Finanziamenti per la Banda Ultralarga: lo Stato interverrà fino al 70%

Il Comitato interministeriale per la transizione digitale guidato dal ministro per l’Innovazione tecnologica Vittorio Colao ha definito i principi per il nuovo piano Banda Ultralarga.

banda ultralarga

Il Comitato interministeriale per la transizione digitale, guidato dal ministro per l’Innovazione tecnologica Vittorio Colao, ha definito i principi del testo da sottoporre ai commenti degli operatori per il piano che, grazie ai 3,86 miliardi di euro del Recovery Plan (PNRR), punta a coprire con la banda ultralarga le cosiddette aree grigie e nere del territorio nazionale.

L’intervento pubblico, attraverso bandi di gara, servirà a coprire con almeno 1 Gbit/s in download e 200 Mbit/s in upload le unità immobiliari che, stando alla mappatura effettuata da Infratel, risultano non coperte da reti con una velocità di almeno 300 Mbit/s in download, livello superiore ai 100 Mbit/s ipotizzati.

Per l’intervento dello Stato, dopo che sono stati scartati i modelli diretto e a concessione, è stato scelto quello a incentivo, secondo cui i progetti presentati dai privati potranno essere finanziati in parte dal pubblico (attorno al 70% del valore delle opere) e l’infrastruttura realizzata resterà di proprietà dell’operatore aggiudicatario. I finanziamenti saranno però disponibili solo quando l’operatore avrà realizzato anche le tratte verticali, rendendo quindi effettivamente attivabili le connessioni per gli utenti senza ulteriori lavori.

ADV
HP Wolf Security

Il perimetro aziendale oggi passa dalla casa dei dipendenti

Metà dei dipendenti usa il PC anche per scopi personali e il 30% lascia che venga utilizzato da altri famigliari. La tua cybersecurity è pronta per le sfide del lavoro remoto? LEGGI TUTTO >>

Sarà inoltre possibile presentare progetti sia in fibra ottica, sia con sistema misto fibra-wireless e gli aggiudicatari avranno l’obbligo di consentire l’accesso wholesale (all’ingrosso) agli altri operatori. Per quanto riguarda la tabella di marcia, la consultazione pubblica partirà in agosto; in seguito ci saranno la pre-notifica e la successiva notifica della misura di aiuto alla Commissione europea, con lo scopo di arrivare all’avvio dei bandi tra fine anno o più probabilmente nel primo trimestre 2022, con aggiudicazione verso metà dell’anno.

Tempi più lunghi invece per il piano Italia 5G, visto che, su richiesta degli operatori, la chiusura della consultazione sulla mappatura degli investimenti è stata rinviata dal 26 luglio al 31 agosto.

Se questo articolo ti è stato utile, e se vuoi mantenerti sempre aggiornato su cosa succede nell’industria ICT e ai suoi protagonisti, iscriviti alle nostre newsletter:

CWI: notizie e approfondimenti per chi acquista, gestisce e utilizza la tecnologia in azienda
CIO:
approfondimenti e tendenze per chi guida la strategia e il personale IT
Channelworld: notizie e numeri per distributori, rivenditori, system integrator, software house e service provider

Iscriviti ora!