Con l’uscita di Skype for Business, Microsoft seppellisce il marchio Lync

Ma gli amministratori di sistema possono forzare l'utilizzo della vecchia versione di Lync, soprattutto se usano un server di comunicazione interno all'azienda.

Microsoft ha iniziato oggi la distribuzione della nuova versione del client Lync, denominato Skype for Business dallo scorso novembre

Il client aggiornato fa parte dell’aggiornamento di aprile per Office 2013 rilasciate martedì. Il cambiamento non si limita al nome, ma si estende anche al design dell’interfaccia utente, che riprende molti elementi dal client Skype per il mercato consumer.

I clienti di Office 365 che hanno i permessi per utilizzare Lync Online – compresi quelli inclusi nelle licenze Premium e Enterprise E3 riceveranno il nuovo client a partire da oggi. Microsoft ha però dichiarato che il rollout non si concluderà prima della fine di maggio.

Microsoft ha annunciato il cambiamento a novembre, a tre anni dall’acquisizione di Skype, rispondendo alla fine ai dubbi degli analisti sul perché l’azienda abbia finora mantenuto due linee di prodotti software così simili. Sia Lync, sia Skype sono focalizzati sui messaggi istantanei e la videoconferenza, con il primo destinato alle imprese e il secondo rivolto invece ai consumatori.

Il nuovo Skype for Business sarà in grado di contattare gli utenti Skype non solo per le chat di messaggistica istantanea e le chiamate audio, ma anche per le videochiamate, un elemento che conferma l’integrazione tra le due piattaforme che va bene al di là della denominazione.

Il nuovo Skype for Business sarà l’applicazione predefinita per gli utenti Office 2013 e Office 365, a meno che questi non utilizzino un Lync Server interno all’azienda. In quest’ultimo caso, il client Lync rimarrà quello predefinito.

Gli amministratori IT che non vogliono che i loro utenti utilizzino il nuovo client saranno in grado di forzare l’utilizzo del vecchio Lync utilizzando le impostazioni delle Group Policy. Allo stesso modo, gli amministratori che gestiscono un Lync Server interno all’azienda possono far migrare agli utenti alla interfaccia di Skype for Business immediatamente, sempre tramite le Group Policy. Microsoft ha pubblicato le istruzioni dettagliate per gli utenti Office 365 e per gli utenti di server Lync “on premises”.

Skype for Business è disponibile anche come servizio basato su cloud, con prezzi di $ 2 o $ 5,50 per utente al mese.