Il 2021 segna per Aikom Technology il giro di boa dei 15 anni di attività. Il distributore specializzato in soluzioni wireless broadband, di radio comunicazioni professionali e videosorveglianza, ha chiuso il 2020 nuovamente in crescita, nonostante la pandemia e i suoi riflessi negativi sull’economia, registrando una crescita del 3% del fatturato. Un risultato, spiega un comunicato stampa, che premia la capacità imprenditoriale nell’aver adattato velocemente la strategia commerciale sulla base delle mutate esigenze, inserendo nuovi marchi a portafoglio e riorganizzando le attività interne.

Il 2021 si apre con nuovi importanti obiettivi, da raggiungere in stretta sinergia con quei clienti (system integrator e reseller) che hanno evidenziato, già nell’anno passato, una forte motivazione alla crescita, in termini di competenze, strategie e struttura.

Nel 2020 la PA ha rallentato, il settore privato ha resistito

Aikom lavora da sempre con la PA, oltre che col settore privato e i WISP. Nel 2020, secondo il punto di vista del distributore, l’emergenza sanitaria ha causato un rallentamento nelle procedure di acquisto e nelle gare d’appalto della PA, mentre la domanda di connettività, di prodotti wireless broadband e per la videosorveglianza del settore privato è aumentata esponenzialmente.

Il canale ha reagito diversamente in base alle capacità imprenditoriali e alla struttura delle diverse aziende, ma ha risposto compatto e in modo positivo agli spunti di formazione e innovazione proposti da Aikom, con presenza massiccia a tutti i webinar, i workshop e training tecnici organizzati nel 2020 su piattaforme virtuali, che si è tradotta in vendite e progetti importanti per il distributore.

“Tra 2019 e 2020 abbiamo raddoppiato il numero di clienti che lavorano con noi per la parte videosorveglianza e connettività WiFi Enterprise”, sottolinea Mauro Renzi, General Manager di Aikom Technology. “I clienti apprezzano la competenza dello staff e l’offerta di marchi selezionati, che creano un ecosistema tecnologico affidabile, completo e in grado di rispondere in modo tempestivo alle esigenze di un mercato ICT con esigenze sempre nuove: in un mondo tecnologico che cresce in modo esponenziale e spesso caotico, la nostra missione è rendere semplice, per i nostri clienti, scegliere una soluzione e strutturare un progetto”.

Aikom segnala inoltre come proprio valore aggiunto la capacità di anticipare, nella proposta tecnologica alla propria rete partner, l’evoluzione delle tendenze sociali; nell’anno della pandemia infatti ha inserito a portafoglio nuovi brand come Hikvision, che con le sue telecamere termografiche ha permesso di aprire nuove opportunità di business e approcciare nuovi clienti, ed Engage, il dispositivo indossabile per il rilevamento della distanza sociale basato su tecnologia ultra wide band. I marchi consolidati dell’offerta Aikom, come Cambium Networks, Motorola Solutions e Avigilon, che si stanno evolvendo sempre più verso soluzioni di comunicazione unificata, hanno trainato le vendite. In particolare, la richiesta di banda performante per supportare lo smart working e la didattica a distanza ha alimentato il sell-out. I WISP hanno aumentato tantissimo la presenza sul territorio, rafforzando le loro reti per soddisfare la fortissima richiesta di banda anche in zone rurali, fuori dai tradizionali centri urbani, e l’esigenza aumentata di backhaul wireless per la videosorveglianza e la sicurezza.

Nel 2021 interessanti opportunità dal WiFi6

La capacità di virare la strategia commerciale sulla base delle contingenze e un rapporto sempre più proattivo con i principali brand a portafoglio, sarà un punto saliente anche per il 2021.

“Nel 2021 lavoreremo ancora a stretto contatto con i WISP e con Cambium Networks – spiega Raffaele Bianchi, Sales Manager di Aikom TechnologyÈ infatti l’anno in cui, ci auguriamo, verranno finalmente liberalizzate le frequenze sui 60 GHz e l’anno di decollo del WiFi6. Queste due tecnologie renderanno il wireless “la nuova fibra” e permetteranno uno sviluppo del Paese senza precedenti. In questo momento WISP, ISP e System Integrator svolgono un ruolo fondamentale e Aikom Technology è preparata a supportarli con competenza, prodotti e risorse. Con un’infrastruttura senza fili così forte, la convergenza totale delle applicazioni in ambito voce, dati, e video sul Wireless broadband è la naturale conseguenza: per questo prevediamo un forte sviluppo di prodotti come cnVision, la piattaforma di connettività wireless di Cambium Networks progettata per le esigenze di backhaul nella videosorveglianza e delle soluzioni di comunicazione unificata Motorola Solutions, che portano ad una fusione in termini hardware e software di radio a due vie, device LTE, smartphone, videosorveglianza e cloud. Immaginare e progettare perfetti ecosistemi tecnologici a servizio della sicurezza insieme ai nostri partner è la soluzione di Aikom per un 2021 vincente”.

Il 2021 si apre dunque per Aikom con occhi puntati su 60 GHz, WiFi6, e su brand che vedranno, nel corso dell’anno, importanti novità, come Teltonika per l’Industrial IoT, Peplink per l’aggregazione di banda e hot failover e Selea per la lettura targhe e il controllo accessi.

“La pandemia ci ha insegnato a lavorare a distanza e a trovare nuove leve a livello commerciale e nuove logiche”, precisa Mauro Renzi. “Non abbiamo però smesso di investire in risorse e nel presidio territoriale. Abbiamo appena inaugurato un nuovo presidio in Sardegna e stiamo rafforzando la divisione Aikom Inside Sales, che ha un grande valore in termini di sviluppo del business e rapporto quotidiano con i partner”.