esseri umani con le macchine, ma piuttosto insegnando a entrambi a collaborare meglio in un nuovo ambiente cloud. Le competenze IT che già possiedi continueranno a entrare in gioco, solo in un ambiente diverso. Vogliamo ancora capire se le risorse vengono utilizzate in modo efficiente. Dobbiamo ancora essere in grado di raccogliere dati e analizzarli per rispondere alle domande aziendali. E dobbiamo ancora capire come ricondurre i problemi aziendali più grandi alle soluzioni IT”.

Zoë Morris, presidente del Frank Recruitment Group, afferma che anche prima che le organizzazioni pandemiche si stessero preparando per ambienti di lavoro completamente remoti e ibridi, e ora questi sforzi si sono intensificati.

“Per questo motivo, molti degli elementi fisici presenti in alcuni ruoli tecnici diventeranno presto un ricordo del passato, poiché i dati e il software semplicemente cesseranno di esistere in loco”, afferma Morris. “Ora si tratta di essere in grado di personalizzare il software cloud e di sapere come nascondersi sotto il cofano di qualcosa che esiste solo online. Sapere come riparare fisicamente le cose non farà parte del ruolo quotidiano del tuo professionista IT medio. Capire come funzionano le cose e come possono essere migliorate sarà molto più importante. La tecnologia sarà molto meno “pratica” e più “accesa”.

La chiave per essere a prova di futuro: Combina e conquista

Sebbene il rapido ritmo dell’innovazione possa intimidire, non ci sono mai state così tante risorse disponibili online per migliorare la propria formazione tecnica, afferma Cummings di BDO Digital.

“Se un individuo è più abile ed esperto, dimostrare una padronanza della soluzione tecnologica e aggiungere capacità di leadership o creazione di valore aziendale creerà opportunità di carriera a lungo termine”, aggiunge.

Oggi le aziende sono anche alla ricerca di personale IT in grado di collaborare e gestire efficacemente il proprio lavoro e le aspettative dei clienti esterni ed interni, soprattutto con la maggior parte di essi che continua a lavorare in modalità remota o ibrida. Sono finiti i giorni di lavoro in isolamento, quindi completare competenze IT solide e contemporanee con solide capacità di gestione del progetto e comunicazione sarà una potente combinazione.

Brown di Qumulo afferma che, come per la maggior parte delle cose, la chiave per far progredire la tua carriera è sapere come proteggere i profitti della propria organizzazione.

“Il lavoro non scompare, ma cambia”, dice Brown. “Era un mondo più più semplice quello in cui si metteva in produzione un server da 5.000 euro nel data center e ci si poteva dimenticare del suo costo. Ora devi imparare a monitorare l’ottimizzazione dei costi per il cloud. E non è sempre nell’interesse di un cloud provider aiutarti a comprendere le eventuali inefficienze nella tua infrastruttura virtuale. Quindi è necessario utilizzare le stesse tecniche IT di base per l’analisi e l’ottimizzazione sviluppate nel tradizionale data center on-premise e rinnovarle per il mondo cloud. Stai rispondendo alle stesse esigenze aziendali, ma ora per il cloud: come posso rendere più efficiente il mio consumo? Che valore traiamo dai servizi che utilizziamo?”

Lo studio Deloitte esamina il futuro delle attuali aree richieste come il data science e, ancora una volta, l’attenzione è rivolta alla diversificazione delle competenze. Gli analisti spesso creano modelli che richiedono un lavoro significativo da applicare a un ambiente di produzione, il che sta portando a una nuova area chiamata MLOps.

“Le pratiche MLOps incoraggiano la comunicazione tra i team di sviluppo e di produzione ampliati; come DevOps, è un approccio profondamente collaborativo, che consente a un team sempre più ampio di professionisti di lavorare insieme in modo più efficiente per ottenere di più in modo standardizzato”, riporta lo studio. “Questi nuovi attori possono aiutare i data scientist a testare e mettere a punto le loro creazioni, distribuire modelli in produzione, gestire modelli di produzione, affrontare problemi relativi alla sicurezza e alla governance e rimuovere gli ostacoli alle iniziative di AI e ML associate a infrastrutture di dati obsolete”.

Song Pang, vicepresidente senior dell’ingegneria del cliente presso NetBrain, afferma che alcune delle pressioni guidate dal COVID-19 hanno portato a chiedere ai professionisti IT di fare di più con meno dipendenti per più di un anno e potremmo non tornare indietro.

“La prossima generazione di lavoratori IT dovrà essere più ibrida e imparare a estendersi”, afferma Pang. “Stiamo assistendo a un passaggio dall’intelligenza umana alla velocità umana all’intelligenza umana alla velocità della macchina. Ma ci sarà sempre bisogno di pensiero critico e di problem solving, ciò che gli ingegneri amano”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!