Microsoft compra Nuance: una nuova spinta per le tecnologie di riconoscimento vocale?

Un'acquisizione da 19,7 miliardi: “L’AI è la priorità più importante e l’assistenza sanitaria la sua applicazione più urgente”, ha detto il CEO Nadella, ma Nuance sarà utile in molti altri settori

riconoscimento vocale Microsoft Nuance

La decisione di Microsoft di acquisire la società di riconoscimento vocale Nuance Communications per 19,7 miliardi di dollari (il più grande acquisto di Microsoft dai tempi dell’acquisizione di LinkedIn per 26 miliardi) potrebbe dare una vera spinta alla tecnologia vocale. “Ci sono molte aziende e start-up che si occupano di riconoscimento vocale, ma Nuance è leader in questo settore da anni”, commenta Blair Pleasant, presidente e principale analista di COMMfusion. “Nuance ha la tecnologia, le partnership, i clienti e le competenze necessarie per avere successo e crescere ulteriormente”.

Il riconoscimento vocale come strumento ha acquisito molto slancio negli ultimi anni e quindi ha senso rivendicare un posto di rilievo nei mercati dell’IA e della tecnologia vocale, soprattutto perché su questo versante rivali come Google, Amazon e Apple hanno in molti modi oscurato gli sforzi di Microsoft. Ricordiamo che il software di Nuance ha costituito la base per l’assistente vocale Siri di Apple prima che Apple passasse a una versione interna.

Microsoft, a margine dell’annuncio dell’acquisizione, ha sottolineato l’uso da parte di Nuance di “intelligenza clinica ambientale basata su cloud nel settore sanitario. E il CEO di Microsoft Satya Nadella ha rimarcato questo punto: “L’intelligenza artificiale è la priorità più importante della tecnologia e l’assistenza sanitaria è la sua applicazione più urgente”, ha affermato Nadella. “Insieme al nostro ecosistema di partner, metteremo soluzioni avanzate di intelligenza artificiale nelle mani di professionisti di tutto il mondo per guidare un processo decisionale migliore e creare soluzioni più significative”.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

L’accordo offre a Microsoft un ampio accesso al settore sanitario, poiché le capacità di Nuance sono già utilizzate da circa il 90% degli ospedali degli Stati Uniti. La mossa dovrebbe inoltre sostenere i continui sforzi di Microsoft per fornire offerte cloud specifiche del settore alle aziende che si stanno ancora adattando alle difficoltà e, al tempo stesso, alle opportunità portate dalla pandemia. Tra queste offerte c’è Microsoft Cloud for Healthcare, introdotto per la prima volta l’anno scorso.

L’importanza del riconoscimento vocale per Microsoft

Microsoft ha detto la sua nell’ambito della tecnologia vocale da quando ha portato il suo assistente virtuale Cortana nel 2015 come parte della versione iniziale di Windows 10. Da allora, Cortana si è evoluta per supportare dispositivi Android e iOS, Xbox, il browser Edge, i visori Windows Mixed Reality e dispositivi di terze parti come termostati e smart speaker.

Secondo Microsoft, Cortana è attualmente utilizzata da oltre 150 milioni di persone. Più recentemente, la società ha trasformato Cortana più in un assistente d’ufficio piuttosto che in uno consumer. Il riconoscimento vocale sta guadagnando slancio e verrà utilizzato in ogni tipo di settore, dalla trascrizione ai tipi di applicazioni di comando e controllo, e l’acquisizione di un fornitore leader in questo settore ha senso.

“Man mano che gli utenti acquisiscono familiarità con Cortana, Siri e Alexa a casa, si aspettano di vedere al lavoro simili tecnologie abilitate alla voce”, ha affermato Pleasant, che ha anche notato come Microsoft sia una delle poche aziende con le risorse necessarie per acquisire un brand importante come Nuance, a cui erano sicuramente interessati anche altri giganti tech.

Il punto di forza di Nuance è la Sanità. Ma non solo

Nell’ultimo anno, la pandemia ha causato un’esplosione della necessità di riconoscimento vocale, con la maggior parte dei fornitori di videoconferenze che ora offrono funzionalità di trascrizione durante le riunioni. E data la crescente importanza del settore sanitario, l’acquisizione di una società con rapporti con i principali attori del settore ha molto senso.

“Con una popolazione che invecchia, trovare modi per migliorare i processi sanitari e ridurre i costi è essenziale”, ha detto Pleasant. “Ridurre il tempo necessario per vedere i pazienti, oltre a ridurre il tempo per altre attività e processi di lavoro associati, contribuirà a ridurre i costi, il che è essenziale”. Gregg Pessin, senior director analyst di Gartner che lavora nel gruppo di operatori sanitari, è d’accordo. Sostiene infatti che le capacità di elaborazione del linguaggio naturale finalizzate alla trascrizione medica distinguono Nuance da altre società simili.

Sebbene non pensi che l’acquisizione avrà inizialmente un grande impatto sull’assistenza sanitaria, poiché Nuance è già un attore affermato, Pessin vede la voce come una componente importante delle future interfacce uomo-macchina e dell’esperienza utente.

Sebbene Nuance disponga di un prodotto leader di mercato per il settore sanitario, le sue tecnologie possono essere utilizzate in altri settori verticali. Secondo una ricerca di IDC, la spesa per l’IA raggiungerà 110,7 miliardi di dollari entro il 2024, con banche, produzione e sanità che rappresenteranno quasi la metà di quella cifra globale.

Ritu Jyoti, vicepresidente del programma della pratica mondiale di ricerca sull’intelligenza artificiale e l’automazione presso IDC, ritiene che mentre Microsoft potrebbe inizialmente concentrarsi sull’assistenza sanitaria, a lungo termine la società amplierà probabilmente il suo raggio d’azione.

“Oltre all’assistenza sanitaria, Nuance fornisce competenze in materia di intelligenza artificiale e soluzioni di coinvolgimento dei clienti attraverso Interactive Voice Response (IVR), assistenti virtuali e soluzioni digitali e biometriche alle aziende di tutto il mondo in tutti i settori”, ha affermato Jyoti. “Questa esperienza si unirà all’ampiezza e alla profondità del cloud di Microsoft, inclusi Azure, Teams e Dynamics 365, per offrire soluzioni di sicurezza e coinvolgimento dei clienti di nuova generazione”.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!