Edge, blockchain e AI: ecco le nuove ambizioni di VMware

Nel corso di VMWorld 2018 VMware ha presentato i progetti Project Dimension (edge computing), Project Magna (AI) and Project Concord (blockchain).

vmware

Gli annunci di nuovi prodotti e nuovi servizi che hanno caratterizzato VMWorld 2018, e di cui abbiamo parlato ieri in questo approfondimento, non sono stati gli unici protagonisti dell’evento andato in scena a Las Vegas a fine agosto. VMware ha infatti presentato in anteprima anche tre progetti in fase di sviluppo relativi a edge computing, intelligenza artificiale e blockchain enterprise.

Il primo è Project Dimension, che mira a fornire la funzionalità delle offerte cloud di VMware come servizio gestito. Project Dimension combina gli elementi di VMware Cloud Foundation, inclusi servizi definiti dal software per calcolo, storage, rete e sicurezza, con le funzionalità di gestione del cloud in un form factor iperconvergente gestito da VMware. Proprio come VMware Cloud su AWS gestisce l’infrastruttura di un cliente nel cloud Amazon, Project Dimension gestirà i data center e le edge location del cliente, come le filiali e i siti dei magazzini.

“Si tratta di un ambiente completo end-to-end gestito da VMware”, ha affermato il CEO Pat Gelsinger. “Questo è Project Dimension: prendere lo stack completo di VMware Cloud Foundation e renderlo disponibile nel cloud, nell’edge e on premise.”

Tutto l’hardware risiederà nei siti edge del cliente, una scelta che le aziende potrebbero fare per carichi di lavoro che richiedono un’elaborazione locale per motivi di prestazioni, costi o disponibilità. VMware collabora con Dell EMC e Lenovo per la parte hardware, che sarà progettata per connettersi automaticamente a VMware Cloud e configurarsi automaticamente una volta arrivato sul sito del cliente.

“Ciò che vogliamo fare è offrirvi la semplicità di VMware Cloud e portarla fino all’edge” ha detto Ray O’Farrell, CTO di VMware. “Ora estendiamo questo servizio alla vostra infrastruttura, al vostro data center e al vostro edge e ciò ci permette di gestire l’infrastruttura allo stesso modo”. VMware gestirà infatti la gestione dell’infrastruttura, la risoluzione dei problemi e l’esecuzione di patch e manutenzione. “Monitoreremo direttamente la vostra infrastruttura”, ha affermato O’Farrell. Se VMware rileva un problema, come la connettività di rete intermittente, il sistema creerà automaticamente una richiesta di assistenza. “Avrete visibilità su cosa sta succedendo, ma il servizio gestito da VMware starà già risolvendo il problema.”

In fase di sviluppo c’è anche Project Magna, un’iniziativa che punta a sfruttare l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico per creare un’infrastruttura virtuale in grado di auto-ottimizzare. “Project Magna applica il machine learning agli ambienti dei data center per aumentare le prestazioni e l’efficienza e aiuta a connettere i punti attraverso enormi set di dati e a ottenere una visione approfondita attraverso lo stack, partendo dal codice dell’applicazione, dall’infrastruttura software e hardware fino al cloud pubblico e all’edge. Sfrutta centinaia di punti di controllo per ottimizzare l’infrastruttura a livello di prestazioni e policy specificate dall’utente”, ha affermato O’Farrell

In una dimostrazione VMware ha mostrato come Project Magna possa apprendere e comprendere il comportamento delle applicazioni e quindi utilizzare tali conoscenze per modellare, testare e riconfigurare una rete, scegliendo una dimensione di frame di rete più ottimale per prestazioni più elevate. “Questo è un uso dell’apprendimento automatico e dell’IA che trasformerà automaticamente la modalità di automazione di questi data center”, ha affermato O’Farrell. “L’obiettivo è la vera automazione della vostra infrastruttura, in modo da concentrarvi sulle applicazioni che soddisfano realmente le esigenze della vostra azienda.”

La terza novità in via di sviluppo, ora disponibile come progetto open source, è Project Concord, un’iniziativa di VMware per aiutare le aziende ad affrontare i loro obiettivi blockchain. La blockchain sta cominciando ad apparire tra i carichi di lavoro dei data center aziendali. “Stiamo assistendo a un numero crescente di organizzazioni che valutano le blockchain per gli smart contract e per soluzioni di consenso digitale. Questa tecnologia sta davvero assumendo un ruolo fondamentale nel modo in cui le aziende interagiranno l’una con l’altra”.

Project Concord è un’infrastruttura fiduciaria scalabile, efficiente dal punto di vista energetico e decentralizzata per il consenso digitale e l’esecuzione di smart contract. Può essere utilizzata per alimentare infrastrutture di fiducia distribuite, comprese le blockchain e la visione di VMware è quella di creare ulteriori elementi focalizzati sull’azienda (capacità di verifica e conformità, sicurezza, tolleranza ai guasti e integrazione con altre offerte VMware) attorno al motore del consenso di Project Concord, in modo da facilitare la condivisione affidabile delle informazioni tra le imprese.

“Questa non è solo un’altra implementazione di blockchain. Ci siamo concentrati, molto chiaramente, a fare in modo che ciò sia positivo per le imprese. Project Concord si concentra sulle prestazioni e sulla scalabilità”, ha detto O’Farrell. “Abbiamo visto esempi in cui l’esecuzione di algoritmi di consenso ha richiesto oltre 80 giorni su alcune delle infrastrutture più comuni e ampiamente utilizzate in blockchain. Con Project Concord potrete farlo in due ore e mezza.”