Mercato smartphone 2019: Samsung leader, ma a Natale ha vinto Apple

Nonostante le crescite nel terzo e quarto trimestre, sui 12 mesi le consegne calano del 2% a 1,37 miliardi di unità: la quota Samsung è 21,8%, seguono Huawei, Apple, Xiaomi e Oppo

smartphone

Sull’intero anno 2019 Samsung ha confermato il primo posto nel mercato smartphone a livello mondiale, ma nel quarto trimestre al numero 1 delle consegne si è piazzata Apple, capitalizzando così al meglio nel periodo natalizio il lancio dei nuovi modelli (in questo caso gli iPhone 11) avvenuto come di consueto a settembre.

Quarto trimestre: Apple al primo posto con 78 milioni di consegne

Sono alcuni dei responsi più interessanti del comunicato della società di ricerca Canalys sui dati del mercato smartphone nel 2019. Cominciando dal quarto trimestre (Q4) del 2019, le consegne di smartphone nel mondo sono aumentate dell’1% a 369 milioni di unità, e come anticipato Apple è il produttore che ne ha consegnati di più, 78 milioni (+9% anno su anno), seguita da Samsung con 71 milioni (+1%) e Huawei che però ha avuto una flessione del 7% dovuta ai noti problemi nel mercato USA. Al quarto posto Xiaomi (33 milioni di unità consegnate, +23%) e al quinto Oppo (30 milioni, +2%).

mercato smartphone 4Q19 Canalys
Le consegne nel mondo nel 4° trimestre 2019. Fonte: Canalys

“È un successo per l’intero mercato il fatto che ben otto dei produttori della Top 10 siano cresciuti nel Q4”, commenta nel comunicato Ben Stanton, Senior Analyst di Canalys. “Quando abbiamo visto i primi segnali di declino del volume globale delle consegne, due anni fa, avevamo detto che il mercato smartphone stava passando dall’era della crescita all’era ciclica, e così è stato. Avremo una serie di crescite e flessioni, fino a quando il tasso di rinnovo dei prodotti da parte degli utenti raggiungerà un punto di equilibrio”.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication.     SCOPRI DI PIÙ >>

Uno dei fattori di crescita per il Q4 è legato ai mercati emergenti: ”I produttori cinesi sono stati particolarmente abili a sviluppare questi mercati, soprattutto grazie agli smartphone sotto i 100 dollari proposti agli utenti con “feature phone” senza connessione a internet: Vivo per esempio ha avuto un eccezionale successo con il modello Y91C in Indonesia, ma la stessa Apple ha avuto beneficio dal fatto di aver imposto per l’iPhone 11 prezzi più bassi del solito”, commenta nel comunicato Shengtao Jin, Research Analyst di Canalys.

Anno 2019: la sfida mancata

Passando all’intero anno 2019, il mercato smartphone a livello mondiale è calato del 2% a 1,37 miliardi di unità consegnate, nonostante le crescite del Q3 e del Q4. “Lo scontro mancato tra Huawei e Samsung è stata la storia dell’anno”, osserva Mo Jia, Analyst di Canalys. “Nel 2018 Huawei aveva sottratto una considerevole quota di mercato a Samsung e tutti si aspettavano nel 2019 la sfida per la leadership del mercato: Samsung si era preparata riducendo il portafoglio prodotti e il margine operativo, ma poi la battaglia non c’è mai stata perché l’inserimento di Huawei nella US Entity List ha minato le sue possibilità nei mercati oltreoceano”.

Alla fine quindi Samsung ha mantenuto il primo posto del mercato nel 2019 con una quota del 21,8% e 298,1 milioni di unità consegnate, crescendo del 2%. Huawei si è piazzata seconda con il 17,6% del mercato, e Apple terza con il 14,5%, seguono Xiaomi (9,2%) e Oppo (8,8%).

mercato smartphone 2019 Canalys
Il mercato smartphone 2019 nel mondo, fonte: Canalys

“Huawei si sta preparando a lanciare la prossima generazione di device senza Google Mobile Services (GMS), e ora i suoi obiettivi sono molto diversi: il supporto del canale è più che mai decisivo, in mercati chiave come l’Europa occidentale, e così pure il supporto di un ecosistema di sviluppatori per HMS”, sottolinea Jia. “Ma più di tutto, Huawei deve mantenere i volumi: se perde massa critica perde anche l’interesse degli sviluppatori”.

Ma quel che è chiaro mentre ci addentriamo nel 2020, conclude il comunicato di Canalys, è che il declino delle vendite non significa che la gente usi meno lo smartphone, “anzi è proprio il contrario: le persone sono più dipendenti che mai dal proprio smartphone.