Spesa IT nel 2021 in area EMEA: previsto un aumento di quasi il 3%

Secondo le ultime stime di Gartner, nel 2021 la spesa IT in area EMEA dovrebbe ammontare a 1075 miliardi di dollari nel 2021, con un aumento del 2,8% sul 2020

spesa it

Mentre secondo le ultime previsioni di Gartner la spesa IT in area EMEA dovrebbe diminuire del 6,5% nel 2020, nel 2021 dovrebbe ammontare a 1075 miliardi di dollari nel 2021, con un aumento del 2,8% sul 2020. “Gli effetti combinati della Brexit e degli interventi di sanità pubblica per il COVID-19 faranno diminuire la spesa IT nell’EMEA nel 2020” ha affermato John-David Lovelock, vicepresidente della ricerca di Gartner.

“Prima della pandemia, la maggior parte delle organizzazioni portava avanti le proprie strategie digitali a un ritmo costante. La via da seguire nel 2021 è di aumentare, piuttosto che diminuire, la velocità delle loro iniziative di business digitale e finanziare tali iniziative dirottando fondi da altre aree dell’IT”.

La spesa in tutti i segmenti dovrebbe diminuire nel 2020. Tuttavia, nel 2021, quando le organizzazioni inizieranno a riconfigurare i propri modelli di business e operativi per una nuova realtà, le aziende aumenteranno i loro livelli di spesa. Le organizzazioni devono rispondere agli interventi di sanità pubblica causati da COVID-19 e una parte di questi sforzi riguarderà la spesa per i dispositivi nel 2021.

adv

pc notebook laptop

La spesa per dispositivi delle organizzazioni EMEA passerà infatti da un calo del 15,1% nel 2020 a un aumento dell’1,7% nel 2021. La spesa per notebook sottili e leggeri è destinata a crescere del 10%, mentre quella per piattaforme desktop-as-a-service raggiungerà un forte aumento del 60%.

“La pandemia ha costretto i dirigenti ad adottare il lavoro a distanza, trasformandolo in una politica strategica della forza lavoro” ha affermato Ranjit Atwal, vicepresidente della ricerca di Gartner. “I PC portatili sono una necessità per il lavoro remoto e le organizzazioni EMEA concentreranno una parte consistente della spesa su questi dispositivi”.

La velocità con cui avviene il lavoro a distanza varia notevolmente in tutto il mondo a seconda dell’adozione dell’IT, della cultura e del mix di settori. Gli Stati Uniti guideranno in termini di lavoratori a distanza, che nel 2021 rappresenteranno il 52% della forza lavoro statunitense. In tutta Europa, i lavoratori a distanza del Regno Unito rappresenteranno il 48% della sua forza lavoro nel 2021, mentre i lavoratori a distanza in Germania e Francia rappresenteranno rispettivamente il 38% e il 34% dei lavoratori totali.

Gli investimenti nella fornitura di tecnologie per supportare i lavoratori remoti alimenteranno la spesa per queste tecnologie del 5%. Le organizzazioni EMEA aumenteranno infine la loro spesa totale per la collaborazione e le piattaforme di contenuto (17%), il software di sicurezza (11%) e le comunicazioni unificate di cloud conferencing (4%).

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!