5 suggerimenti per la trasformazione digitale dal CTO di AT&T

Secondo il CTO di AT&T Jeremy Legg, che fornisce consulenza ai leader IT impegnati nella trasformazione digitale su larga scala, l'allineamento tra business e IT è fondamentale.

trasformazione digitale

I sistemi legacy presentano notevoli ostacoli per i big delle telecomunicazioni più che in qualsiasi altro settore. Questo è sicuramente vero per AT&T Communications, che è nel bel mezzo di un’ampia revisione della sua infrastruttura tecnologica e dei suoi processi per supportare meglio la rete 5G e altre tecnologie emergenti.

Da quando è entrato in AT&T nel 2020, il CTO Jeremy Legg ha creato una nuova organizzazione per gestire IT, software, sicurezza e architettura dei dati. Questo team tecnico ha iniziato ad aggiornare l’infrastruttura e i processi per migliorare l’esperienza dei dipendenti, inclusi il consolidamento dei data center e la migrazione di app e sistemi interni ai provider cloudla razionalizzazione delle capacità dei dati per rendere l’azienda più agile e l’integrazione di database e servizi front-end e back-end eliminando gradualmente le app legacy.

Ad esempio, AT&T aveva oltre 7.000 app quando è arrivato Legg (erano il risultato di diverse fusioni e acquisizioni negli ultimi decenni), ma Legg sta riducendo quel numero mentre e al tempo stesso sta spostando sempre più carichi di lavoro di elaborazione sul cloud pubblico.

ADV
Webinar IVA spese di viaggio

Resilienza del business: le priorità digitali delle medie imprese italiane nel 2021

Come si stanno muovendo i tuoi concorrenti per affrontare le sfide poste dai nuovi modelli organizzativi del lavoro? Questo white paper di IDC indica le priorità di spesa delle PMI su tre filoni: remote working, sicurezza e protezione dei dati. SCARICA IL WHITE PAPER >>

Di seguito Legg condivide alcuni dei segreti del suo successo.

Colmare il delta tra IT e aspettative business

Legg ha collaborato con l’azienda su una tabella di marcia pluriennale, pienamente consapevole che i team aziendali considerano gli stessi problemi in modo diverso. L’IT esamina quale tecnologia sarà integrata o dismessa e quando, mentre i leader business vogliono conoscere gli obiettivi di ROI e “quando la curva dei costi si piegherà” a loro favore per la tecnologia in cui investono. Legg ha fatto come sua missione garantire che l’IT e il business siano allineati sulla roadmap.

“Impostate una stella polare molto chiara e suddividete il lavoro in segmenti rilevanti che i singoli leader possono eseguire”. Legg aggiunge che la strumentazione e il monitoraggio dei progressi, inclusi i KPI, sono fondamentali lungo il percorso.

 

Le dimensioni cambiano tutto

L’attuazione di cambiamenti che abbiano un impatto su 200.000 dipendenti che stanno servendo 100 milioni di clienti richiede un attento coordinamento della comunicazione e una gestione del cambiamento di livello mondiale. “Il modo in cui comunicate, la frequenza, il modo in cui stabilite i messaggi a cascata, sono tutti molto diversi”, afferma Legg. “Non potete semplicemente riunire 200.000 persone”.

Dal punto di vista tecnologico, il team di Legg ha consolidato centinaia di database e migrato 100 petabyte di dati al software cloud. Il test di pressione su questi sistemi per assicurarsi che potessero gestire casi d’uso in tempo reale rispetto ai dati statici si è rivelato fondamentale.

Non lesinate sulla riqualificazione

L’ampia migrazione al cloud significa che AT&T deve riqualificare la forza lavoro dei dipendenti. I team di Legg hanno trascorso diversi mesi a trasferire i lavoratori abituati ad accedere alla posta elettronica di Microsoft Outlook dai loro desktop a Microsoft Office 365, anche insegnando loro ad accedere alla posta elettronica dai loro smartphone.

digitalizzazione

Ma se avesse potuto cambiare qualcosa, Legg avrebbe fatto più formazione su tecnologie e architetture target prima della trasformazione digitale. “È molto più facile portare le persone dalla propria parte se queste comprendono sia la vostra visione, sia la vostra destinazione tecnologica”, afferma Legg.

Automatizzate ciò che potete

La riqualificazione e l’assunzione di talenti da soli non bastano per attuare una vera trasformazione digitale, motivo per cui Legg afferma di essere un grande sostenitore dell’automazione, incluso l’uso dell’intelligenza artificiale e del machine learning per svolgere le attività in modo più efficiente.

“Automazione, machine learning e intelligenza artificiale, che si tratti di creare le app giuste, risolvere problemi o eseguire diversi tipi di analisi, sono davvero essenziali”, afferma Legg. “Il mercato del lavoro tecnologico è così rapido e costoso che non potete assumere abbastanza persone abbastanza velocemente”. E sebbene ciò possa creare un certo attrito tra i lavoratori, Legg afferma che le aziende più capaci riqualificano il personale per lavorare su cose di valore più elevato, come l’assistenza clienti.

Legate i vostri sforzi a risultati di business reali

I leader business hanno a lungo lottato per dare un senso ai dati sparsi su più sistemi. Il team di Legg sta consolidando i database e aggregando i dati archiviati all’interno di quei silo per creare un’unica visione del cliente per supportare una migliore prospezione di vendita.

I membri dello staff della linea business stanno creando dashboard di queste informazioni con strumenti come Microsoft Power BI. Questo sforzo arriva in un momento in cui, secondo una nuova ricerca Gartner sulla spesa IT, i consigli di amministrazione e i CEO sono molto più disposti a investire in una tecnologia che abbia un chiaro legame con i risultati aziendali.

“La partnership richiesta ora tra business e tecnologia è più stretta di quanto non sia mai stata”, conclude Legg. “Noi non possiamo avere successo senza di loro, e loro non possono avere successo senza di noi”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!