Da Dell 9 miliardi di aiuti per i clienti, e sostegno immediato ai partner

Dilazioni di pagamento, finanziamenti a tasso zero ed estensioni dei leasing le misure più importanti. Il commento di Adolfo Dell’Erba, Channel Senior Director Italia

Dell Technologies Payment Flexibility

Dell Technologies ha presentato una serie di misure di sostegno per aiutare clienti e partner ad affrontare le difficoltà finanziarie connesse all’emergenza Covid-19, e dare continuità ai progetti di digitalizzazione già avviati o pianificati.

Ieri è stato annunciato il Payment Flexibility Program, un pacchetto del valore di 9 miliardi di dollari rivolto ai clienti e affidato a Dell Financial Services (DFS).

In sintesi i provvedimenti sono i seguenti:

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

tassi di interesse zero per finanziamenti a 24-36 mesi per acquisti di tutte le soluzioni server, storage e di networking di Dell Technologies, con eliminazione dei pagamenti anticipati.

· Dilazioni fino a 180 giorni del primo pagamento su tutte le infrastrutture e i servizi per data center, e fino a 90 giorni per laptop e desktop.

· Disponibilità di opzioni di leasing a breve termine (6, 9 o 12 mesi) di laptop, desktop e workstation destinati a progetti di smart working o formazione a distanza;

Scadenza a un anno per le offerte a consumo nel programma Dell Technologies On Demand. È possibile scalare l’utilizzo di soluzioni convergenti, iperconvergenti, cloud ibrido, storage e protezione dei dati di Dell Technologies e pagare solo per ciò che si utilizza. La componente “Flex on Demand” (storage DellEMC, Server PowerEdge, soluzioni HCI e PowerOne CI) è disponibile anche con opzioni di durata da tre a cinque anni.

Risale invece a una decina di giorni fa un post della numero uno per il canale Joyce Mullen (President, Global Channel, Embedded & Edge Solutions di Dell Technologies), che ha annunciato una serie di provvedimenti di “immediate relief” specificamente a sostegno dei partner, che coinvolgono i programmi Market Development Fund (MDF), Business Development Fund (BDF) e Dell Technologies Working Capital Solutions (WCS) nonché la divisione Dell Financial Services (DFS).

“Sappiamo che la pianificazione finanziaria e la gestione del cash flow giocano un ruolo essenziale in qualsiasi strategia di business continuity, e molti dei nostri partner potrebbero aver bisogno di aiuto in questo campo mentre cercano di rispondere alla domanda dei clienti, e di mantenere la prodittività dei propri collaboratori in questi tempi difficili – scrive Mullen -. Con questo in mente abbiamo pensato ai seguenti provvedimenti per dare sollievo immediato ai partner”.

– un contributo una tantum fino al 50% del bilancio tra Market Development Fund (MDF) e Business Development Fund (BDF) del partner da utilizzare per attività marketing future: la richiesta si può inoltrare fino al 20 giugno, e in caso di approvazione la somma sarà liquidata immediatamente.

– Per i metaled solutions provider, formazione senza commissioni sul deployment dei servizi per le soluzioni Unity XT, VxRail e DP4400 da adesso al 31 maggio.

Tariffazioni agevolate di formazione per i gruppi di persone della stessa azienda.

Per i distributori: eliminati i target di crescita del primo semestre dell’anno fiscale 2021 sulle soluzioni client, in linea con l’eliminazione dei programmi target-based per i solution provider atttuata lo scorso febbraio.

Estensione della possibilità di spendere i fondi MDF e BDF in scadenza tra marzo e luglio fino al 24 luglio 2020.

Nell’ambito del programma Working Capital Solutions (WCS), attualmente utilizzato da circa 1500 partner in 74 paesi, i partner con clienti che usufruiscono di finanziamenti di DFS possono beneficiare di dilazioni di pagamento da 60 a 90 giorni. “In questo modo con WCS i partner possono anche andare incontro alle richieste di dilazioni di pagamento dei loro clienti finali: entro finestre di 60-90 giorni i cicli di pagamento possono essere definiti su misura per rispecchiare i tempi di pagamento del cliente finale”, scrive Mullen.

Quanto a Dell Financial Services, che nello scorso anno fiscale ha istruito pratiche per 8,5 miliardi di dollari di finanziamenti, cioè il 16% in più dell’anno prima, Dell ha aggiunto alcune soluzioni di finanziamento dei pagamenti straordinarie e valide fino all’1 maggio prossimo, personaliizzabili sulla base delle esigenze del cliente finale con dilazioni di pagamento e azzeramenti delle quote di pagamento anticipate:

finanziamento a tasso zero su 24 mesi per Server e alcune soluzioni Storage;

finanziamenti al 3,99% a 36 mesi per gran parte dei prodotti Dell;

– opzioni di leasing anche di 6 mesi di alcuni modelli di laptop, thin client e workstation;

– dilazioni di credito di 3, 6 e anche 9 mesi in casi specifici.

Riguardo al mercato italiano, Adolfo Dell’Erba – Channel Senior Director Italia di Dell Technologies – ha così commentato questi annunci: “Sicuramente il periodo è difficile, e constatiamo preoccupazione soprattutto da parte di quei partner di piccole dimensioni focalizzati sui settori più impattati dalla crisi e con un parco clienti ridotto. Al contempo diverse società stanno mettendo in campo le proprie competenze per sviluppare tutte le soluzioni necessarie a una ripartenza dell’attività lavorativa in sicurezza dei propri clienti, perché ci saranno comunque opportunità per coloro che saranno veloci nel coglierle. C’è una diffusa consapevolezza di lavorare in un settore sempre più strategico e necessario alla ripartenza del Sistema Italia, e tanta voglia di ripartire prima possibile”.

Oltre a Dell, molti altri vendor IT hanno pubblicamente annunciato iniziative di supporto straordinario per clienti e partner di canale: in questi articoli abbiamo raccontato i “programmi Covid-19” di Cisco, di Microsoft, di Exclusive Networks, di SAP, e di HPE.

Daniele Lazzarin
Sono ingegnere gestionale, e giornalista professionista dal 1999. Da allora scrivo di sistemi informativi business, di trasformazione digitale, e dell’impatto delle tecnologie sulla gestione delle aziende. Mi potete seguire su LinkedIn e su Twitter.