5 punti di partenza per una vera trasformazione agile

I sistemi legacy e la complessità possono rendere l'agilità difficile, ma non impossibile. Ecco cinque passaggi che qualsiasi azienda può intraprendere per raggiungere una piena trasformazione agile.

trasformazione agile

La pandemia COVID-19 ha costretto le aziende a passare rapidamente al lavoro a distanza, reinventare il modo in cui servono i clienti, costruire nuovi modelli di business, migliorare le capacità tecnologiche, assemblare team multidisciplinari ed espandere partnership e alleanze in modi che non avrebbero mai ritenuto possibili. Ora, le aziende devono capire come mantenere questo slancio assieme alla velocità e all’agilità che hanno acquisito in un mondo modellato dalle mutevoli richieste dei clienti e dall’incertezza economica continua.

Al centro del problema per molte aziende c’è un modello operativo obsoleto, troppo grande e troppo lento per rispondere ai principali cambiamenti del mercato e della concorrenza. Secondo una ricerca di Accenture, l’85% dei dirigenti di livello C afferma di non essere molto sicuro che il proprio modello operativo possa soddisfare le mutevoli priorità strategiche. Le aziende hanno bisogno di modelli operativi che promuovano nuove strategie volte a stimolare la crescita e l’innovazione. La ricerca mostra anche che la crescita del margine operativo lordo a lungo termine per le organizzazioni veramente agili è del 16%, rispetto al 6% in media per le organizzazioni non agili.

Sebbene i leader aziendali stiano lavorando per mettere in atto modelli operativi intelligenti, molti non riescono ancora a raggiungere pienamente la velocità e l’agilità che desiderano. In parte, ciò è dovuto al fatto che sono coinvolti in diverse percezioni errate di ciò che serve per adottare una vera trasformazione agile. Sì, è vero che i sistemi legacy e la complessità possono rendere l’agilità più difficile da raggiungere, ma non la rendono impossibile. Ecco allora cinque punti di partenza chiave che le aziende possono adottare per raggiungere l’agilità.

Sperimentazione mirata

adv

La sperimentazione controllata è un ottimo percorso di scelta per le aziende che hanno operazioni più tradizionali e non possono stabilire immediatamente il necessario buy-in per nuovi modi di lavorare e tecnologia. Cercate modi per “hackerare” l’organizzazione e utilizzate i dati per sperimentare e migliorare continuamente l’organizzazione.

Reinventare una funzione o un’attività trasversale

Affinate il lavoro di un’area che non funziona e dedicate il vostro impegno a reinventare quella parte specifica dell’attività, ad esempio una funzione come il servizio clienti o un’attività trasversale come le vendite e la pianificazione operativa. Dare uno sguardo più approfondito a una sola area dell’attività vi consentirà di comprendere meglio problemi specifici.

team it

Rivolgetevi al vostro ecosistema

La forza competitiva deriva tanto da ciò che può essere sfruttato all’esterno, tra partner, fornitori e aziende adiacenti, quanto da ciò che è all’interno. Se alla vostra azienda mancano la leadership, le competenze e la tecnologia per lavorare in modi nuovi, potete rivolgervi a un partner dell’ecosistema per costruire rapidamente la forza necessaria per riuscirci. Questo è un ottimo punto di partenza e alla fine potreste decidere di riportare queste funzionalità internamente.

Acquisire o affittare

Oltre a sfruttare gli ecosistemi, le aziende dovrebbero anche esaminare le opportunità per acquistare nuove funzionalità. Ciò è particolarmente efficace per le aziende con una forte esperienza di integrazione. Nel settore dei beni di consumo confezionati, ad esempio, molte aziende stanno acquisendo attività dirette al consumatore per soddisfare le nuove richieste dei consumatori invece di costruirle da zero.

Considerare una business unit greenfield

Stabilite un’unità greenfield insieme alle attività attuali che applichi le caratteristiche del modello operativo intelligente da zero. Potete farlo quando impostate una nuova offerta, prodotto o servizio digitale. In definitiva, questa unità potrebbe essere un modello per la base di clienti esistente e più dell’impresa tradizionale può essere migrata al nuovo modello.

Ad esempio, per migliorare l’esperienza degli ospiti con la nuova tecnologia, una società di intrattenimento ha costituito un’attività digitale separata composta da una serie di domini che funzionavano esclusivamente su questo programma. Ogni dominio era organizzato attorno a un prodotto specifico o all’esperienza del cliente. Per questo nuovo business digitale, l’azienda ha raggiunto in meno di sei mesi l’obiettivo di performance triennale per l’adozione da parte dei consumatori.

Qualsiasi cosa riservi il futuro, l’agilità sarà fondamentale per tutte le organizzazioni. Le aziende hanno un’incredibile opportunità di plasmare una mentalità di audace trasformazione aziendale alimentata da nuovi approcci alla tecnologia e da una leadership responsabile. È tempo di progettare organizzazioni con agilità integrata in tutta l’azienda e quelle che lo faranno saranno in grado di rispondere meglio alle crescenti richieste e di adattarsi ai mercati in evoluzione.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!