Coronavirus: come l’automazione può aiutare i provider di rete

Secondo Netflix, Zoom, Dropbox ed Equinix l'automazione può svolgere un ruolo importante nel mantenimento delle operazioni IT durante la pandemia di COVID-19.

coronavirus

La piattaforma di videoconferenza di Zoom è esplosa in popolarità nelle ultime settimane a causa (o per merito) dello smart working casalingo dovuto all’epidemia di coronavirus e parte del merito per essere in grado di tenere il passo con la domanda va all’automazione. “Disponiamo di un’automazione che consente di scalare rapidamente la nostra infrastruttura, la rete e l’infrastruttura di elaborazione, con un intervento umano molto limitato” ha affermato Alex Guerrero, senior manager delle operazioni SaaS di Zoom.

Ciò si è tradotto nella capacità di mantenere i livelli di servizio in un momento in cui i livelli di traffico sono in flusso e l’accesso fisico all’infrastruttura di rete è limitato. La scorsa settimana Guerrero ha partecipato a un panel virtuale per fornire uno sguardo all’interno delle operazioni di rete di Zoom, Netflix, Dropbox ed Equinix durante la pandemia.

Le competenze di programmazione di rete in tutto il settore sono diventate più importanti man mano che le aziende passano al software-defined network e adottano l’automazione per combattere la complessità della gestione dell’infrastruttura IT. La fluidità del software, importante per l’amministrazione dell’automazione, è una skill necessaria per il team di rete di Zoom, che utilizza strumenti di programmazione tra cui Ansible e Puppet. Gli ingegneri di rete senior di Zoom devono “andare oltre la conoscenza di Perl oggi. Devono conoscere anche altri linguaggi di programmazione”, ha detto Guerrero.

adv
Cloud Communication Business

Nell’era digitale il centralino va in Cloud

La telefonia di nuova generazione è in software-as-a-service: non richiede di installare centralini hardware, gestisce fisso e mobile, e consente di attivare nuove linee o filiali con un clic, abilitando Smart Working e Unified Communication. SCOPRI DI PIÙ >>

Zoom non è il solo a fare affidamento sull’automazione per scalare rapidamente reti e infrastrutture. Il provider di data center Equinix ha registrato aumenti di traffico tra il 10% e il 40% negli ultimi mesi e i suoi clienti hanno accelerato i loro piani per ridimensionare la capacità della rete. “Avere la capacità fisica, insieme alle capacità di automazione, ha permesso ad Equinix di assorbire l’aumento di volume” ha affermato Bill Long, vice presidente senior di Equinix.

Anche in Dropbox i team di rete si affidano alle funzionalità di automazione per stare al passo con la crescente domanda della piattaforma di cloud storage dell’azienda. “L’automazione è una delle cose principali che stiamo facendo oggi con le reti” ha dichiarato Dzmitry Markovich, direttore senior di Dropbox. “Raramente tocchiamo questi dispositivi manualmente.”

automazione

I membri del panel in videoconferenza hanno anche parlato di come stanno supportando il proprio personale IT aziendale e adattandosi a nuovi modelli di lavoro. “Operiamo in un momento molto incerto”, ha dichiarato Dave Temkin, vicepresidente senior delle infrastrutture di rete e di sistema di Netflix. “Non sappiamo davvero per quanto tempo opereremo in questa modalità. Voglio garantire che i nostri clienti abbiano un servizio di alta qualità, ma voglio anche assicurarmi che i miei team si sentano supportati”.

Passare dal lavoro in un ufficio al lavoro da casa, senza le solite interazioni sociali, può essere una transizione dolorosa che richiede supporto. “L’ho visto nella nostra azienda. L’ho visto in diverse aziende. Vedo come le persone faticano ad adattarsi a questa situazione. Quindi è importante tenerlo a mente”, continua Markovich.

Dropbox sta cogliendo l’opportunità di apprendere le best practice dai suoi dipendenti che sono abituati a lavorare in remoto. Anche tenere traccia della produttività è importante. “Monitoriamo la nostra produttività ogni singola settimana, perché prendiamo decisioni diverse all’interno dell’azienda su come sarà la prossima settimana”, ha detto Markovich. “Quando tutti lavorano da casa, è facile perdere slancio. Bisogna avere una metrica chiara per capire.”

Mentre la pandemia di coronavirus ha portato le aziende a spostare rapidamente le operazioni e gli investimenti IT, non è chiaro quali cambiamenti rimarranno dopo l’eliminazione delle restrizioni di viaggio. “Quanti di questi cambiamenti che stiamo vedendo ora, che funzionano davvero abbastanza bene, diventeranno la nuova normalità?” E quanti di noi torneranno ai vecchi modi di fare le cose?”

Una cosa che sembra chiara è che è improbabile che la domanda di ingegneri di rete diminuisca. “Quando assumiamo ingegneri di rete e personale di automazione della rete, chiediamo a tutti di essere in grado di programmare”, ha detto Markovich. “Anzi, tra cinque anni non ci sarà posto per ingegneri di rete che non abbiano imparato le skill di automazione della rete”.