NFON estende la telefonia cloud a videoconferenze e CRM

Presentate le soluzioni Cloudya Meet & Share con funzionalità di video-conferenza e CRM Connect per l’integrazione con oltre 60 sistemi CRM

NFON Rottkay Walcz Meet & Share
Klaus von Rottkay e Stefan Walcz, rispettivamente CEO e VP Products di NFON (fonte: NFON-Facebook)

La multinazionale tedesca NFON, presente anche in Italia dal 2019, ha annunciato nei giorni scorsi due importanti estensioni di Cloudya, la sua suite di telefonia cloud: Cloudya Meet & Share con funzionalità di video-conferenza, e Cloudya CRM Connect, soluzione che integra Cloudya con oltre 60 diverse piattaforme CRM.

I due nuovi prodotti sono stati annunciati con una conferenza stampa internazionale introdotta dal CEO Klaus von Rottkay, che ha ribadito la strategia di crescita di NFON per il 2024 di cui ci aveva parlato qualche mese fa in questa intervista.

“Entro il 2025 i centralini cloud in Italia saliranno dal 7% al 17%”

La missione di NFON è essere il fornitore leader di business communication voice-centric in Europa”, ha detto von Rottkay. “Ci muoviamo in uno scenario in cui le tendenze tecnologiche sono chiare – la sostituzione dei centralini telefonici tradizionali on-premise con i Cloud PBX, e la confluenza di questi ultimi in suite di unified communication per il business – e in cui il mercato europeo offre enormi opportunità”.

ADV
Siemens Industria 4.0

Industria 4.0: una guida per integrare funzione IT e reparti di produzione

Riuscire a far parlare tra loro sistemi e apparati dei mondi IT e OT è la chiave per sbloccare la trasformazione digitale nell’industria. Per farlo, è necessario cominciare a far parlare tra loro le persone di questi due domini di competenza. Scopri di più >

Il tasso di penetrazione del cloud PBX infatti è intorno al 30% in UK e intorno al 16% in Spagna e Austria, ma Francia, Italia e Germania sono ancora tra il 7% e il 10%, ha sottolineato il CEO di NFON, citando dati dal “Cloud Comms Market Report Q4 2020” di Cavell Group. “Entro il 2025 il Regno Unito può superare il 70%, Spagna e Austria possono sfiorare il 50% e anche l’Italia, che ha nettamente il tasso più basso tra i grandi paesi europei, può più che raddoppiare arrivando al 17%: nella diffusione delle innovazioni tecnologiche ogni paese va a velocità diverse, ma alla fine ci arrivano tutti”.

Von Rottkay ha anche fornito alcuni dati aggiornati a fine giugno su NFON, che è arrivata a quasi 560mila postazioni utenti dei suoi servizi cloud, con fatturato semestrale di 37,9 milioni di euro, di cui l’89% sono entrate ricorrenti. “Abbiamo oltre 3000 partner, fondamentali perché siamo un’azienda 100% channel oriented, oltre 50mila clienti, e tra le milestone degli ultimi mesi c’è anche la partnership con l’italiana Meetecho srl, che ci ha portato delle skill cruciali per sviluppare le nostre soluzioni video”.

“Telefonia e videoconferencing da un solo fornitore in una sola soluzione”

La parola è poi passata a Stefan Walcz, Vice President Products di NFON AG, che si è concentrato sulle due novità di Cloudya accennate in apertura. Una è Cloudya Meet & Share with videoconferencing, che sarà disponibile entro la fine dell’anno: “È una pietra miliare nella storia di NFON, perché offre telefonia e videoconferencing da un solo fornitore in una sola soluzione”.

I clienti NFON, continua Walcz, hanno ora la possibilità di avviare semplicemente video-chiamate, programmare le prossime riunioni, condurle in modalità video e organizzare gli appuntamenti in modo più efficiente. “In Meet & Share i link di collegamento ai meeting possono essere condivisi, e anche i numeri telefonici di accesso alle riunioni da remoto. Le video-conferenze possono essere interattive, con funzionalità per alzare la mano per chiedere la parola, silenziare singoli partecipanti, e condividere lo schermo”.

Quanto a CRM Connect, che è già disponibile, l’obiettivo è offrire una gestione semplificata dei dati e un supporto alla collaborazione continua, integrando Cloudya con oltre 60 diverse piattaforme CRM. “CRM Connect è completamente software-based, non richiede hardware telefonico e consente ai clienti di lavorare in modalità ancora più customer centric nel modo più semplice possibile, perché permette la ricerca dei contatti da Cloudya o il click-to-dial direttamente dal sistema CRM usato”.

Le informazioni dei clienti dal CRM ai sistemi ERP, quali nome e azienda, vengono mostrate quando si effettuano o si ricevono chiamate, il che riduce il numero di applicazioni software da aprire simultaneamente, continua Walcz. Inoltre i clienti Cloudya Business Premium riceveranno l’integrazione gratuita con le rubriche Outlook e Apple: “CRM Connect fornisce ai nostri clienti l’accesso a informazioni complete sui propri clienti, e ciò aumenta il tasso di risoluzione alla prima chiamata, riduce il costo per contatto, e permette di risolvere le problematiche dei clienti più velocemente, con benefici di maggior soddisfazione dell’utente e fidelizzazione”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!