Dell e VMware, è ufficiale: separazione entro la fine del 2021

Le due aziende hanno annunciato lo spin-off societario, ma continueranno a collaborare sulla base di un accordo commerciale di 5 anni

Dell VMware
Michael Dell

Dell Technologies e VMware hanno ufficializzato la decisione di separarsi: l’operazione di scorporo dovrebbe concretizzarsi nel quarto trimestre del 2021, e prevede la distribuzione di un dividendo straordinario tra 11,5 e 12 miliardi di dollari agli azionisti VMware immediatamente prima della conclusione della transazione.

Dell aveva ottenuto il controllo di VMware nel 2016, nell’ambito dell’ampia operazione di acquisizione del gruppo EMC annunciata un anno prima.

Già lo scorso luglio il colosso americano aveva rivelato di stare valutando l’alienazione parziale o totale della sua quota (80,6%) di azioni VMware.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Ora, spiega un comunicato, dopo un’analisi completa delle potenziali opzioni strategiche sul tavolo, entrambe le parti hanno concluso che lo scorporo è vantaggioso sia in termini di semplificazione degli assetti societari e azionari, sia in termini di creazione di valore per entrambe nel medio e lungo termine.

Dell ha dichiarato che lo spin-off produrrà due entità indipendenti “posizionate per la crescita nell’era dei dati”. Al completamento dell’operazione, Michael Dell rimarrà chairman e CEO di Dell Technologies, e chairman del board di VMware. Mentre Zane Rowe rimarrà CEO ad interim di VMware (ruolo in cui è stato insediato lo scorso febbraio al momento dell’uscita di Pat Gelsinger, che era stato CEO di VMware per 8 anni), e il board di VMware rimarrà immutato.

Lo spin-off darà a VMware più flessibilità strategica, operativa e finanziaria, nonché più agilità per perseguire la sua strategia di crescita, si legge in un comunicato VMware.

Quanto a Dell, ha spiegato che l’operazione le permetterà di rafforzare la struttura societaria e azionaria e capitalizzare così al meglio la crescita economica post Covid e la relativa domanda di investimenti in infrastrutture IT e personal computer, nonché di nuovi modelli operativi basati sul software-as-a-service, e di edge computing. Dell pianifica di utilizzare la sua quota (tra 9,3 e 9,7 miliardi) del dividendo che verrà distribuito al momento dello spin-off per abbattere il suo debito finanziario.

Se la separazione sarà netta a livello societario, comunque, le aziende continueranno a collaborare strettamente nell’operatività quotidiana. Nella presentazione dello spin-off agli investitori è stato precisato che l’operazione prevede un accordo commerciale di 5 anni, con revisione annuale, secondo cui le forze di vendita Dell continueranno a proporre soluzioni VMware, e VMware continuerà a proporre ai propri clienti Dell Financial Services come fornitore di servizi finanziari. Inoltre il piano prevede obiettivi commerciali il cui raggiungimento sarà controllato attraverso un meccanismo formalizzato di governance congiunto.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!

CWI.it
Con 12 milioni di lettori in 47 paesi, Computerworld è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, implementano o utilizzano la tecnologia in azienda.