5 modi per assumere il controllo dei dati nel 2021

Il COVID-19 sta trasformando il modo in cui funziona l'economia e anche le nostre esigenze di dati cambieranno e cresceranno. Ecco come i CIO dovranno affrontare il controllo dei dati nell'anno a venire.

controllo dei dati

Il COVID-19 ha cambiato il comportamento delle economie, dei consumatori e della supply chain. Tutto questo cambiamento significa che quantità significative di dati legacy non sono più utili e, in molti luoghi, stiamo partendo da zero. Ma per i CIO responsabili delle infrastrutture, delle piattaforme e degli strumenti che gestiscono e spostano i dati, le realtà essenziali dei dati potrebbero non essere cambiate, sebbene il loro ambito sia certamente mutato.

A causa del ruolo fondamentale che la tecnologia sta svolgendo nel trasformare il mondo del lavoro in mezzo alla pandemia, i CIO devono affrontare un’enorme quantità di problemi di spostamento, elaborazione, archiviazione e sicurezza dei dati. Mentre i CIO guardano al 2021, ecco cinque suggerimenti per affrontare le crescenti responsabilità in materia di dati.

Usare l’intelligenza artificiale per prevenire fughe di dati e proteggere la privacy

Con una maggiore elaborazione e spostamento dei dati all’interno e ai margini delle organizzazioni (edge computing), le fughe di dati sono un rischio crescente e sempre più difficili da identificare. Alcune aziende stanno arruolando l’IA non solo per cercare delle falle, ma anche per prevenirle. Il sondaggio Gartner sulla sicurezza e il rischio del 2019 ha riportato che “oltre il 40% della tecnologia di conformità alla privacy si baserà sull’intelligenza artificiale entro il 2023, rispetto al 5% nel 2019”.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Gli strumenti automatici di prevenzione dellpossono eliminare in modo proattivo le fughe di dati indesiderate monitorando, limitando e persino bloccando l’accesso e la condivisione dei dati stessi.e falle basati sull’intelligenza artificiale  Inoltre, i “difensori dei dati” basati sull’intelligenza artificiale possono imparare da attacchi di malware precedenti e futuri. Queste lezioni possono essere applicate a nuove intrusioni aiutando a identificare i rischi, come il comportamento sospetto di clienti o dipendenti, e mitigando i problemi prima che si verifichino dei leak.

Assegnare priorità alla sicurezza della gestione dell’identità e dell’accesso

Il COVID-19 ha indebolito la sicurezza IAM (Identity and Access Management) per molte organizzazioni, poiché il rapido passaggio a forza lavoro remota e ibrida ha reso i protocolli di identità e accesso significativamente più difficili da monitorare e mantenere. Un modo per migliorare la governance relativa all’accesso privilegiato agli account è adottare il Single Sign-On (SSO).

dataops

La volatilità della forza lavoro del 2020 sottolinea anche l’importanza di testare e valutare gli attuali processi di autenticazione a più fattori (MFA) per le vulnerabilità per il 2021 e oltre. SSO può funzionare solo se MFA è al suo meglio e i CIO e i loro team devono affrontare e sostenere le vulnerabilità relative all’accesso che i malintenzionati o i dipendenti scontenti potrebbero utilizzare per danneggiare l’azienda.

Rivalutare i dati sul coinvolgimento digitale

Ora che la comunicazione digitale è diventata il metodo principale per coinvolgere i clienti, i CIO possono aiutare le loro organizzazioni a ottimizzare il coinvolgimento digitale in ogni fase. Il valore di questi coinvolgimenti è che ogni passaggio viene registrato e può essere monitorato. I CIO possono selezionare quali metriche sono importanti per loro e creare dashboard per monitorare, valutare e condividere il successo di un impegno.

I CIO devono collaborare con i loro partner in tutta l’azienda per valutare come dovrebbero evolversi l’acquisizione e l’analisi dei dati al fine di tenere il passo con le tendenze di mercato attuali. Se per valutare il percorso del cliente vengono utilizzati modelli di dati obsoleti, l’azienda perde terreno competitivo senza nemmeno saperlo.

Considerare l’edge

Il 2021 per molti CIO sarà il momento di considerare l’aggiunta di più infrastruttura di elaborazione e archiviazione dati all’edge. La domanda da porsi quando si ripensa l’architettura dell’infrastruttura e si considerano le migrazioni all’edge è: quanta elaborazione dei dati in tempo reale e un rapido processo decisionale saranno necessari per mantenere i clienti coinvolti e competitivi per l’azienda? Maggiore è la richiesta di potenza di elaborazione rapida e di analisi dei dati, maggiore è la probabilità che i CIO debbano aggiungere o aumentare le capacità di edge computing.

Sviluppare i piani di ripristino di emergenza per i dati

Il 2020 è stato uno stress test continuo per la continuità aziendale e i piani di ripristino di emergenza. Mentre ci avviciniamo al 2021, prendete in considerazione le lezioni apprese e perfezionate i piani per affrontare eventuali rischi nuovi o in crescita per i dati. Quanta perdita di dati può tollerare l’azienda in caso di un altro evento catastrofico? Gli attuali piani di ripristino di emergenza tengono conto delle crescenti richieste di condivisione ed elaborazione dei dati? Dove il lavoro a distanza ha stressato il sistema e creato punti deboli o nuove esigenze?

L’integrità e la sicurezza dei dati sono essenziali per i nostri modi di lavorare e di vivere e ogni avversità sottolinea questo precetto. Sebbene le esigenze di dati possano essere difficili per i CIO nell’anno a venire, le lezioni impartite (tristemente) dal COVID-19 ci avranno preparato bene.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!