ASUS a fianco di scuole e famiglie per combattere il digital divide

Nell’ambito del programma QuBı̀ verranno consegnati alle scuole di Milano 500 pc e tablet ASUS. Attivata inoltre la piattaforma “WIKIASUS per le scuole”

Donazione ASUS QuBì

Tra grandi attese e qualche incertezza, è iniziato l’anno scolastico 2020, il primo nella storia della scuola italiana in cui è prevista una didattica “mista” tra lezioni in presenza e a distanza. Durante l’emergenza Covid-19 la necessità di proseguire le lezioni con la didattica a distanza ha fatto emergere difficoltà legate alla mancanza di adeguati strumenti digitali. Per far fronte al fenomeno del “digital divide” e alla disuguaglianza che può conseguirne, Ricetta QuBı̀, il programma promosso da Fondazione Cariplo contro la povertà minorile a Milano, ha donato 500 dispositivi tra personal computer e tablet e 500 connessioni alle famiglie in fragilità tra le 23 Reti QuBì sul territorio. L’iniziativa è stata resa possibile grazie alla collaborazione di Cariplo Factory, TechSoup, Fastweb, Intesa Sanpaolo, ASUS, Danone, TeamSystem e RePower.

Nell’ambito di un ampio progetto, volto a combattere la dispersione scolastica causata dall’impossibilità di fruire dei contenuti didattici da remoto per mancanza di attrezzature tecnologiche, ASUS ha fatto una donazione di 110 personal computer, a cui seguirà una consegna di altri 390 dispositivi. Consegnati agli istituti del territorio, saranno distribuiti dai dirigenti scolastici, che individueranno i bambini e i ragazzi in maggiore stato di bisogno.

La società ha inoltre lanciato la piattaforma WIKIASUS per le scuole, che offre contenuti gratuiti e accessibili a tutti creati per supportare l’inclusione e l’alfabetizzazione digitale. Sulla piattaforma sono disponibili brevi video che aiutano i più piccoli a prendere dimestichezza con gli strumenti informatici e suggeriscono ai genitori come creare un ambiente sicuro e protetto dove i bambini possano imparare a usare quegli strumenti.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Abbiamo voluto contribuire all’operazione di Programma QuBì in quanto questo progetto si sposa perfettamente con la missione di ASUS”, ha dichiarato Massimo Merici, Responsabile Divisione SYS PC. “Inclusione e accessibilità sono infatti le parole d’ordine su cui fondiamo i nostri valori, per far sì che la tecnologia diventi proprietà di tutte le comunità e che la ricerca dell’innovazione che da sempre ci caratterizza sia motore di crescita, senza esclusioni”.

CWI.it
Con 12 milioni di lettori in 47 paesi, Computerworld è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, implementano o utilizzano la tecnologia in azienda.