Microsoft Italia consolida la collaborazione con DXC Technology, che entra a far parte dell’Ambizione Italia Cloud Region Partner Alliance, il progetto (ne abbiamo parlato qui) lanciato lo scorso marzo che coinvolge l’ecosistema Microsoft italiano nella realizzazione della regione Data Center italiana a Milano. In questo quadro, spiega un comunicato, DXC metterà le proprie competenze e soluzioni al servizio delle organizzazioni pubbliche e private del Paese per aiutarle a sviluppare progetti di trasformazione digitale, facendo leva sui servizi cloud locali di Microsoft che verranno abilitati grazie appunto alla nuova regione Data Center in via di sviluppo.

A tal fine i due player hanno lanciato un piano di strategia e business congiunto con un focus prioritario su grandi aziende e PA, attori chiave per la competitività del tessuto economico italiano. L’obiettivo è, quindi, accelerarne i processi d’innovazione in ottica cloud e supportarne un percorso di crescita sostenibile e sicuro.

L’Ambizione Italia Cloud Region Partner Alliance, lo ricordiamo, è nata nel marzo 2022 tra Microsoft Italia e i sette partner Accenture, Avanade, Cluster Reply, Engineering, Kyndryl, TeamSystem e Var Group. Nei mesi successivi sono state annunciate poi le adesioni di Capgemini, Techedge, Prometeia, Vodafone Business e ora appunto DXC.

Side view of businessman with coffee looking at graphs on a glassboard. Elements of this image furnished by NASA. 3d rendering, toned image

Un piano di training e certificazioni Microsoft per i dipendenti DXC

Ulteriore punto di forza della partnership sarà la possibilità di implementare scenari di cloud ibrido, grazie alla sinergia tra i data center DXC esistenti e il cloud pubblico di Microsoft Azure, che a breve si arricchirà anche della nuova regione italiana con garanzie di data sovereignty, cybersecurity e compliance. La sicurezza sarà proprio un tema centrale della collaborazione grazie soprattutto all’approccio zero-trust di Microsoft e all’integrazione di cloud, intelligenza artificiale e machine learning.

La partnership prevede infine un piano di formazione per promuovere la diffusione di una cultura digitale funzionale alla crescita del Paese. Laddove mancano competenze di base ed emerge uno skill gap sul fronte digitale, il ruolo dell’ecosistema dei partner ICT è fondamentale per guidare le scelte delle imprese italiane verso la transizione digitale. I dipendenti di DXC verranno quindi coinvolti in un ampio programma di training e certificazioni Microsoft, con l’obiettivo di favorirne il costante upskilling e accreditarli sempre più come consulenti in grado di dar forma a scenari d’innovazione cloud-based con un impatto significativo sulle industry chiave del Paese.