SAP rinuncia al doppio CEO: lascia Morgan, resta Klein

Dopo soli 6 mesi dalla nomina, la co-CEO Jennifer Morgan esce dall’azienda. Christian Klein CEO unico. “Mossa anticipata per avere una guida forte in questa crisi senza precedenti”

SAP Klein Morgan
Christian Klein e Jennifer Morgan, co-CEO di SAP da ottobre 2019 ad aprile 2020. Fonte: SAP

Il “regno” dei due co-CEO in SAP è durato solo sei mesi. La co-CEO Jennifer Morgan infatti ha raggiunto un accordo con il supervisory board per lasciare l’azienda il 30 aprile, data in cui Christian Klein, che attualmente è l’altro co-CEO, rimarrà al vertice di SAP come unico CEO.

SAP ha dichiarato in un comunicato che la decisione di passare dalla struttura di comando “a due teste” a quella con unico CEO è stata “anticipata rispetto al previsto per assicurare una guida forte e senza incertezze in questi tempi di crisi senza precedenti.

Sempre nel comunicato SAP specifica che l’attuale scenario di mercato richiede alle aziende di prendere decisioni veloci e determinate, e il miglior supporto a decisioni del genere è una struttura di leadership molto chiara. E che questo concetto è condiviso dalla stessa Jennifer Morgan, che nel comunicato dichiara che “con i cambiamenti senza precedenti che sono in corso in tutto il mondo, è diventato chiaro che questo è il momento giusto per l’azienda di passare ad avere un solo CEO che guidi il business”.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication.     SCOPRI DI PIÙ >>

Morgan, 49 anni, era in SAP dal 2004, ed stata nominata co-CEO insieme a Klein (39 anni) nell’ottobre scorso, nomina annunciata contestualmente a quella dell’uscita dalla società di Bill McDermott, che aveva guidato SAP per quasi 10 anni. McDermott era poi stato nominato pochi giorni dopo CEO di ServiceNow.

Analisti e commentatori avevano evidenziato allora che la coppia riuniva le due “anime” complementari di SAP: Morgan rappresentava la componente femminile (è stata la prima donna a salire al vertice di SAP), quella americana (è stato grazie alla “conquista” degli USA che la società tedesca è diventata una multinazionale globale), e quella commerciale: al momento della nomina a co-CEO era a capo del Cloud Business Group, la business unit a più forte crescita di SAP. Mentre Klein, che ha lavorato sempre in SAP, ne rappresentava le radici tedesche e la componente di gestione interna, di prodotto, e “operativa”, visto che al momento della nomina era COO.

“Ringrazio Jennifer per i molti anni di collaborazione: nella trasformazione di SAP è sempre stata estremamente focalizzata su clienti, partner, azionisti e dipendenti, e grazie a lei abbiamo raggiunto una posizione molto solida nelle soluzioni di experience management”, ha dichiarato Klein.

“Ringrazio Jennifer per la sua leadership in SAP”, ha dichiarato il co-fondatore Hasso Plattner. “Questa transizione avviene in un momento di grande incertezza ma ho piena fiducia nella visione e nelle capacità di Christian di portare avanti SAP nella continuità della crescita, dell’innovazione, e del successo dei clienti”.

Daniele Lazzarin
Sono ingegnere gestionale, e giornalista professionista dal 1999. Da allora scrivo di sistemi informativi business, di trasformazione digitale, e dell’impatto delle tecnologie sulla gestione delle aziende. Mi potete seguire su LinkedIn e su Twitter.