Il CEO di Apple Tim Cook ha annunciato il suo arrivo a Pechino, nel fine settimana, con un clamoroso debutto sul social network cinese Weibo. Lo scopo della sua visita: presentare le importanti nuove iniziative ambientali di Apple, che vuole arrivare ad alimentare tutte le sue attività con energia rinnovabile nei prossimi anni.

Apple ha dichiarato ieri che ha intenzione di rendere “green” i suoi impianti di produzione in Cina, uno sforzo che la società ha già intrapreso con i suoi uffici, data center ed Apple Store in tutto il mondo. L’azienda non ha spiegato in dettaglio come intende ridurre le emissioni di anidride carbonica nelle proprie fabbriche cinesi, ma Cook ha detto che ci vorranno anni per portare a termine l’operazione.

Apple è in una posizione unica per prendere l’iniziativa verso questo ambizioso obiettivo”, ha detto Cook in un comunicato. “Si tratta di una responsabilità che ci assumiamo. Siamo entusiasti di lavorare con manager, nella nostra supply chain, che vogliono essere all’avanguardia nella trasformazione green della Cina”.

La società ha anche lanciato un nuovo progetto con il World Wildlife Fund per proteggere fino a 1 milione di ettari di foreste, che forniranno la fibra per cellulosa, carta, prodotti in legno e per imballaggi dei prodotti Apple.

Queste ultime iniziative arrivano a poche settimane di distanza dall’annuncio del primo progetto di energia solare Apple in Cina, che consiste di due parchi solari da 20 megawatt in grado di generare fino a 80 milioni di chilowattora di energia pulita all’anno. I due parchi avvicineranno Apple al suo obiettivo di utilizzare al 100 per cento energie rinnovabili: attualmente l’87 per cento delle sue attività sono alimentate da energia rinnovabile.

Perché questo è importante per Apple

I siti produttivi dei partner cinesi di Apple rimangono una priorità per l’azienda, in particolare a seguito di una denuncia fatta nel 2012 dal New York Times sulle condizioni di quegli stabilimenti. La Cina è estremamente importante per la continua crescita di Apple, soprattutto in merito alle vendite di iPhone, quindi da un alto queste iniziative non sorprendono, dall’altro rientrano nell’ambizioso progetto di Apple di diventare un’azienda modello.