Microsoft, le quattro priorità per i partner nel nuovo anno fiscale

Nel keynote del Microsoft Inspire 2020, Gavriella Schuster, Corporate VP Microsoft One Commercial Partner, ha anche esortato i partner a creare un’offerta di Managed Services

Microsoft Gavriella Schuster Inspire 2020
Gavriella Schuster, Corporate VP Microsoft One Commercial Partner, all'Inspire 2020

Microsoft sta tenendo in questi giorni la 17a edizione del suo evento globale annuale dedicato ai partner, Microsoft Inspire 2020, naturalmente in versione completamente digitale. In un altro articolo su CWI si parla dei principali annunci che Microsoft ha presentato in occasione dell’evento: qui ci concentriamo sugli aspetti più interessanti del keynote con cui la responsabile mondiale del canale per Microsoft, Gavriella Schuster – Corporate VP Microsoft One Commercial Partner – ha aperto Inspire 2020.

Nell’anno fiscale 2020 chiuso il 30 giugno, il Microsoft Partner Network è arrivato a 17 milioni di persone, intese come dipendenti dei partner coinvolti nel programma, e ha registrato 3 milioni di iscrizioni ai corsi di formazione, con oltre 134mila esami superati e 96mila certificazioni.

“Nella crisi Covid-19 siete stati i “digital first responder”, trovando soluzioni innovative che hanno aiutato i clienti, e in particolare le persone e le organizzazioni che hanno affrontato in prima linea l’emergenza, a reggere l’urto, qualsiasi fosse la complessità della situazione”, ha detto Schuster rivolgendosi ai partner. “Negli ultimi 4 mesi il Microsoft Partner Network nel mondo ha sviluppato oltre 130 soluzioni e servizi dedicati ad affrontare l’emergenza Covid-19″.

“La call to action per voi: focalizzatevi su queste 4 aree”

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

“L’ecosistema dei partner Microsoft è una certezza, ed è pronto, perché le soluzioni che abbiamo costruito insieme negli ultimi 18 mesi sono quelle di cui il mercato ha bisogno ora”, ha continuato Schuster, sottolineando che Microsoft ha individuato quattro priorità per i partner per l’anno fiscale 2021, che è iniziato l’1 luglio scorso: remote work, business continuity, sicurezza, e migrazione al cloud. “I clienti ora hanno queste quattro priorità, oltre a quella di risparmiare risorse, e questa è la call to action per voi: focalizzarsi su queste quattro aree”.

A proposito di remote work, ha detto Schuster, il boom della domanda per la soluzione di collaboration Microsoft Teams è solo una parte dell’opportunità: “Il vero salto di qualità lo abbiamo quando i clienti, lavorando con Teams, si accorgono del valore di Microsoft 365 come soluzione completa di remote work collaboration, ulteriormente ampliabile con le personalizzazioni che consente la Power Platform”.

Schuster ha citato anche Windows Virtual Desktop (WVD) come grande opportunità per i partner in questo momento. “Con WVD si può creare un ambiente aziendale in pochi minuti dal portale Azure, definendo le macchine virtuali, gli uffici sul territorio, le sessioni multiutente, e tradurre questo ambiente in un’opportunità di Managed Service senza grossi sforzi: ci sono dei partner che hanno sviluppato dei tool proprio per questo, per rendere operativo un ambiente WVD in un minuto, e un desktop completo in poche ore”.

È il momento di creare un’offerta di Managed Services”

Ma il desktop management è solo una delle opportunità per passare a un modello di managed services e di entrate mensili ricorrenti, ha sottolineato Schuster: “Ho parlato di questo con moltissimi partner: questo è il momento, potete andare incontro al cliente sulle sue vere esigenze”.

In questo momento, ha aggiunto la manager di Microsoft, con molti clienti in difficoltà nell’affrontare il grande investimento iniziale necessario per i classici progetti on-premise, il fatto di proporre un managed service basato su canone mensile sarà molto gradito a questi clienti.

“So che cambiare modello in questo modo provocherà un calo del vostro fatturato, ma questo è un momento in cui il mercato logicamente si aspetta un calo: è il momento giusto per investire nella creazione di un’offerta di managed services, e se non avete tutte le risorse necessarie, avete la grande opportunità di allearvi con altri partner”.